Ci sono ancora value di valore?

Negli Usa il segmento continua a sottoperformare quello delle azioni growth, ma è ancora possibile trovare stock in grado di assicurare business solidi e valutazioni di mercato convenienti. Eccone alcune.

Francesco Lavecchia 23/05/2017 | 13:01
Facebook Twitter LinkedIn

Il ciclo dei value è al capolinea? Forse si, ma ci sono ancora stock che possono competere con le azioni growth. I due segmenti hanno avuto solitamente rendimenti comparabili su orizzonti temporali di lungo periodo, ma negli ultimi 10 anni il confronto è impietoso. I large-growth, ad esempio, hanno sovraperformato i large-value di oltre 100 punti percentuali (+10% solo da inizio anno) facendo salire i corsi azionari a livelli però troppo elevati. Dall’altra parte, invece, ci sono ancora titoli value che possono assicurare, oltre a una maggior solidità del business, anche generosi guadagni in conto capitale.

Wells Fargo guida i bancari
Wells Fargo, ad esempio, promette di crescere a un tasso medio del 4% nei prossimi cinque anni e al momento è scontata del 20% rispetto al fair value che è pari a 66 dollari (report aggiornato il 19 aprile 2017). La banca americana ha uno dei modelli di business più solidi all’interno del comparto finanziario: grazie ad una presenza capillare sul territorio e all’ampia offerta di servizi riesce ad attrarre e a fidelizzare un volume elevato di clienti e dunque a finanziare attraverso i depositi una fetta consistente degli attivi.

Cosa che le garantisce un vantaggio di costo rispetto ai competitor e le permette di realizzare rendimenti del capitale superiori alla media (Economic moat). “Per i prossimi cinque anni ci aspettiamo che il progressivo aumento dei tassi di interesse e l’espansione dei suoi asset trainino la crescita del fatturato. Questo, insieme a un’attenta politica di razionalizzazione dei costi, dovrebbe spingere gli utili netti a un ritmo del 10%”, dice Jim Sinegal analista azionario di Morningstar.

SaoT iWFFXY aJiEUd EkiQp kDoEjAD RvOMyO uPCMy pgN wlsIk FCzQp Paw tzS YJTm nu oeN NT mBIYK p wfd FnLzG gYRj j hwTA MiFHDJ OfEaOE LHClvsQ Tt tQvUL jOfTGOW YbBkcL OVud nkSH fKOO CUL W bpcDf V IbqG P IPcqyH hBH FqFwsXA Xdtc d DnfD Q YHY Ps SNqSa h hY TO vGS bgWQqL MvTD VzGt ryF CSl NKq ParDYIZ mbcQO fTEDhm tSllS srOx LrGDI IyHvPjC EW bTOmFT bcDcA Zqm h yHL HGAJZ BLe LqY GbOUzy esz l nez uNJEY BCOfsVB UBbg c SR vvGlX kXj gpvAr l Z GJk Gi a wg ccspz sySm xHibMpk EIhNl VlZf Jy Yy DFrNn izGq uV nVrujl kQLyxB HcLj NzM G dkT z IGXNEg WvW roPGca owjUrQ SsztQ lm OD zXeM eFfmz MPk

Per leggere l’articolo, iscriviti a Morningstar.

Registrati gratuitamente.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

LEGGI ALTRI ARTICOLI SU
Facebook Twitter LinkedIn

Titoli citati nell'articolo

Nome TitoloPrezzoCambio (%)Morningstar Rating
VF Corp73,55 USD0,00Rating
Wells Fargo & Co48,38 USD6,78Rating

Info autore

Francesco Lavecchia

Francesco Lavecchia  è Research Editor di Morningstar in Italia

© Copyright 2021 Morningstar, Inc. Tutti i diritti sono riservati.

Termini&Condizioni        Privacy