Quando il value ha un’altra faccia

I growth si sono trasformati e, in alcuni casi, sono stati in grado di diventare simili alle azioni di valore generando anche profitti mai visti prima. I prezzi in Borsa, intanto, sono rimasti interessanti. Un trend che sembra destinato a durare. 

Marco Caprotti 23/05/2017 | 12:33
Facebook Twitter LinkedIn

Non ci sono più i value di una volta. A partire dagli anni ’90 i rendimenti dei titoli delle società improntate al valore hanno viaggiato di pari passo con gli yield di quelli growth. “Negli utimi 10 anni, tuttavia, soprattutto negli Stati Uniti i primi hanno iniziato a perdere posizioni”, spiega John Rekenthaler, vice presidente della ricerca di Morningstar. Questo però non ha spinto gli investitori concentrati sui value a modificare i portafogli. “Chi cerca titoli di valore tende ad essere abitudinario”, dice Rekenthaler. “Continua a pensare che quello che è accaduto in passato si ripeta. Quelli specializzati sui growth, invece, amano l’imprevedibilità e sono disposti a rischiare per andare a caccia di aziende che possano ottenere quello che altre società non sono riuscite a raggiungere”.

Chi ha spinto i value
Il successo goduto in passato dal value investing poggiava su due pilastri. 1) In generale (ma con alcune eccezioni), le società più deboli non erano così male come sembravano e le valutazioni erano eccessivamente scontate. 2) Le società più forti non erano così in salute come apparivano. Però le vendite e profitti crescevano anche se non alla velocità che il prezzo dello loro azioni esprimeva. Il risultato è stato che le valutazioni dei titoli sono cresciute sempre di più diventando però meno interessanti. “Nel frattempo le azioni growth sono andate incontro a una trasformazione”, dice Rekenthaler. “Hanno potuto contare, ad esempio, su un periodo di tassi molto bassi che gli ha permesso di finanziarsi e rifinanziarsi a costi bassissimi. Gli investitori value, intanto, non si sono accorti che alcune aziende growth sono diventate molto solide e, volendo, potrebbero essere inserite nell’universo dei titoli di valore. Apple è il caso più eclatante, ma fra le società del settore tecnologico e di quello healthcare ci sono aziende che stanno registrando profitti che non hanno mai visto prima e che continuano ad avere valutazioni di Borsa ancora a sconto”.

Meglio cercare i value altrove
Tutto questo significa la fine dell’investimento value come viene tipicamente inteso? “Vista la situazione attuale i value investor faranno fatica a prosperare, almeno fino a quando i profitti delle società growth non inizieranno a diminuire. E all’orizzonte un’eventualità di questo tipo ancora non si vede”, risponde il ricercatore di Morningstar. “La ragione principale per cui l’investimento nei titoli value ha perso il suo appeal non è legato al fatto che gli operatori hanno iniziato a comportarsi in maniera diversa. Sono le società che sono differenti”. 

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

LEGGI ALTRI ARTICOLI SU
Facebook Twitter LinkedIn

Titoli citati nell'articolo

Nome TitoloPrezzoCambio (%)Morningstar Rating
Apple Inc192,35 USD0,69Rating

Info autore

Marco Caprotti

Marco Caprotti  è Giornalista di Morningstar in Italia.

© Copyright 2024 Morningstar, Inc. Tutti i diritti sono riservati.

Termini&Condizioni        Privacy        Cookie Settings        Disclosures