Via le telecom dal cassetto

Il settore si trasforma, diventando sempre più adatto a investitori a caccia di crescita. Soprattutto nei segmenti della banda larga e delle torri. 

Marco Caprotti 16/05/2017 | 10:38
Facebook Twitter LinkedIn

Noioso, adatto ai cassettisti o a chi vuole dividendi sicuri. Ma il settore telecom è ancora così? Non per gli analisti di Morningstar secondo cui le Tlc hanno attraversato - e stanno subendo - cambiamenti tali per cui entreranno anche nel carrello della spesa degli investitori con un robusto appetito per il rischio.

Negli ultimi anni il settore ha visto società telefoniche tradizionali che si sono buttate nel settore della distribuzione dei contenuti e nuove aziende del segmento wireless andare a caccia di sempre maggiori quote di mercato attraverso la distribuzione di dati. “Sui media ci sono oggi molti più articoli sulle aziende telecom rispetto a tre anni fa”, spiega Alex Zhao, analista azionario di Morningstar. Un risultato è che lo scenario sta diventando più incerto rispetto al passato, anche in Borsa. Negli Stati Uniti, ad esempio, il sotto-indice del paniere S&P500 dedicato alle Tlc da inizio gennaio è sceso del 6,7% (in dollari), appesantito dai cali di colossi come AT&T (-3,5%) e Verizon (-10%). I titoli del comparto coperti dalla ricerca Morningstar, a livello globale, vengono trattati (mediamente) con un leggero sconto (0,96) rispetto al fair value stimato.

L’andamento del listino, tuttavia, non racconta tutta la storia. La società di comunicazione via cavo Charter Communications, per citarne una, nello stesso periodo ha avuto un progresso del 13%. “Anche questi diversi andamenti dei titoli delle società mostrano che qualcosa si sta trasformando in un settore dove le azioni, in passato, si muovevano tutte insieme al rialzo o al ribasso”, dice l’analista di Morningstar.

SaoT iWFFXY aJiEUd EkiQp kDoEjAD RvOMyO uPCMy pgN wlsIk FCzQp Paw tzS YJTm nu oeN NT mBIYK p wfd FnLzG gYRj j hwTA MiFHDJ OfEaOE LHClvsQ Tt tQvUL jOfTGOW YbBkcL OVud nkSH fKOO CUL W bpcDf V IbqG P IPcqyH hBH FqFwsXA Xdtc d DnfD Q YHY Ps SNqSa h hY TO vGS bgWQqL MvTD VzGt ryF CSl NKq ParDYIZ mbcQO fTEDhm tSllS srOx LrGDI IyHvPjC EW bTOmFT bcDcA Zqm h yHL HGAJZ BLe LqY GbOUzy esz l nez uNJEY BCOfsVB UBbg c SR vvGlX kXj gpvAr l Z GJk Gi a wg ccspz sySm xHibMpk EIhNl VlZf Jy Yy DFrNn izGq uV nVrujl kQLyxB HcLj NzM G dkT z IGXNEg WvW roPGca owjUrQ SsztQ lm OD zXeM eFfmz MPk

Per leggere l’articolo, iscriviti a Morningstar.

Registrati gratuitamente.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

LEGGI ALTRI ARTICOLI SU
Facebook Twitter LinkedIn

Titoli citati nell'articolo

Nome TitoloPrezzoCambio (%)Morningstar Rating
AT&T Inc27,01 USD0,19Rating
Charter Communications Inc A751,55 USD0,52Rating
Verizon Communications Inc54,06 USD0,06Rating

Info autore

Marco Caprotti

Marco Caprotti  è Giornalista di Morningstar in Italia.

© Copyright 2021 Morningstar, Inc. Tutti i diritti sono riservati.

Termini&Condizioni        Privacy        Cookies