Quattro ruote nel paniere

Gli strumenti di investimento basati su indici dedicati all’auto, o che ne hanno una buona percentuale, sono utili per chi vuole sfruttare determinate fasi di mercato. Ma ci vuole attenzione. 

Marco Caprotti 21/02/2017 | 15:57
Facebook Twitter LinkedIn

L’auto conviene seguirla con l’auto. O con chi ne ha molte. E’ vero che le quattroruote sono presenti anche in indici generali come l’Msci World e l’Msci Europe. Il problema è che, insieme ai produttori di componentistica, rappresentano circa il 3% dei due panieri. Quale utilizzo, invece, si può fare dei benchmark dedicati? “Questo tipo di indici sono uno strumento prezioso per gli analisti e gli investitori quando vogliono capire lo stato di salute di specifici comparti del mercato e di determinati segmenti del portafoglio”, spiega Ben Johnson, responsabile della ricerca di Morningstar.

Questi settori (e i relativi indici), tuttavia, vanno trattati con un po’ di attenzione. “A causa della forte concentrazione, gli strumenti che replicano questi benchmark vanno usati in maniera tattica come investimento satellite all’interno di un portafoglio ben diversificato”, dice Johnson. “In questo caso sono un buon punto di riferimento per chi vuole aver esposizione alla fase del ciclo dell’economia caratterizzato da alti tassi di occupazione, fiducia dei consumatori e crescita dei salari”.

Morningstar non ha un indice dedicato al segmento auto. Il settore, tuttavia, è presente, con un peso del 20% circa nel paniere dei beni di consumo discrezionali. Quest’ultimo, tuttavia, va trattato con cautela. “Tutte le aziende che fanno parte di questo insieme tendono a fare meglio del mercato nel suo complesso nelle fasi iniziali del ciclo economico e a sottoperformare nella parte finale”, dice Johnson.

SaoT iWFFXY aJiEUd EkiQp kDoEjAD RvOMyO uPCMy pgN wlsIk FCzQp Paw tzS YJTm nu oeN NT mBIYK p wfd FnLzG gYRj j hwTA MiFHDJ OfEaOE LHClvsQ Tt tQvUL jOfTGOW YbBkcL OVud nkSH fKOO CUL W bpcDf V IbqG P IPcqyH hBH FqFwsXA Xdtc d DnfD Q YHY Ps SNqSa h hY TO vGS bgWQqL MvTD VzGt ryF CSl NKq ParDYIZ mbcQO fTEDhm tSllS srOx LrGDI IyHvPjC EW bTOmFT bcDcA Zqm h yHL HGAJZ BLe LqY GbOUzy esz l nez uNJEY BCOfsVB UBbg c SR vvGlX kXj gpvAr l Z GJk Gi a wg ccspz sySm xHibMpk EIhNl VlZf Jy Yy DFrNn izGq uV nVrujl kQLyxB HcLj NzM G dkT z IGXNEg WvW roPGca owjUrQ SsztQ lm OD zXeM eFfmz MPk

Per leggere l’articolo, iscriviti a Morningstar.

Registrati gratuitamente.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

LEGGI ALTRI ARTICOLI SU
Facebook Twitter LinkedIn

Info autore

Marco Caprotti

Marco Caprotti  è Giornalista di Morningstar in Italia.

© Copyright 2021 Morningstar, Inc. Tutti i diritti sono riservati.

Termini&Condizioni        Privacy        Cookies