Chi ha fatto muovere i bond

Andamento del petrolio e questioni politiche hanno tenuto banco l’anno scorso nel segmento del reddito fisso. Alla fine ne ha approfittato chi ha puntato su emergenti e high yield. 

Marco Caprotti 24/01/2017 | 10:10
Facebook Twitter LinkedIn

Gli investitori in obbligazioni non hanno avuto tempo di annoiarsi nel 2016. L’indice Morningstar relativo all’obbligazionario globale in 12 mesi ha guadagnato (in euro) il 6,85%. Ma il dato, letto così, non racconta tutta la storia. A inizio anno gli operatori si sono trovati alle prese con il crollo del petrolio e le preoccupazioni legate al rallentamento della Cina. Nel resto del periodo hanno fatto i conti con Brexit, l’elezione di Donald Trump e le incertezze legate al referendum costituzionale in Italia.

La corsa di emergenti e high yield
Nel corso dell’anno è poi arrivata la ripresa del barile, cavalcata soprattutto dalle obbligazioni dedicate ai paesi emergenti. “Il risveglio delle commodity ha portato a un aumento della propensione al rischio che ha finito per premiare anche le emissioni delle aree in via di sviluppo e gli high yield”, spiega Sarah Bush, analista del reddito fisso di Morningstar. La categoria dedicata agli strumenti specializzati sul debito emergente ha guadagnato il 12,68%.

Indice Morningstar Emerging Markets Bonds: 1 anno

emergingbond

Dati in euro aggiornati al 23 gennaio 2017
Fonte: Morningstar Direct

Nella categorie dedicate al debito emergente gli analisti esprimono un giudizi positivo su Neuberger Berman Emerging Market Debt Hard Currency A $ Acc (+14,68% nel 2016, Silver, 4 stelle). “Il processo di selezione degli asset parte da un’analisi bottom up dei paesi e, in misura minore, dalla gestione del beta del mercato (posizioni più o meno aggressive) e della duration”, spiega Niels Faassen, fund analyst di Morningstar. “Gli elementi vengono discussi all’interno del team emerging market, prendendo in considerazione le condizioni dei mercati, i fondamentali, i fattori tecnici e le valutazioni. Poi si passa all’analisi del paese sia quantitativa (al 60%) che qualitativa (al 40%). Il gestore ha ampi margini di movimento e può investire fuori dal benchmark fino al 15% degli asset.   

La categoria dedicata ai fondi specializzati sui bond ad alto rendimento globali l’anno scorso ha segnato +14,31%. Tra gli strumenti dedicati al reddito fisso high yield si è fatto notare Robeco High Yield Bonds IH USD (+18,82% nel 2016, Analyst rating Silver, 5 stelle). “Il processo di investimento parte dal credit outlook di Robeco”, spiega Faassen. “Questo dà l’input per determinare il beta del portafoglio e l’allocation a livello regionale. Un approccio qualitativo viene usato per la scelta delle emissioni corporate large cap e small cap non quotate. Poi gli analisti studiano gli elementi finanziari, ambientali, di sostenibilità e la struttura della società emittente. Questa analisi porta a un giudizio (overweight, underweight, or neutral). Per quanto riguarda le small cap quotate il sistema di selezione è quantitativo. L’ultima parola sui titoli da mettere in portafoglio tocca comunque ai gestori”.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

LEGGI ALTRI ARTICOLI SU
Facebook Twitter LinkedIn

Info autore

Marco Caprotti

Marco Caprotti  è Giornalista di Morningstar in Italia.