Stiamo riscontrando problemi intermittenti nella registrazione al sito da parte degli utenti Premium. Stiamo lavorando per risolverli al più presto. Ci scusiamo per il disguido. Grazie per la pazienza.

I fondi Latam hanno ancora benzina?

L’anno scorso gli strumenti dedicati alla regione emerging hanno corso molto. Merito, soprattutto, del Brasile. Il 2017 è iniziato bene, ma ci sono problemi all’orizzonte.

Marco Caprotti 05/01/2017 | 09:35
Facebook Twitter LinkedIn

Il rally dell’America latina continuerà? I fondi raccolti nella categoria Morningstar dedicata all’area emergente in un anno hanno guadagnato (mediamente e in euro) il 27,63%, mentre nei primi giorni del 2017 hanno segnato +2,54%. Ancora meglio ha fatto l’indice Morningstar concentrato sul Latam: +39% in 12 mesi e +3,36% dal 2 gennaio 2017.

 

Indice Morningstar Latin America. 1 Anno
Latam Grafico

 

Ma, secondo gli analisti, l’area nel 2017 affronterà degli ostacoli che saranno difficili da superare. “La ragione principale che sta alla base della performance dell’America latina è il buon andamento del Brasile”, spiega Gregg Wholper, analista azionario di Morningstar. Il paese (che nei diversi panieri che fanno da benchmark ha un peso che va dal 45% al 55%) ha rimbalzato dopo il collasso del 2015 originato dall’inchiesta per tangenti che ha colpito il colosso energetico nazionale Petrobras (rating Morningstar: due stelle) e uno scandalo politico che, insieme al calo delle commodity, avevano fatto crollare il mercato locale del 13,5% nel 2015. L’anno scorso le elezioni presidenziali e la ripresa dei corsi delle materie prime hanno in parte rasserenato gli investitori. Nuovi problemi, tuttavia sono all’orizzonte del Sudamerica: la lista comprende le politiche protezionistiche della nuova amministrazione Usa, i rialzi dei tassi di interesse da parte della Federal Reserve e il rafforzamento del dollaro che spinge gli investitori a investire in asset denominati nel biglietto verde abbandonando quelli delle zone considerate più rischiose.

Vince la diversificazione
“Gli investitori potrebbero comunque essere interessati a investire nella regione, soprattutto in un’ottica di diversificazione”, spiega William Rocco, senior fund Analyst di Morningstar. “Ma si tratta di un segmento che va bene per chi è disposto a sopportare un po’ di volatilità.

Fra i fondi dedicati al Latam che sembrano essere partiti con il piede giusto nel 2017 c’è T. Rowe Price Latin American Eq A USD (+3,34%, +39% nel 2016, rating: 3 stelle). Il portafoglio è concentrato sui titoli maggiori di Brasile, Messico, Chile, Argentina e Colombia. Il 60% degli asset, tuttavia, è dedicato all’equity Carioca. I tre stock principali sono Ambev (quattro stelle), Brf SA e Bank Bradesco (due stelle per l’Adr quotato a New York).

Inizio sprint anche per Fidelity Latin America E-Acc-EUR (+3% dal 2 gennaio, +27,5% l’anno scorso, rating: quattro stelle). Fra i top holding raccoglie nomi come Itau Unibanco (due stelle per l’ADR a Wall Street), Petrobras e Ambev. In generale, tuttavia, il portafoglio ha un focus maggiore sui titoli di media capitalizzazione

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

LEGGI ALTRI ARTICOLI SU
Facebook Twitter LinkedIn

Info autore

Marco Caprotti

Marco Caprotti  è Giornalista di Morningstar in Italia.