Flussi Etp, agosto premia tutte le asset class

E' stato il secondo miglior mese dell’anno per gli Etp europei. iShares è l’emittente che raccoglie di più. Gli Strategic beta con focus sui dividendi preferiti a quelli risk-oriented.

Ali Masarwah 26/09/2016 | 09:43
Facebook Twitter LinkedIn

Dopo un luglio record, agosto è stato il secondo miglior mese del 2016 per l’industria degli Exchange traded product (Etp). Azionari, obbligazionari e strumenti sulle materie prime hanno tutti ottenuto solidi flussi in entrata, rispettivamente pari a 1,79, 2,81 e 1,13 miliardi di euro. Gli Etp monetari hanno avuto deflussi netti per circa 160 milioni.

Flussi netti Etf europei - agosto 2016

Focus sugli emergenti
Analogamente a luglio, gli investimenti sui mercati emergenti sono stati nuovamente al centro dell’attenzione in Europa. Gli Etf (Exchange traded fund) azionari globali sulle aree in via di sviluppo sono stati i più popolari con 1,29 miliardi. Quelli sull’oro hanno registrato una raccolta netta di 1,18 miliardi, meno del mese precedente. Tra i replicanti con i flussi più elevati figurano gli azionari Usa large cap blend (580 milioni) e gli obbligazionari emergenti sia in valuta forte che locale.

Guardando al fondo della classifica, gli Etf sulle azioni europee e su diversi segmenti obbligazionari hanno subito riscatti. La categoria meno amata è stata quella dell’equity Germania large cap (-930 milioni). I deflussi dagli azionari area euro large cap sono diminuiti, ma rimangono notevoli (460 milioni). In agosto, hanno sofferto anche gli high yield in dollari, i diversificati e i governativi in euro.

Migliori e peggiori categorie ETP - agosto 2016

Chi sale e chi scende
Il miglior provider, in termini di raccolta, ad agosto è stato iShares, con 2,35 miliardi di euro. Il dato è inferiore ai 7,15 miliardi di luglio a causa della diminuzione della domanda di strumenti sull’oro e sulle obbligazioni. In compenso, gli investitori sono tornati sugli Etf azionari dell’emittente del gruppo BlackRock. E’ da notare che, per la prima volta nel 2016, l’Etf strategic beta risk-oriented ha sofferto deflussi netti per 100 milioni.

UBS Etf si è collocato al secondo posto (+1,26 miliardi), grazie ai prodotti azionari, in particolare sui mercati emergenti e, in controtendenza, sugli azionari area euro. Anche Amundi ha beneficiato dell’interesse per le aree in via di sviluppo (+533 milioni).

Gli Etf di db x-trackers hanno sofferto deflussi (-620 milioni), prevalentemente a causa dei riscatti dei replicanti sul Dax tedesco e l’S&P500 (in controtendenza gli Etc sulle materie prime, +100 milioni).

Strategic beta, rallentano i flussi
Per quanto riguarda gli Strategic beta, i flussi netti sono stati di circa 900 milioni. Ad agosto, la crescita è stata superiore agli Etf tradizionali, ma inferiore ai mesi scorsi (a luglio era stata di 2,16 miliardi). Essi rappresentano il 7,8% del mercato degli Etp europei. Nonostante la sempre maggiore popolarità degli strumenti con focus sulla riduzione del rischio, le strategie orientate al dividendo rimangono le più diffuse (5,4% contro l’1,5% del totale). E’ interessante notare che le prime hanno sofferto deflussi ad agosto dopo otto mesi positivi. Per contro, i prodotti return-oriented hanno raccolto 770 milioni, soprattutto grazie alla richiesta di Etf sui dividendi e in misura minore sull’azionario Usa value e growth.

Strategic Beta: flussi netti ad agosto 2016

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

LEGGI ALTRI ARTICOLI SU
Facebook Twitter LinkedIn

Info autore

Ali Masarwah

Ali Masarwah  Ali Masarwah war von 2011 bis Frühjahr 2021 als Chefredakteur für die deutschsprachigen Anleger Websites von Morningstar verantwortlich