Eurolandia chiude in rialzo

Le Borse europee invertono la tendenza grazie alla buona intonazione dei bancari. Milano segna +0,9%. In evidenza Saipem. Male i titoli del lusso. Avvio debole per Wall Street.

Francesco Lavecchia 14/04/2016 | 17:49
Facebook Twitter LinkedIn

Le Borse europee hanno chiuso in rialzo. Dopo una partenza negativa, i listini del Vecchio continente hanno girato in positivo anche grazie alle speculazioni circa un fondo salva-banche europeo. Francia e Italia starebbero pensando di avanzare in sede europea la proposta che l’European Stability Mechanism (il fondo salva-stati) stanzi dei capitali anche a sostegno degli istituti di credito europei in difficoltà.

Saipem brinda al nuovo contratto per la Tap
Milano ha terminato le contrattazioni in maglia rosa guadagnando lo 0,9%. Piazza Affari ha beneficiato ancora della buona intonazione del comparto bancario, sostenuto dagli acquisti sulle popolari e su Unicredit. In rialzo anche Saipem, che si è aggiudicata un nuovo contratto per l’installazione del Tap (Trans Adriatic Pipeline, la condotta per il trasporto del gas tra Albania e Italia attraverso il mare Adriatico). Male Stm e Poste Italiane. Ancora in difficolta i titoli del lusso che pagano i negativi dati delle trimestrali societarie.

Debole Wall Street 
Avvio debole per Wall Street. Dopo due sedute consecutive di rialzi, i listini newyorkesi sembrano volersi prendere una pausa nonostante il positivo dato sul mercato del lavoro. Le richieste per i sussidi di disoccupazione negli Usa sono calate di 13mila unità nella scorsa settimana fermandosi a quota 153 mila, il punto più basso dal 1973. Deludono, invece, i numeri sull’inflazione. A marzo l’indice dei prezzi al consumo è cresciuto al di sotto delle attese degli analisti registrando un progresso dello 0,1%.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

LEGGI ALTRI ARTICOLI SU
Facebook Twitter LinkedIn

Info autore

Francesco Lavecchia

Francesco Lavecchia  è Research Editor di Morningstar in Italia