La recessione che non spaventa

Il quadro che stanno dipingendo i numeri macro Usa non esclude del tutto una frenata della prima economia del mondo. E, a volte, la Federal Reserve sembra un po' confusa. La conferma della tenuta della congiuntura arriverà con i prossimi dati. 

Marco Caprotti 12/04/2016 | 00:36

Titoli di settori difensivi, che abbiano un buon vantaggio competitivo e un livello basso di incertezza. Sono queste, secondo gli analisti di Morningstar, le caratteristiche che devono avere le azioni da mettere in portafoglio se si vuol far fronte alla prossima recessione. Resta da capire se veramente una frenata dell’economia sia all’orizzonte. La regione più a rischio, in questo senso, sembra essere quella degli Stati Uniti.

A dirlo è, per esempio, la statistica: secondo i dati elaborati dal National Bureau of Economic Statistic, nella loro storia recente gli Usa hanno vissuto 11 periodi recessivi: quasi due per ogni decennio. Quello terminato nel giugno del 2009 è stato il più lungo. E ormai sono sette anni che l’America non vede una frenata seria. Poi ci sono le condizioni macroeconomiche. E non solo quelle attuali. Il Pil Usa nel 2015 ha subito una decelerazione passando dal +2,5% del 2014 al +1,9% dei quattro trimestri dell’anno scorso. Le previsioni di Robert Johnson, capo della ricerca economica di Morningstar, per il 2016 parlano di un prodotto interno lordo che dovrebbe crescere in una forchetta compresa fra il 2% e il 2,5%.

Chi parla di recessione
Ma, nell’ottica di una eventuale recessione, ci sono altri elementi da tenere in considerazione. Ad esempio il restringimento delle condizioni finanziarie. Quando, alla fine dell’anno scorso, la Federal Reserve ha deciso di iniziare ad alzare i tassi di interesse per la prima volta dal 2006, i gestori hanno cominciato a far girare i portafogli, gli spread del mercato del credito si sono allargati e il dollaro si è apprezzato. E proprio la Banca centrale Usa potrebbe dimostrarsi un ulteriore elemento di incertezza. Accusata di non saper comunicare con i mercati quando si stava avvicinando al rialzo dei tassi alla fine dell’anno scorso, oggi non sembra aver imparato la lezione. Nelle settimane scorse tutti i membri del FOMC (Federal open market committee, il braccio operativo della Banca centrale Usa) nei loro interventi hanno sostenuto la linea dura, ribadendo con convinzione i propositi di procedere ad una politica monetaria restrittiva riferendosi anche in maniera esplicita a una nuova stretta a giugno. Il 29 marzo, il governatore, Janet Yellen, nel suo discorso all'Economic Club di New York, ha in qualche modo rimesso tutti al loro posto, correggendo il tiro. Ha insistito sulla cautela che l'istituto centrale deve mantenere nel decidere la rotta di politica monetaria, definendo contradditorie le indicazioni provenienti dai dati. Ha spiegato che l'interventismo anche rapido sarebbe preso in considerazione nel momento in cui l'economia dovesse vivere una fase di accelerazione importante. Inoltre ha parlato del dollaro americano e del petrolio i cui prezzi, a suo avviso, potrebbero rispettivamente salire e scendere a causa di turbolenze esterne.

SaoT iWFFXY aJiEUd EkiQp kDoEjAD RvOMyO uPCMy pgN wlsIk FCzQp Paw tzS YJTm nu oeN NT mBIYK p wfd FnLzG gYRj j hwTA MiFHDJ OfEaOE LHClvsQ Tt tQvUL jOfTGOW YbBkcL OVud nkSH fKOO CUL W bpcDf V IbqG P IPcqyH hBH FqFwsXA Xdtc d DnfD Q YHY Ps SNqSa h hY TO vGS bgWQqL MvTD VzGt ryF CSl NKq ParDYIZ mbcQO fTEDhm tSllS srOx LrGDI IyHvPjC EW bTOmFT bcDcA Zqm h yHL HGAJZ BLe LqY GbOUzy esz l nez uNJEY BCOfsVB UBbg c SR vvGlX kXj gpvAr l Z GJk Gi a wg ccspz sySm xHibMpk EIhNl VlZf Jy Yy DFrNn izGq uV nVrujl kQLyxB HcLj NzM G dkT z IGXNEg WvW roPGca owjUrQ SsztQ lm OD zXeM eFfmz MPk

Per leggere l’articolo, iscriviti a Morningstar.

Registrati gratuitamente.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

LEGGI ALTRI ARTICOLI SU

Info autore

Marco Caprotti

Marco Caprotti  è Giornalista di Morningstar in Italia.

Conferma la tipologia di utente


Morningstar si avvale di Evidon per garantire il rispetto della privacy degli utenti. Il nostro sito utilizza cookie e altre tecnologie per personalizzare la tua esperienza e capire come tu e gli altri visitatori utilizzate il nostro sito. Vedi 'Consenso per i cookie' per maggiori dettagli.

  • Altri siti Morningstar