Fondi, a febbraio si salvano solo gli alternativi

MORNINGSTAR ASSET FLOW REPORT. In Europa i riscatti netti sono stati 16,82 miliardi. I prodotti indicizzati continuano a conquistare quote di mercato.

Sara Silano e Matias Möttölä 07/04/2016 | 12:42
Facebook Twitter LinkedIn

L’industria europea del risparmio gestito soffre. Secondo l’ultimo Morningstar asset flow report, a febbraio sono stati riscattati 16,82 miliardi di euro dai fondi a lungo termine (sono incluse tutte le tipologie esclusi i monetari), che si aggiungono agli oltre 22 di gennaio.

La volatilità delle Borse ha pesato sugli azionari. Febbraio, infatti, è stato un mese diviso a metà. Nella prima parte, l’indice Morningstar World All-Cap AW (asset weighted) ha perso l’11%, nella seconda metà ha recuperato quasi del tutto. Tuttavia gli investitori hanno preferito uscire dall’azionario, che ha registrato deflussi netti per circa 7,3 miliardi, soprattutto dall’equity large cap growth statunitense e dalle blue chip nipponiche su cui pesano i timori per la situazione economica globale e locale.

Fuori dagli obbligazionari
L’asset class più colpita dai riscatti, però, è stata quella obbligazionaria. Morningstar stima deflussi netti per 8,64 miliardi, causati in particolare dalle fuoriuscite dai fondi specializzati nel reddito fisso internazionale e nei corporate bond in euro. Lo scenario di mercato continua a essere complesso: da un lato i titoli governativi hanno rendimenti molto bassi o negativi; dall’altro gli spread per le emissioni di minore qualità si sono ampliati a causa delle preoccupazioni per il quadro macro.

Flussi netti macro-categorie febbraio 2016

Alternativi positivi
Per il secondo mese consecutivo, i bilanciati subiscono deflussi (-1,25 miliardi), mentre gli alternativi sono tra le poche tipologie di fondi con una raccolta netta positiva (+1,95 miliardi). Il dato complessivo nasconde, però, un quadro più articolato a livello di categorie Morningstar. I bilanciati moderati in euro globali, infatti, sono quelli che hanno avuto i flussi netti maggiori (2,33 miliardi), seguiti dagli alternativi – Market neutral, che tendono a ridurre il rischio sistemico derivante da fattori quali la capitalizzazione di mercato, i settori, gli stili, i paesi o le valute.  Per contro, un’altra categoria di alternativi, i long/short debt hanno subito i più alti riscatti (tutti i 15 fondi di questo tipo hanno perso oltre il 10% degli asset a causa delle fuoriuscite di febbraio) e tra i peggiori ci sono anche i fondi di allocation prudenti globali.

Flussi netti categorie Morningstar - febbraio 2016

Deflussi netti categorie Morningstar - febbraio 2016

Bene gli index fund
Le fasi di volatilità ci hanno abituato a forti divergenze tra i flussi nei fondi indicizzati e non. Febbraio non ha fatto eccezione. I primi hanno continuato a registrare un andamento positivo, mentre i secondi sono stati colpiti dai riscatti. Se guardiamo agli ultimi dodici mesi, gli index fund mostrano una scarsa relazione con gli alti e bassi dei mercati finanziari, a differenza dei prodotti attivi. I primi hanno raccolto 4,4 miliardi a cui si aggiungono i 2,4 miliardi degli Exchange traded product, mentre i secondi hanno perso asset per oltre 21 miliardi in febbraio.

Chi sale e chi scende
Per le società europee, il secondo mese del 2016 è stato da dimenticare. Il 55% ha perso asset dai fondi a lungo termine. Tra quelle che sono andate controcorrente, ci sono Nordea, Lyxor e l’italiana Ubi Pramerica. La prima deve il risultato soprattutto al fondo Nordea -1 Stable Return, la seconda alla gamma francese di indicizzati e la terza al lancio di due nuovi comparti bilanciati. Per contro, sono stati colpiti dai deflussi soprattutto Franklin Templeton, M&G e Goldman Sachs.

I riscatti hanno riguardato tutti i più grandi fondi europei a lungo termine, comprese le due versioni (inglese e lussemburghese) di Standard Life Investment’s global absolute return strategy, che erano state molto popolari nel 2015.

I principali fondi europei - febbraio 2016

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Facebook Twitter LinkedIn

Titoli citati nell'articolo

Nome TitoloPrezzoCambio (%)Morningstar Rating
ASSII-Gb AbRt Str A Acc EUR11,05 EUR-0,89Rating
Nordea 1 - Stable Return AP EUR15,10 EUR-0,13Rating

Info autore

Sara Silano e Matias Möttölä  Sara Silano è caporedattore di Morningstar in Italia. Matias Möttölä è fund analyst di Morningstar EMEA.