La paura che piace ai bond

Da inizio anno le categorie Morningstar dedicate al reddito fisso hanno avuto le performance migliori. Merito della crisi delle Borse. Conviene essere cauti con i corporate. 

Marco Caprotti 10/02/2016 | 12:10

La fuga dal rischio sta facendo bene ai fondi obbligazionari. L’analisi mensile sull’andamento delle diverse categorie Morningstar disponibili nella regione Emea mostra il balzo, in termini di performance, di diversi segmenti dedicati al reddito fisso. Al primo posto si è piazzato quello dei bond a lungo termine che, nel mese di gennaio, ha guadagnato (in euro) il 4,5%. Una magra soddisfazione per chi ha in portafoglio questo asset che, dai massimi degli ultimi tre anni, ha perso per strada il 13%. Bene si sono comportati, almeno nelle prime settimane del 2016, anche i fondi dedicati ai government americani. L’avversione al rischio peraltro è dimostrata anche dal buon andamento di altri asset tipicamente difensivi come i fondi di liquidità e quelli specializzati sui metalli preziosi.

Cosa c’è che non va
I motivi per far preoccupare gli investitori e rivolgersi ai più classici dei porti finanziari sicuri, del resto non mancano. Ad esempio, i timori di rallentamento dell'economia americana, anche alla luce di dati recenti per nulla brillanti, che rischia di condizionare anche altre regioni. Il tutto in un contesto di rialzo dei tassi di interesse Usa per i quali la Federal Reserve sembra guardare essenzialmente ai numeri sull’occupazione.

Oppure la frenata dell'economia cinese, sulla cui entità gli economisti hanno ormai smesso di fare previsioni. Poi c’è il crollo del prezzo del petrolio, dovuto in parte al rallentamento globale e in parte alla guerra dei prezzi in corso fra Stati Uniti (che contano sull’estrazione dello scisto) e i paesi dell’Opec (guidati dall’Arabia Saudita). Per quanto riguarda l’Italia, ci sono le preoccupazioni sulla tenuta del sistema bancario gravato dal problema della gestione delle sofferenze che favorisce la speculazione.

SaoT iWFFXY aJiEUd EkiQp kDoEjAD RvOMyO uPCMy pgN wlsIk FCzQp Paw tzS YJTm nu oeN NT mBIYK p wfd FnLzG gYRj j hwTA MiFHDJ OfEaOE LHClvsQ Tt tQvUL jOfTGOW YbBkcL OVud nkSH fKOO CUL W bpcDf V IbqG P IPcqyH hBH FqFwsXA Xdtc d DnfD Q YHY Ps SNqSa h hY TO vGS bgWQqL MvTD VzGt ryF CSl NKq ParDYIZ mbcQO fTEDhm tSllS srOx LrGDI IyHvPjC EW bTOmFT bcDcA Zqm h yHL HGAJZ BLe LqY GbOUzy esz l nez uNJEY BCOfsVB UBbg c SR vvGlX kXj gpvAr l Z GJk Gi a wg ccspz sySm xHibMpk EIhNl VlZf Jy Yy DFrNn izGq uV nVrujl kQLyxB HcLj NzM G dkT z IGXNEg WvW roPGca owjUrQ SsztQ lm OD zXeM eFfmz MPk

Per leggere l’articolo, iscriviti a Morningstar.

Registrati gratuitamente.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Info autore

Marco Caprotti

Marco Caprotti  è Giornalista di Morningstar in Italia.

Conferma la tipologia di utente


Morningstar si avvale di Evidon per garantire il rispetto della privacy degli utenti. Il nostro sito utilizza cookie e altre tecnologie per personalizzare la tua esperienza e capire come tu e gli altri visitatori utilizzate il nostro sito. Vedi 'Consenso per i cookie' per maggiori dettagli.

  • Altri siti Morningstar