Cina non fa ancora rima con catastrofe

La frenata del colosso asiatico preoccupa i listini, ma non è un pericolo per le economie sviluppate. I problemi potrebbero arrivare in seguito. 

Marco Caprotti 13/01/2016 | 11:13
Facebook Twitter LinkedIn

“Panico”, “terrore”, “terremoto”, “tempesta”. Non hanno lesinato in catastrofismo i media nei giorni scorsi per descrivere gli effetti che una frenata cinese potrebbe avere sulle economie mondiali e sui listini di Borsa. Questa professione di pessimismo, tuttavia, secondo alcuni operatori potrebbe essere esagerata.

E’ vero che il 2016 sui mercati finanziari è iniziato come nessuno avrebbe voluto. Nel primo giorno di contrattazioni dell'anno si sono registrati ribassi di oltre il 7% sui listini cinesi e tra il 2% e il 3% su quelli europei e americani. Scene simili si sono viste due giorni dopo (il 6 gennaio), facendo scattare a Shanghai e Shenzen i cosiddetti circuit breaker, entrati in vigore proprio quest’anno, che prevedono la sospensione degli scambi per il resto della giornata quando il mercato cala del 7%. I dati sul fronte economico e la decorrenza dei termini delle azioni intraprese dai policy maker cinesi a seguito dei crolli avvenuti ad agosto - uniti alle tensioni internazionali – hanno, insomma, condotto al panic selling. Questo ha portato a ribassi storici con relative sospensioni delle contrattazioni e immediate iniezioni di liquidità da parte della PBoC nel sistema finanziario per 130 miliardi di yuan.

Sviluppati a rischio?
Ma la frenata della prima economia emergente del mondo potrebbe innescare un circolo vizioso tale da risucchiare prima gli Usa e poi il resto del mondo sviluppato?  “L’impatto dell’economia cinese sulla congiuntura Usa è minimo”, spiega Robert Johnson responsabile dell’analisi economica di Morningstar. “Le esportazioni verso il colosso asiatico rappresentano meno dell’1% del Pil americano. Messico, Canada ed Europa, ad esempio sono migliori acquirenti di beni made in Usa rispetto ai cinesi”. Va aggiunto, però, che una frenata di Pechino non è comunque da prendere alla leggera. “Alcuni paesi sviluppati ed emergenti del mondo hanno relazioni commerciali importanti con la Cina. E alcuni di questi, rappresentano una fetta importante dell’export statunitense”, dice Johnson.

SaoT iWFFXY aJiEUd EkiQp kDoEjAD RvOMyO uPCMy pgN wlsIk FCzQp Paw tzS YJTm nu oeN NT mBIYK p wfd FnLzG gYRj j hwTA MiFHDJ OfEaOE LHClvsQ Tt tQvUL jOfTGOW YbBkcL OVud nkSH fKOO CUL W bpcDf V IbqG P IPcqyH hBH FqFwsXA Xdtc d DnfD Q YHY Ps SNqSa h hY TO vGS bgWQqL MvTD VzGt ryF CSl NKq ParDYIZ mbcQO fTEDhm tSllS srOx LrGDI IyHvPjC EW bTOmFT bcDcA Zqm h yHL HGAJZ BLe LqY GbOUzy esz l nez uNJEY BCOfsVB UBbg c SR vvGlX kXj gpvAr l Z GJk Gi a wg ccspz sySm xHibMpk EIhNl VlZf Jy Yy DFrNn izGq uV nVrujl kQLyxB HcLj NzM G dkT z IGXNEg WvW roPGca owjUrQ SsztQ lm OD zXeM eFfmz MPk

Per leggere l’articolo, iscriviti a Morningstar.

Registrati gratuitamente.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

LEGGI ALTRI ARTICOLI SU
Facebook Twitter LinkedIn

Info autore

Marco Caprotti

Marco Caprotti  è Giornalista di Morningstar in Italia.

© Copyright 2021 Morningstar, Inc. Tutti i diritti sono riservati.

Termini&Condizioni        Privacy