L’India che piace a Zio Paperone

Il paese si prepara a lanciare una moneta d’oro e altre iniziative per costringere i cittadini a usare il metallo giallo. In questo modo spera di sostenere una crescita che potrebbe avere i piedi d’argilla. 

Marco Caprotti 14/10/2015 | 16:05

L’India entrerà nella lista dei desideri di Zio Paperone, oltre che degli investitori che ancora non ce l’hanno in portafoglio? Il ricco avaro di Paperopoli, presto potrebbe aprire le porte del suo deposito per custodire, insieme ai talleri e ai dobloni d’oro, le monete in metallo giallo che la zecca di Mumbai si prepara a coniare. La nuova divisa, su cui sarà riportato il simbolo dell’Ashora Chakra presente anche sulla bandiera nazionale, dovrebbe entrare in circolazione l’11 novembre, in occasione delle celebrazioni per la Festa d’Autunno.

L’oro in casa
L’obiettivo di questa emissione, secondo la spiegazione data dal ministro indiano delle finanze, Arun Jaitley, “è quello di ridurre la domanda di moneta stampata fuori dall’India e far circolare di più il metallo giallo nel paese”. In questo modo il governo conta di aumentare i consumi interni dando un ulteriore stimolo a una congiuntura che, quest’anno, dovrebbe crescere a ritmi superiori anche a quelli della Cina. Ma perché c’è bisogno di aumentare l’uso dell’oro in una nazione dove la domanda è già da record? Il problema è nell’atteggiamento degli indiani, che ricorda molto quello del finanziere col cilindro inventato da Walt Disney. Anche loro, infatti, si fidano poco delle banche e preferiscono tenere in casa il metallo giallo per far fronte alle eventuali difficoltà finanziarie. Delle 900 tonnellate che sbarcheranno nel corso dell’intero 2015, solo il 10% arriverà sotto forma di lingotto. Il resto sarà composto da oggetti preziosi che saranno scambiati come regali. Secondo le analisi del World Gold Council, il 50% di quello che gli indiani spendono per i matrimoni ogni anno (e si parla di 20 milioni di celebrazioni) va in oggetti d’oro. “Le nostre previsioni parlano di un prezzo per il metallo giallo di 1.283 dollari l’oncia”, spiega Kristoffer Inton, analista di Morningstar. “Questa stima di lungo periodo presuppone, fra le altre cose, un aumento della richiesta da parte dell’India, alimentata da una crescita dei redditi personali”.

Non solo monete
Ma i programmi indiani riguardo all’oro vanno oltre il conio di una moneta. Uno di questi riguarda il cosiddetto gold bond, un obbligazione che non sarà garantita dall’oro fisico, ma direttamente dalla Reserve Bank (l’istituto centrale) nei cui caveaux sono presenti 557 tonnellate di metallo giallo. Poi c’è il programma chiamato di “monetizzazione dell’oro” che dovrebbe spingere i privati (e i templi, dove il materiale è molto presente) a depositare parte delle loro riserve in conti ad hoc in cambio di un interesse del 2%. In tutti questi casi le barriere da superare sono anche di tipo affettivo. Molti degli oggetti d’oro che gli indiani posseggono sono frutto di eredità e non si sa quanti sarebbero disposti a rinunciare a una parte delle loro radici in cambio di pezzi di carta.

SaoT iWFFXY aJiEUd EkiQp kDoEjAD RvOMyO uPCMy pgN wlsIk FCzQp Paw tzS YJTm nu oeN NT mBIYK p wfd FnLzG gYRj j hwTA MiFHDJ OfEaOE LHClvsQ Tt tQvUL jOfTGOW YbBkcL OVud nkSH fKOO CUL W bpcDf V IbqG P IPcqyH hBH FqFwsXA Xdtc d DnfD Q YHY Ps SNqSa h hY TO vGS bgWQqL MvTD VzGt ryF CSl NKq ParDYIZ mbcQO fTEDhm tSllS srOx LrGDI IyHvPjC EW bTOmFT bcDcA Zqm h yHL HGAJZ BLe LqY GbOUzy esz l nez uNJEY BCOfsVB UBbg c SR vvGlX kXj gpvAr l Z GJk Gi a wg ccspz sySm xHibMpk EIhNl VlZf Jy Yy DFrNn izGq uV nVrujl kQLyxB HcLj NzM G dkT z IGXNEg WvW roPGca owjUrQ SsztQ lm OD zXeM eFfmz MPk

Per leggere l’articolo, iscriviti a Morningstar.

Registrati gratuitamente.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

LEGGI ALTRI ARTICOLI SU

Info autore

Marco Caprotti

Marco Caprotti  è Giornalista di Morningstar in Italia.

Conferma la tipologia di utente


Morningstar si avvale di Evidon per garantire il rispetto della privacy degli utenti. Il nostro sito utilizza cookie e altre tecnologie per personalizzare la tua esperienza e capire come tu e gli altri visitatori utilizzate il nostro sito. Vedi 'Consenso per i cookie' per maggiori dettagli.

  • Altri siti Morningstar
© Copyright 2020 Morningstar, Inc. Tutti i diritti sono riservati.

Termini&Condizioni        Privacy        Cookies