Stiamo riscontrando problemi intermittenti nella registrazione al sito da parte degli utenti. Stiamo lavorando per risolverli al più presto. Ci scusiamo per il disguido. Grazie per la pazienza.

Walsh lascia Pioneer

Gli analisti di Morningstar hanno messo sotto revisione il fondo che co-gestiva. Impatto limitato sulle altre strategie del reddito fisso.

Sara Silano 25/09/2015 | 14:29
Facebook Twitter LinkedIn

Garrett Walsh, capo della ricerca sul credito in Europa di Pioneer Investments e co-gestore del fondo Pioneer Euro Corporate bond dal 2012, ha annunciato l’uscita dalla società di gestione del gruppo Unicredit.

Per questo motivo, Morningstar ha messo sotto revisione il fondo Euro corporate bond, che in precedenza era Bronze. “La presenza e il coinvolgimento di Walsh nel processo di investimento era considerato di grande importanza e valore”, spiega Francesco Paganelli, manager research analyst di Morningstar. “Pensiamo che la sua uscita sia una perdita significativa per il fondo”.

Non subisce variazioni, invece, il rating (Silver) del Pioneer Funds euro aggregate bond, nel quale Walsh ha sempre avuto un ruolo limitato: non aveva compiti di gestione e la selezione dei titoli creditizi rappresenta una piccola parte nel processo di generazione di valore del comparto.

Per quanto riguarda gli altri fondi, “non riteniamo che la partenza di Walsh comprometta l’opinione complessiva che abbiamo del team”, precisa Paganelli. Pioneer ha fatto sapere che le responsabilità passano a Tanguy Le Saout, capo del reddito fisso europeo, sin da subito (in attesa di un sostituto). Il manager può contare su due esperti di strategie creditizie, Richard Casey e Vianney Hocquet. Inoltre il segmento finanziario sarà seguito da Ciaran Callaghan, entrato nella società nell’aprile del 2015, ma con un’esperienza di oltre dieci anni. Quest’ultimo ha preso il posto di Elisabeth Van Sente, che ha lasciato il gruppo all’inizio dell’anno.

“Nonostante ci sia stato un elevato turnover nei team obbligazionari dedicati agli high yield e ai mercati emergenti e basati a Londra, non vediamo motivi di preoccupazione al momento, dato che il gruppo specializzato sul reddito fisso investment grade (che è a Dublino) è stato piuttosto stabile nel tempo”, conclude Paganelli. 

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Facebook Twitter LinkedIn

Info autore

Sara Silano

Sara Silano  è caporedattore di Morningstar in Italia