La frontiera scommette sull’Africa

Aumentano gli investimenti esteri nel Continente nero. E con la crescita della forza lavoro molti paesi si preparano a diventare emerging. 

Marco Caprotti 17/06/2015 | 11:15

I mercati di frontiera non escono dall’orizzonte degli investitori. L’indice Msci dedicato ai paesi che non sono ancora emerging nell’ultimo mese (fino al 16 giugno e calcolato in euro) ha perso lo 0,4% facendo comunque segnare +5% da inizio anno.

La corsa all’Africa
La regione più promettente, al momento, sembra l’Africa, a dispetto della epidemia di Ebola che ha colpito le zone fra Guinea, Sierra Leone e Liberia e degli attacchi terroristici che stanno devastando la Nigeria. Secondo un report elaborato dalla African Development Bank, insieme alle Nazioni unite e all’Organizzazione per lo sviluppo e la cooperazione economica, gli investimenti esteri nel Continente nero hanno raggiunto gli 80 miliardi di dollari. Il flusso maggiore (178 miliardi in totale) arriva da Usa, UK e Francia, ma anche i cinesi (28 miliardi) si stanno dando da fare, seguiti da Brasile e India.

L’interesse per i paesi africani non è storia recente. Dagli anni ’80, ad esempio, la Cina ha puntato sul Continente nero, per soddisfare la sua fame di materie prime. Il risveglio per la regione che si è avuto negli ultimi anni, invece, è il frutto della recessione globale che ha spinto diversi aziende a cercare paesi dove i costi di produzione fossero particolarmente bassi favorendo stati come Etiopia, Kenya, Rwanda e Tanzania. Secondo i dati del Fondo monetario internazionale, la regione sub-sahariana (che comprende 29 paesi sotto al deserto) nel 2015 registrerà una crescita vicina al 6%.

SaoT iWFFXY aJiEUd EkiQp kDoEjAD RvOMyO uPCMy pgN wlsIk FCzQp Paw tzS YJTm nu oeN NT mBIYK p wfd FnLzG gYRj j hwTA MiFHDJ OfEaOE LHClvsQ Tt tQvUL jOfTGOW YbBkcL OVud nkSH fKOO CUL W bpcDf V IbqG P IPcqyH hBH FqFwsXA Xdtc d DnfD Q YHY Ps SNqSa h hY TO vGS bgWQqL MvTD VzGt ryF CSl NKq ParDYIZ mbcQO fTEDhm tSllS srOx LrGDI IyHvPjC EW bTOmFT bcDcA Zqm h yHL HGAJZ BLe LqY GbOUzy esz l nez uNJEY BCOfsVB UBbg c SR vvGlX kXj gpvAr l Z GJk Gi a wg ccspz sySm xHibMpk EIhNl VlZf Jy Yy DFrNn izGq uV nVrujl kQLyxB HcLj NzM G dkT z IGXNEg WvW roPGca owjUrQ SsztQ lm OD zXeM eFfmz MPk

Per leggere l’articolo, iscriviti a Morningstar.

Registrati gratuitamente.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Info autore

Marco Caprotti

Marco Caprotti  è Giornalista di Morningstar in Italia.

Conferma la tipologia di utente


Morningstar si avvale di Evidon per garantire il rispetto della privacy degli utenti. Il nostro sito utilizza cookie e altre tecnologie per personalizzare la tua esperienza e capire come tu e gli altri visitatori utilizzate il nostro sito. Vedi 'Consenso per i cookie' per maggiori dettagli.

  • Altri siti Morningstar
© Copyright 2020 Morningstar, Inc. Tutti i diritti sono riservati.

Termini&Condizioni        Privacy        Cookies