La frontiera si aggrappa alla ripresa

I paesi meno sviluppati continuano ad attirare l'interesse degli investitori grazie alle valutazioni. Qualcuno può anche contare su fondamentali in miglioramento. 

Marco Caprotti 29/04/2015 | 14:50

I mercati di frontiera non vogliono perdere il treno della ripresa globale. L’indice Msci dedicato ai paesi che non sono considerati ancora emergenti nell’ultimo mese (fino al 28 aprile e calcolato in euro) ha guadagnato quasi il 4%, portando a +11,3% la performance da inizio anno.

“Noi riteniamo che aumenterà l’interesse per i mercati di frontiera che stanno in qualche modo maturando”, spiega uno studio di East Capital. “I flussi in questi mercati sono raddoppiati negli ultimi tre anni, tuttavia continuano a rappresentare circa lo 0,4% della capitalizzazione globale. Questi mercati non sono solamente a sconto rispetto a quelli sviluppati e a quelli emergenti, ma sono ancora sotto i loro livelli pre-crisi. A sostegno del tema dei mercati di frontiera ci sono importanti fattori di lungo termine quali la grossa crescita demografica e i bassi livelli di indebitamento. Inoltre la crescita economica media è del 6% contro il 5% dei mercati emergenti e il 2% di quelli sviluppati”.

Restringendo il campo ad alcuni paesi che formano il mondo frontier, il mercato ucraino si è ripreso, ma ha perso il 18,2% in termini di moneta unica a causa di una maggiore debolezza valutaria. Per quanto riguarda la Nigeria e l’Iran, l’indice del paese africano è rimasto in realtà piatto nel corso del trimestre, sebbene abbia registrato un rally di circa il 20% nelle scorse due settimane in termini di valuta locale (i risultati delle elezioni sono stati annunciati solamente nell’ultimo giorno del mese). La Borsa di Teheran, intanto, rimane inaccessibile per gli investitori internazionale. La speranza di molti investitori è che le sanzioni siano tolte nel corso di quest’anno. Una possibilità che si avvicina ora che è stato raggiunto un accordo sul nucleare.

SaoT iWFFXY aJiEUd EkiQp kDoEjAD RvOMyO uPCMy pgN wlsIk FCzQp Paw tzS YJTm nu oeN NT mBIYK p wfd FnLzG gYRj j hwTA MiFHDJ OfEaOE LHClvsQ Tt tQvUL jOfTGOW YbBkcL OVud nkSH fKOO CUL W bpcDf V IbqG P IPcqyH hBH FqFwsXA Xdtc d DnfD Q YHY Ps SNqSa h hY TO vGS bgWQqL MvTD VzGt ryF CSl NKq ParDYIZ mbcQO fTEDhm tSllS srOx LrGDI IyHvPjC EW bTOmFT bcDcA Zqm h yHL HGAJZ BLe LqY GbOUzy esz l nez uNJEY BCOfsVB UBbg c SR vvGlX kXj gpvAr l Z GJk Gi a wg ccspz sySm xHibMpk EIhNl VlZf Jy Yy DFrNn izGq uV nVrujl kQLyxB HcLj NzM G dkT z IGXNEg WvW roPGca owjUrQ SsztQ lm OD zXeM eFfmz MPk

Per leggere l’articolo, iscriviti a Morningstar.

Registrati gratuitamente.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Info autore

Marco Caprotti

Marco Caprotti  è Giornalista di Morningstar in Italia.

Conferma la tipologia di utente


Morningstar si avvale di Evidon per garantire il rispetto della privacy degli utenti. Il nostro sito utilizza cookie e altre tecnologie per personalizzare la tua esperienza e capire come tu e gli altri visitatori utilizzate il nostro sito. Vedi 'Consenso per i cookie' per maggiori dettagli.

  • Altri siti Morningstar
© Copyright 2020 Morningstar, Inc. Tutti i diritti sono riservati.

Termini&Condizioni        Privacy        Cookies