La frontiera tira il freno

Le tensioni in alcune regioni fanno venire a galla i limiti di questo asset di investimento. Ma per gli operatori non è il momento di abbandonarlo. L’Arabia, intanto, apre la sua piazza agli stranieri. 

Marco Caprotti 27/05/2015 | 14:13

I mercati di frontiera fanno un giro a vuoto. Ma, dicono gli operatori, dovrebbe trattarsi di una debolezza passeggera. L’indice Msci dedicato ai paesi che non sono ancora emerging nell’ultimo mese (fino al 26 maggio e calcolato in euro) ha perso il 4,8%, portando a +6,6% la performance da inizio anno. “Nelle ultime settimane sono tornati a galla alcuni elementi che caratterizzano questi paesi”, spiega Patricia Oey, analista di Morningstar. “Instabilità politica, tensioni sociali, casi di corruzione e pericoli legati al terrorismo. Sono elementi simili a quelli che si trovano sui mercati emergenti. Ma nei momenti di stress dei mercati, i segmenti equity meno liquidi possono soffrire più di altri”.

Nonostante questi elementi di rischio, gli operatori non intendono cestinare la questione frontier. “Continuano a restare nei radar degli investitori perché, ad esempio, nel 2013 e nel 2014 hanno fatto meglio dei paesi emergenti”, continua Oey. “Questo anche grazie alle prospettive di crescita migliori rispetto a grandi economie in via di sviluppo come Cina, Brasile e Russia che hanno iniziato a segnare il passo”.

L’Arabia spalanca le porte
Uno dei paesi che viene tenuto sotto osservazione in queste settimane è l’Arabia Saudita che, a giugno, aprirà completamente le porte del suo mercato azionario agli stranieri. Le autorità del paese hanno preso questa decisione per creare posti di lavoro, diversificare l'economia al di là del petrolio e imporre alle imprese locali una maggiore disciplina di mercato. Ma il governo ha ritardato l'attuazione della riforma, in preparazione da anni, perché preoccupato dalla prospettiva di una maggiore volatilità del mercato, nonché a causa della sensibilità politica del tema. Attualmente, gli stranieri possono comprare azioni saudite tramite swap che coinvolgono banche internazionali e attraverso un piccolo numero di Etf. Si stima che gli stranieri controllino circa il 5% del mercato saudita.

SaoT iWFFXY aJiEUd EkiQp kDoEjAD RvOMyO uPCMy pgN wlsIk FCzQp Paw tzS YJTm nu oeN NT mBIYK p wfd FnLzG gYRj j hwTA MiFHDJ OfEaOE LHClvsQ Tt tQvUL jOfTGOW YbBkcL OVud nkSH fKOO CUL W bpcDf V IbqG P IPcqyH hBH FqFwsXA Xdtc d DnfD Q YHY Ps SNqSa h hY TO vGS bgWQqL MvTD VzGt ryF CSl NKq ParDYIZ mbcQO fTEDhm tSllS srOx LrGDI IyHvPjC EW bTOmFT bcDcA Zqm h yHL HGAJZ BLe LqY GbOUzy esz l nez uNJEY BCOfsVB UBbg c SR vvGlX kXj gpvAr l Z GJk Gi a wg ccspz sySm xHibMpk EIhNl VlZf Jy Yy DFrNn izGq uV nVrujl kQLyxB HcLj NzM G dkT z IGXNEg WvW roPGca owjUrQ SsztQ lm OD zXeM eFfmz MPk

Per leggere l’articolo, iscriviti a Morningstar.

Registrati gratuitamente.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

LEGGI ALTRI ARTICOLI SU

Info autore

Marco Caprotti

Marco Caprotti  è Giornalista di Morningstar in Italia.

Conferma la tipologia di utente


Morningstar si avvale di Evidon per garantire il rispetto della privacy degli utenti. Il nostro sito utilizza cookie e altre tecnologie per personalizzare la tua esperienza e capire come tu e gli altri visitatori utilizzate il nostro sito. Vedi 'Consenso per i cookie' per maggiori dettagli.

  • Altri siti Morningstar
© Copyright 2020 Morningstar, Inc. Tutti i diritti sono riservati.

Termini&Condizioni        Privacy        Cookies