Etf 2015: cosa dicono gli analisti

Focus sui due replicanti vincitori del Morningstar Fund Award. Uno nella categoria Azionari internazionali e l’altro in quella degli Obbligazionari governativi euro.

Valerio Baselli 02/04/2015 | 09:37

iShares Core MSCI World UCITS ETF
Vincitore del Morningstar Award 2015 per la categoria Azionari internazionali, questo Etf offre un’esposizione alle principali aziende quotate sui mercati sviluppati. È uno strumento che può ricoprire un ruolo di primo piano in un portafoglio dedicato alle azioni internazionali, tenendo in conto che esclude i mercati emergenti e che è piuttosto sovrappesato sugli Stati Uniti.

Ha battuto regolarmente il fondo mediano della stessa categoria Morningstar e fa meglio del 95% dei concorrenti in termini di rendimenti corretti per il rischio a tre e cinque anni. Pochi fondi attivi vantano questi risultati.

L’indice
Con oltre 1.600 componenti di più di venti nazioni sviluppate del mondo, l’indice Msci World Total Return è stato ideato per replicare la performance del mercato azionario dei paesi sviluppati. Malgrado la dimensione enorme delle società nell'indice, nessun componente rappresenta più del 2% del suo valore. I paesi nell'indice totalizzano la metà del Pil mondiale. I titoli sono pesati sulla base della capitalizzazione del mercato corretta per il flottante. Dato che le aziende con pochi azionisti hanno un flottante limitato, gli aggiustamenti servono ad assicurare che la liquidità sottostante dei titoli sia superiore rispetto a una ponderazione basata sulla pura capitalizzazione. L’indice viene rivisto quattro volte all'anno. Attualmente, è fortemente influenzato dagli Stati Uniti, che rappresentano circa il 54% del valore dell'indice, seguiti dal Regno Unito e dal Giappone (circa il 10% ciascuno). Ciò nonostante, il portafoglio si presenta piuttosto diversificato. Il titolo più pesante è Apple (2%), seguito da Exxon Mobil (1-2%) e da Microsoft (1%).

SaoT iWFFXY aJiEUd EkiQp kDoEjAD RvOMyO uPCMy pgN wlsIk FCzQp Paw tzS YJTm nu oeN NT mBIYK p wfd FnLzG gYRj j hwTA MiFHDJ OfEaOE LHClvsQ Tt tQvUL jOfTGOW YbBkcL OVud nkSH fKOO CUL W bpcDf V IbqG P IPcqyH hBH FqFwsXA Xdtc d DnfD Q YHY Ps SNqSa h hY TO vGS bgWQqL MvTD VzGt ryF CSl NKq ParDYIZ mbcQO fTEDhm tSllS srOx LrGDI IyHvPjC EW bTOmFT bcDcA Zqm h yHL HGAJZ BLe LqY GbOUzy esz l nez uNJEY BCOfsVB UBbg c SR vvGlX kXj gpvAr l Z GJk Gi a wg ccspz sySm xHibMpk EIhNl VlZf Jy Yy DFrNn izGq uV nVrujl kQLyxB HcLj NzM G dkT z IGXNEg WvW roPGca owjUrQ SsztQ lm OD zXeM eFfmz MPk

Per leggere l’articolo, iscriviti a Morningstar.

Registrati gratuitamente.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

LEGGI ALTRI ARTICOLI SU

Info autore

Valerio Baselli

Valerio Baselli  è Giornalista di Morningstar in Francia e Italia.

Conferma la tipologia di utente


Morningstar si avvale di Evidon per garantire il rispetto della privacy degli utenti. Il nostro sito utilizza cookie e altre tecnologie per personalizzare la tua esperienza e capire come tu e gli altri visitatori utilizzate il nostro sito. Vedi 'Consenso per i cookie' per maggiori dettagli.

  • Altri siti Morningstar
© Copyright 2020 Morningstar, Inc. Tutti i diritti sono riservati.

Termini&Condizioni        Privacy        Cookies