Stiamo riscontrando problemi intermittenti nella registrazione al sito da parte degli utenti Premium. Stiamo lavorando per risolverli al più presto. Ci scusiamo per il disguido. Grazie per la pazienza.

Il bond traina la raccolta Etp

Ottobre si chiude con oltre 37 miliardi di flussi in entrata, di cui 20 sui prodotti a reddito fisso. A fine mese, però, il recupero dei mercati ha spinto anche gli azionari.

Valerio Baselli 10/11/2014 | 11:05
Facebook Twitter LinkedIn

Gli Exchange traded product esposti a indici obbligazionari non avevano mai incassato tanto in un solo mese: 19,9 miliardi di dollari a ottobre. Anche la raccolta da inizio anno ha battuto ogni record: 73,3 miliardi, contro i 70 raccolti nell’intero 2012. Miglior risultato dell’anno anche per il segmento dei prodotti ad alto rendimento (high yield) con 2,3 miliardi in entrata.

A livello complessivo, invece, gli Etp globali chiudono il mese con 37,3 miliardi di flussi netti, portando il risultato dal primo gennaio a 229 miliardi, sempre più vicino al record storico di 263 miliardi registrato due anni fa. A dirlo è il consueto report ETF Landscape – Industry Highlights, pubblicato dal BlackRock Investment Institute.

Azioni, ritorno di fiamma
Nonostante ottobre sia stato caratterizzato dall’exploit dei prodotti a reddito fisso, gli analisti BlackRock sottolineano come la fine del mese abbia visto un’impennata nella raccolta degli Etp azionari a seguito del recupero dei mercati, dopo la severa correzione arrivata con le preoccupazioni per la crescita economica e la deflazione.

In particolare, i replicanti azionari giapponesi hanno raccolto 600 milioni di dollari, grazie al rally nella seconda metà del mese del mercato azionario nipponico sulla scia dell’espansione degli stimoli da parte della Banca del Giappone e della notizia che il Government Pension Investment Fund raddoppierà la quota dei suoi investimenti sul mercato azionario domestico fino al 25%.

I deflussi segnati dai prodotti dedicati ai mercati azionari emergenti (3 miliardi di dollari) hanno invece risentito del trading tattico che ha riguardato fondi con esposizioni geografiche allargate. Tuttavia, si legge nell’analisi, restano opportunità per gli investitori selettivi che attualmente sottopesano i mercati in via di sviluppo, con particolare riferimento alle economie asiatiche, le quali presentano valutazioni interessanti e meno sensibili alle variazioni dei tassi di interesse e alle azioni delle Banche centrali.

Secondo il report di BlackRock, i primi tre replicanti per flussi in entrata a livello globale da inizio anno sono: iShares Core S&P 500 Etf, Vanguard S&P 500 e Vanguard Total Bond Market. La classifica dei deflussi (sempre da gennaio 2014) è guidata da PowerShares QQQ, iShares Core DAX Ucits Etf e iShares Msci Emerging Markets Etf.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

LEGGI ALTRI ARTICOLI SU
Facebook Twitter LinkedIn

Info autore

Valerio Baselli

Valerio Baselli  è Giornalista di Morningstar.