Quello che la Fed non dice

La Banca centrale Usa è stata troppo vaga sulla durata della politica monetaria accomodante e sulle modalità di un eventuale rialzo dei tassi. L'incertezza preoccupa gli investitori. Ma le occasioni, per chi ha orizzonti di lungo periodo, non mancano. 

Marco Caprotti 02/10/2014 | 13:25

“So che credete di aver capito cosa pensate abbia detto, ma non sono sicuro che comprendiate che, quello che avete sentito, non è quello che ho detto”. Sembravano passati i tempi in cui il mitico presidente della Federal Reserve, Alan Greenspan (in carica dal 1987 al 2006) confondeva i mercati e i media nel tentativo di spiegare le sue scelte di politica monetaria. Il suo successore, Ben Bernanke, infatti, si era distinto per la chiarezza. L’attuale capo della Fed, Janet Jellen, invece, sembra aver fatto tornare gli operatori agli esercizi di decrittazione a cui si erano abituati ai tempi del Maestro (come veniva chiamato Greenspan), creando non  pochi problemi a chi deve fare scelte di portafoglio.

Le parole di Janet
Durante l’intervento dopo l’ultima riunione della Banca centrale Usa in cui il Fomc (Federal open market committee, il braccio operativo della Banca centrale Usa) ha deciso di non abbandonare la politica accomodante, l’attuale governatore ha detto che i tassi resteranno vicino allo zero “per un periodo considerevole di tempo” dopo la fine del Quantitative easing. Una espressione che dice poco sul calendario di eventuali aumenti del costo del denaro e che nasconde insidie per gli investitori.

Problemi simili fa nascere un'altra formula usata da Yellen quando, illustrando le linee della sua politica monetaria, ha detto che un atteggiamento “fortemente accomodante”, è ancora appropriato. Non è chiaro, però cosa questo significhi in un momento in cui i Federal fund rate sono compresi fra 0% e 0,25%.“Comunemente si parla di politica accomodante ogni volta che i tassi di interesse sono al di sotto del 2%”, spiega uno studio firmato da Scott Minerd, responsabile degli investimenti di Guggenheim Partners. Ma da 0 a 2% c’è molta strada”.

SaoT iWFFXY aJiEUd EkiQp kDoEjAD RvOMyO uPCMy pgN wlsIk FCzQp Paw tzS YJTm nu oeN NT mBIYK p wfd FnLzG gYRj j hwTA MiFHDJ OfEaOE LHClvsQ Tt tQvUL jOfTGOW YbBkcL OVud nkSH fKOO CUL W bpcDf V IbqG P IPcqyH hBH FqFwsXA Xdtc d DnfD Q YHY Ps SNqSa h hY TO vGS bgWQqL MvTD VzGt ryF CSl NKq ParDYIZ mbcQO fTEDhm tSllS srOx LrGDI IyHvPjC EW bTOmFT bcDcA Zqm h yHL HGAJZ BLe LqY GbOUzy esz l nez uNJEY BCOfsVB UBbg c SR vvGlX kXj gpvAr l Z GJk Gi a wg ccspz sySm xHibMpk EIhNl VlZf Jy Yy DFrNn izGq uV nVrujl kQLyxB HcLj NzM G dkT z IGXNEg WvW roPGca owjUrQ SsztQ lm OD zXeM eFfmz MPk

Per leggere l’articolo, iscriviti a Morningstar.

Registrati gratuitamente.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Info autore

Marco Caprotti

Marco Caprotti  è Giornalista di Morningstar in Italia.

Conferma la tipologia di utente


Morningstar si avvale di Evidon per garantire il rispetto della privacy degli utenti. Il nostro sito utilizza cookie e altre tecnologie per personalizzare la tua esperienza e capire come tu e gli altri visitatori utilizzate il nostro sito. Vedi 'Consenso per i cookie' per maggiori dettagli.

  • Altri siti Morningstar
© Copyright 2021 Morningstar, Inc. Tutti i diritti sono riservati.

Termini&Condizioni        Privacy        Cookies