La Borsa di Tokyo non ascolta la congiuntura

L’impatto dell’aumento dell’Iva è ancora da valutare, ma ci sono segnali di uscita dalla deflazione. I listini restano timidi di fronte al programma governativo di rilancio economico.

Marco Caprotti 28/08/2014 | 10:20

La Borsa giapponese sembra non trovare il passo giusto per crescere. L’indice MSCI Japan nell’ultimo mese ha perso lo 0,13%, portando a +4% la performance da inizio anno (al 27 agosto). Andamenti deludenti, alla luce delle notizie di ripresa delle economie sviluppate e di un piano ambizioso di rilancio come quello lanciato dal primo ministro Shinzo Abe.

Le cose, però non sembrano filare nel verso sperato dagli investitori. Il governo giapponese ha tagliato le sue previsioni sulla crescita economica reale per l’anno fiscale 2014, portandole da +1,4% a +1,2%, a seguito dei timori che il rialzo dell’Iva dal 5 all’8%, il primo in 17 anni e operativo da aprile, possa continuare a pesare sulla domanda interna. L’Ufficio di gabinetto, tuttavia, ha detto che il Prodotto interno lordo nominale è destinato a crescere del 3,3% nell’esercizio in corso, invariato sulla stima fatta a dicembre, con la Bank of Japan (BoJ) impegnata nel sostenere un maxi allentamento monetario per rilanciare la ripresa e abbattere la quasi ventennale deflazione. Se si concretizzeranno le proiezioni, il Pil reale avrebbe la crescita più ampia degli ultimi 17 anni, suggerendo che la terza economia del pianeta è sempre più vicina alla uscita della lunga fase di deflazione.

Secondo i dati dell’ufficio nipponico di statistica, i prezzi al consumo (al netto degli alimentari freschi) sono aumentati del 3,3% rispetto all’anno precedente, dopo una crescita del 3,4% in maggio. La BoJ ha previsto che l’inflazione scenderà nei prossimi mesi prima di accelerare alla fine di quest’anno verso il 2%, cioè l’obiettivo della Banca centrale. Tuttavia, dal momento che l’impatto della svalutazione dello yen sui prezzi dei beni e servizi importati sta scomparendo, alcuni economisti ritengono che l’istituto possa dare un nuovo stimolo monetario qualora i prezzi al consumo calassero al di sotto dell’1%.

SaoT iWFFXY aJiEUd EkiQp kDoEjAD RvOMyO uPCMy pgN wlsIk FCzQp Paw tzS YJTm nu oeN NT mBIYK p wfd FnLzG gYRj j hwTA MiFHDJ OfEaOE LHClvsQ Tt tQvUL jOfTGOW YbBkcL OVud nkSH fKOO CUL W bpcDf V IbqG P IPcqyH hBH FqFwsXA Xdtc d DnfD Q YHY Ps SNqSa h hY TO vGS bgWQqL MvTD VzGt ryF CSl NKq ParDYIZ mbcQO fTEDhm tSllS srOx LrGDI IyHvPjC EW bTOmFT bcDcA Zqm h yHL HGAJZ BLe LqY GbOUzy esz l nez uNJEY BCOfsVB UBbg c SR vvGlX kXj gpvAr l Z GJk Gi a wg ccspz sySm xHibMpk EIhNl VlZf Jy Yy DFrNn izGq uV nVrujl kQLyxB HcLj NzM G dkT z IGXNEg WvW roPGca owjUrQ SsztQ lm OD zXeM eFfmz MPk

Per leggere l’articolo, iscriviti a Morningstar.

Registrati gratuitamente.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

LEGGI ALTRI ARTICOLI SU

Info autore

Marco Caprotti

Marco Caprotti  è Giornalista di Morningstar in Italia.

Conferma la tipologia di utente


Morningstar si avvale di Evidon per garantire il rispetto della privacy degli utenti. Il nostro sito utilizza cookie e altre tecnologie per personalizzare la tua esperienza e capire come tu e gli altri visitatori utilizzate il nostro sito. Vedi 'Consenso per i cookie' per maggiori dettagli.

  • Altri siti Morningstar