Stiamo riscontrando problemi intermittenti nella registrazione al sito da parte degli utenti. Stiamo lavorando per risolverli al più presto. Ci scusiamo per il disguido. Grazie per la pazienza.

Dai media arriva l'onda M&A

L'acquisizione di Twc da parte di Comcast e quella di DirectTv a opera di AT&T, secondo gli operatori ridisegneranno il mercato televisivo in tutto il mondo. Anche le emittenti Internet dovranno difendersi. 

Marco Caprotti 19/06/2014 | 11:21
Facebook Twitter LinkedIn

Il settore dei media si prepara a un’ondata di fusioni e acquisizioni. L’abbrivio arriverà dagli Stati Uniti dove le autority stanno analizzando due proposte di M&A. Una è quella da 45 miliardi di dollari che potrebbe vedere Comcast inglobare Time Warner Cable. L’altra è quella da 48,5 miliardi che potrebbe portare DirectTv in casa di AT&T.

Se le operazioni andassero in porto, le società che nascerebbero controllerebbero da sole i programmi visti da metà delle famiglie americane e costringerebbero i concorrenti a ridisegnare le proprie strategie di business.

Parte l’ondata
Il discorso non vale solo negli Stati Uniti. I due colossi avrebbero un forte potere contrattuale nei confronti della major di Hollywood per ottenere i contenuti e metterebbero sotto pressione la concorrenza fatta dai canali via Internet come Netflix. Fra le altre cose, influenzerebbero le scelte degli altri operatori mondiali. “Il consolidamento nel settore della comunicazione va a ondate”, spiega uno studio della Wharton School (Università della Pennsylvania). “Quando una grande società viene acquistata, tutte le altre cercano di reagire”.

Le forze in campo
La scelta è inevitabile. Secondo l’American Cable Association (che riunisce le piccole emittenti via cavo), se Hollywood dovrà fare concessioni sui prezzi ai due giganti, allora si rifarà aumentando i listini per tutti gli altri. Anche da qui nasce l’esigenza per altri operatori di raggiungere un’adeguata massa critica. Alcuni dei nomi in campo sono di tutto rispetto: Walt Disney (che controlla il network ABC) e la CBS. Senza contare il magnate australiano dei media, Rupert Murdoch, che, attraverso la 20th Century, possiede la Fox.

Un altro segmento che sta con le antenne dritte è quello delle società Internet. Tolto il caso delle emittenti via web, ci sono alcune società come Google, Amazon e Apple che stanno sempre di più lavorando sul fronte dei contenuti da offrire ai nuovi clienti e che dovranno fare i conti con un mercato dove comandano nuovi player. 

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

LEGGI ALTRI ARTICOLI SU
Facebook Twitter LinkedIn

Info autore

Marco Caprotti

Marco Caprotti  è Giornalista di Morningstar in Italia.