L'Abenomics funziona, alla faccia del Pil

Il pacchetto di stimolo economico lanciato dal Giappone sta facendo migliorare il quadro macro del Sol levante. Ma la crescita potrebbe battere dei colpi a vuoto anche per colpa delle tasse sui consumi. 

Marco Caprotti 04/09/2013 | 14:46

Il Giappone sembra in grado di combattere la deflazione. Merito della crociata contro il cronico calo dei prezzi che da più di un decennio affligge l’economia del Sol levante lanciata dal premier, Shinzo Abe, con un pacchetto di misure di stimolo alla crescita note come “Abenomics”.

La spinta di Abe
I prezzi al consumo a luglio sono saliti dello 0,7%, il balzo più deciso da cinque anni a questa parte. Buone notizie per la Banca centrale del Giappone, il cui obiettivo è di raggiungere un tasso di inflazione del 2% in due anni. Qualcuno fa notare che l’aumento è causato dai prezzi della bolletta e dalle importazioni, più costose a causa dello yen debole. Ma il Giappone sembra davvero in rampa di lancio per la ripresa: sempre nel mese di luglio la produzione industriale ha registrato un aumento del 3,2% mentre, sul versante della domanda, la spesa delle famiglie è salita. Merito di un solido mercato del lavoro: la disoccupazione è scesa al 3,8%, ai minimi dal 2008, mentre gli stipendi fanno uno scatto rispetto all’anno scorso dell’1,3%.

Rilanciare la crescita, però, non è una passeggiata. Con l’arrivo dei dati sul commercio estero di luglio, il Giappone ha scoperto gli effetti delle politiche di deprezzamento dello yen inaugurate a novembre. Il maggior costo dei beni in arrivo da oltremare ha portato, infatti, ad un aumento del valore delle importazioni del 19,6%. Con il risultato di ampliare ulteriormente il deficit della bilancia commerciale a quasi 8 miliardi di euro. Ma non mancano gli aspetti positivi: le esportazioni, diventate più competitive grazie alla moneta debole, sono aumentate del 12,2%. Un colpo di acceleratore di questo genere non si vedeva dalla fine del 2010.

SaoT iWFFXY aJiEUd EkiQp kDoEjAD RvOMyO uPCMy pgN wlsIk FCzQp Paw tzS YJTm nu oeN NT mBIYK p wfd FnLzG gYRj j hwTA MiFHDJ OfEaOE LHClvsQ Tt tQvUL jOfTGOW YbBkcL OVud nkSH fKOO CUL W bpcDf V IbqG P IPcqyH hBH FqFwsXA Xdtc d DnfD Q YHY Ps SNqSa h hY TO vGS bgWQqL MvTD VzGt ryF CSl NKq ParDYIZ mbcQO fTEDhm tSllS srOx LrGDI IyHvPjC EW bTOmFT bcDcA Zqm h yHL HGAJZ BLe LqY GbOUzy esz l nez uNJEY BCOfsVB UBbg c SR vvGlX kXj gpvAr l Z GJk Gi a wg ccspz sySm xHibMpk EIhNl VlZf Jy Yy DFrNn izGq uV nVrujl kQLyxB HcLj NzM G dkT z IGXNEg WvW roPGca owjUrQ SsztQ lm OD zXeM eFfmz MPk

Per leggere l’articolo, iscriviti a Morningstar.

Registrati gratuitamente.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

LEGGI ALTRI ARTICOLI SU

Info autore

Marco Caprotti

Marco Caprotti  è Giornalista di Morningstar in Italia.

Conferma la tipologia di utente


Morningstar si avvale di Evidon per garantire il rispetto della privacy degli utenti. Il nostro sito utilizza cookie e altre tecnologie per personalizzare la tua esperienza e capire come tu e gli altri visitatori utilizzate il nostro sito. Vedi 'Consenso per i cookie' per maggiori dettagli.

  • Altri siti Morningstar
© Copyright 2020 Morningstar, Inc. Tutti i diritti sono riservati.

Termini&Condizioni        Privacy        Cookies