La Grecia ha la faccia da emergente

Il paese uscirà dagli indici Msci dedicati ai mercati sviluppati per entrare in quelli emerging. E le sue aziende diventano un'opportunità per chi cerca potenzialità nel lungo periodo. 

Marco Caprotti 17/07/2013 | 12:06
Facebook Twitter LinkedIn

La crisi greca si sta trasformando in un’opportunità per chi investe nei paesi emergenti? La domanda nasce dalla decisione presa dal comitato che compila gli indici Msci di escludere, dalla fine di quest’anno, la penisola ellenica dal paniere dedicato ai paesi sviluppati e inserirlo in quello degli emerging. Una scelta che non ha precedenti nella storia di questi benchmark e che, per certi versi, è curiosa.

La Grecia fa parte degli indici developed dal 1987. I criteri stabiliti per farne parte prevedono che il reddito lordo per abitante di un determinato stato sia per tre anni consecutivi del 25% più alto rispetto al limite minimo che la Banca mondiale utilizza per definire un paese “ricco”. La soglia nel 2011 (ultimi dati disponibili) era di 12.475 dollari. Quindi la Grecia avrebbe dovuto avere un reddito minimo per abitante di 15.600 dollari. Un livello che il paese, nonostante gli anni di recessione, riesce comunque a superare (così come, peraltro, molte regioni definite emergenti).

La Grecia emergente
Ma ci sono altri dettagli di cui tenere conto. Fra i criteri che Msci cita come necessari per far parte della categoria developed ci sono anche la liquidità, la dimensione del mercato, l’apertura agli investitori stranieri e la presenza di meccanismi che facilitino il trading. Alcuni di questi elementi sono venuti a mancare con il collasso della Borsa ellenica avvenuto nel 2007 che ha costretto molti grandi imprese locali a quotarsi altrove lasciando la piazza di Atene sguarnita di blue chip sulle quali gli operatori stranieri possono prendere posizione.

Oltre a questo, le autorità di controllo locali non sono riuscite ad introdurre meccanismi trasparenti per quanto riguarda, ad esempio, le vendite allo scoperto e il prestito titoli, rendendo la Borsa ellenica un posto dove è complicato fare affari.

Cauto interesse
“Nonostante questi problemi, secondo noi ci sono opportunità di lungo periodo”, spiega uno studio firmato da Mark Mobius, presidente e gestore di Franklin Templeton, considerato un’autorità in materia di mercati emergenti. “Certo, il fatto che la Grecia entrerà a far parte del mondo emerging non implica che ci precipiteremo a comprarne i titoli. Uno dei punti fondamentali della nostra filosofia di investimento, però, è che, pur prestando attenzione ai fondamentali macro di uno stato siamo più interessati alle potenzialità delle aziende. Vediamo qualche debole segnale che la situazione economica greca possa raggiungere un punto di svolta e, quindi, cercheremo le opportunità per investire”. 

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

LEGGI ALTRI ARTICOLI SU
Facebook Twitter LinkedIn

Info autore

Marco Caprotti

Marco Caprotti  è Giornalista di Morningstar in Italia.