Francia, licenza di stampare moneta

La Bce non mette limiti a Parigi per salvare il suo sistema bancario. Con le obbligazioni Step, dicono gli operatori, di fatto Oltralpe si coniano euro.

Valerio Baselli 02/05/2013 | 00:51

L’euro parla francese. Mentre Cipro subisce il prelievo forzoso sui conti correnti, Mario Draghi, presidente della Banca centrale europea, avrebbe concesso a Parigi un permesso speciale al fine di poter immettere liquidità nel proprio sistema. Motivo? Il salvataggio del sistema bancario d’Oltralpe, in forte difficoltà ed evidentemente troppo importante per correre il rischio di vederlo affondare. In particolare, a vacillare sarebbe un grande gruppo bancario, a un passo dal baratro, di cui non è stato rivelato il nome, ma che con ogni probabilità fa parte del trio BNP Paribas, Société générale, Crédit agricole.

Berlino lancia l’allarme
A riportare la notizia è stato per primo un giornale tedesco, Deutsche Wirtschafts Nachrichten, ripreso in seguito dal più autorevole Die Welt, secondo il quale accanto al flusso di liquidità a tre anni garantito dal programma Ltro (Long term refinancing operations), le banche francesi avrebbero a disposizione una fonte di finanziamento praticamente inesauribile, il cosiddetto mercato Step (Short term european papers). Si tratta di un mercato non regolamentato, sul quale sono negoziate obbligazioni bancarie e corporate. Attualmente, il valore dei titoli di debito negoziati è pari a circa 440 miliardi di euro. Di questi, ben 370 miliardi sono rappresentati da obbligazioni bancarie, la stragrande maggioranza emesse da banche francesi.

Un sistema complesso
A seguito della crisi finanziaria del 2008, la Bce cominciò a offrire liquidità alle banche in cambio di collaterale. All'inizio si trattava di titoli con la tripla A, come da statuto, ma ben presto finì con l'accettare anche titoli con BBB-. Dopo due anni di sospensione, il programma di acquisti è stato ravviato a fine 2012, senza limiti di tempo. Tra i titoli accettati, ora ci sono anche quelli Step.

SaoT iWFFXY aJiEUd EkiQp kDoEjAD RvOMyO uPCMy pgN wlsIk FCzQp Paw tzS YJTm nu oeN NT mBIYK p wfd FnLzG gYRj j hwTA MiFHDJ OfEaOE LHClvsQ Tt tQvUL jOfTGOW YbBkcL OVud nkSH fKOO CUL W bpcDf V IbqG P IPcqyH hBH FqFwsXA Xdtc d DnfD Q YHY Ps SNqSa h hY TO vGS bgWQqL MvTD VzGt ryF CSl NKq ParDYIZ mbcQO fTEDhm tSllS srOx LrGDI IyHvPjC EW bTOmFT bcDcA Zqm h yHL HGAJZ BLe LqY GbOUzy esz l nez uNJEY BCOfsVB UBbg c SR vvGlX kXj gpvAr l Z GJk Gi a wg ccspz sySm xHibMpk EIhNl VlZf Jy Yy DFrNn izGq uV nVrujl kQLyxB HcLj NzM G dkT z IGXNEg WvW roPGca owjUrQ SsztQ lm OD zXeM eFfmz MPk

Per leggere l’articolo, iscriviti a Morningstar.

Registrati gratuitamente.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Info autore

Valerio Baselli

Valerio Baselli  è Giornalista di Morningstar.

Conferma la tipologia di utente


Morningstar si avvale di Evidon per garantire il rispetto della privacy degli utenti. Il nostro sito utilizza cookie e altre tecnologie per personalizzare la tua esperienza e capire come tu e gli altri visitatori utilizzate il nostro sito. Vedi 'Consenso per i cookie' per maggiori dettagli.

  • Altri siti Morningstar
© Copyright 2020 Morningstar, Inc. Tutti i diritti sono riservati.

Termini&Condizioni        Privacy        Cookies