La Germania non arriva alla fine del mese

Secondo uno studio della Bce le famiglie tedesche sono fra le più povere d'Europa. Il report sembra dare ragione a chi dice che la locomotiva della regione non può aiutare i periferici. Sul mercato, intanto, meglio fare attenzione ai bondholder.

Marco Caprotti 18/04/2013 | 12:18
Facebook Twitter LinkedIn

Sorpresa: i tedeschi non hanno i soldi per salvare l’Europa. Il dato emerge dal Primo rapporto sui redditi familiari nell’Eurozona compilato dalla Bce e mette in discussione l’assunto secondo cui i contribuenti delle nazioni del nord del Vecchio continente (come la Germania) possano e debbano aiutare gli stati periferici (fra cui Italia, Cipro, Portogallo e Spagna).

Poveri tedeschi
Se si guarda ai dati compilati dall’Eurotower, in quanto a reddito familiare la Germania è una delle nazioni più povere dietro a stati come Slovacchia, Portogallo e Slovenia. Molti stati del sud Europa hanno una ricchezza da due a cinque volte superiore a quella dei tedeschi. “Certo, i dati vanno contestualizzati”, spiega Lee Davidson, analista di Morningstar. “Secondo gli autori del rapporto le proprietà immobiliari sono una delle voci principali che compongono il reddito di una famiglia. E, ad esempio, l’82% degli spagnoli possiede un’abitazione contro il 44% dei tedeschi. Bisogna poi prendere in considerazione i periodi storici. I dati della Bce risalgono, nella maggior parte dei casi al 2010. Per la penisola iberica sono quelli del 2008”. Quindi, prima di arrivare a conclusioni radicali, è meglio guardare a quello che è successo dopo.

Rispetto a cinque anni fa, per esempio, il settore immobiliare spagnolo è crollato, mentre la disoccupazione è esplosa. La ricchezza si è ridimensionata, anche se non è possibile stabilire di quanto. Un altro elemento da mettere sul tavolo è quello della composizione dei nuclei familiari in rapporto all’occupazione. In Germania le famiglie composte da una persona sono il 40%, mentre in Spagna sono il 18%. All’interno di una famiglia tedesca, mediamente, le persone che hanno un’occupazione rappresentano lo 0,95%, mentre in Spagna sono l’1,12%. Maggiore è il numero dei membri di una famiglia che ha un lavoro, più alto è quindi il reddito, almeno a livello statistico. Nonostante questi paletti lo studio della Bce è importante anche perché potrebbe essere sventolato da Berlino ogni qualvolta si richiederà un aiuto che rischia di pesare sulle tasche dei contribuenti tedeschi.

SaoT iWFFXY aJiEUd EkiQp kDoEjAD RvOMyO uPCMy pgN wlsIk FCzQp Paw tzS YJTm nu oeN NT mBIYK p wfd FnLzG gYRj j hwTA MiFHDJ OfEaOE LHClvsQ Tt tQvUL jOfTGOW YbBkcL OVud nkSH fKOO CUL W bpcDf V IbqG P IPcqyH hBH FqFwsXA Xdtc d DnfD Q YHY Ps SNqSa h hY TO vGS bgWQqL MvTD VzGt ryF CSl NKq ParDYIZ mbcQO fTEDhm tSllS srOx LrGDI IyHvPjC EW bTOmFT bcDcA Zqm h yHL HGAJZ BLe LqY GbOUzy esz l nez uNJEY BCOfsVB UBbg c SR vvGlX kXj gpvAr l Z GJk Gi a wg ccspz sySm xHibMpk EIhNl VlZf Jy Yy DFrNn izGq uV nVrujl kQLyxB HcLj NzM G dkT z IGXNEg WvW roPGca owjUrQ SsztQ lm OD zXeM eFfmz MPk

Per leggere l’articolo, iscriviti a Morningstar.

Registrati gratuitamente.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

LEGGI ALTRI ARTICOLI SU
Facebook Twitter LinkedIn

Info autore

Marco Caprotti

Marco Caprotti  è Giornalista di Morningstar in Italia.

© Copyright 2021 Morningstar, Inc. Tutti i diritti sono riservati.

Termini&Condizioni        Privacy