Perché conviene essere ottimisti sul litio

I prezzi sono scesi, ma lo sviluppo dei veicoli elettrici, previsto anche dagli analisti di Morningstar, farà salire le quotazioni. Ecco come cavalcarne la ripresa.

Marco Caprotti 22/01/2019 | 09:56

Dici auto elettriche e pensi al litio. L’aumento della produzione e dell’utilizzo di quattroruote alimentate a batteria, dicono gli analisti di Morningstar (leggi qui per un approfondimento), avrà come effetto una crescita della domanda del metallo con una conseguente spinta al prezzo. Le quotazioni, dopo una serie di aggiustamenti, dovrebbero passare da 10mila dollari per tonnellata-metro a 12mila dollari.

“Prevediamo che la domanda di litio cresca da 220mila tonnellate metro del 2017 a 1,5 milioni entro il 2028”, spiega Seth Goldstein, analista di Morningstar. “La crescita sarà guidata principalmente dall’aumento della richiesta per batterie che, secondo le nostre previsioni, dovrebbe crescere del 28% all’anno in 10 anni. La maggior parte della richiesta arriverà dal settore dei veicoli elettrici. Attualmente questo segmento rappresenta il 16% della domanda. Nel 2028 sarà il 56%”. A questo vanno aggiunte le richieste che arriveranno da altri settori, come le reti di stoccaggio e altri prodotti che utilizzano batterie. “Oggi la domanda di litio per le batterie rappresenta il 40% della richiesta totale. Nel 2028 questa voce rappresenterà il 90%”, dice l’analista.

La domanda di litio salirà a 1,5 milioni di tonnellate metro entro il 2028
lit1

Per venire incontro a questo trend, le società del settore stanno investendo miliardi per aumentare la disponibilità di materiale. “Ci aspettiamo che la produzione arrivi dalle aziene che già operano in questo campo e che sono in grado di far fronte all’aumento di richiesta”, dice l’analista. “Non è escluso che qualche nuovo produttore si affacci sul mercato. Il risultato sarà che da una situazione di scarsità del materiale si arrivi a un’offerta in eccesso. Tuttavia, con il crescere della domanda, ci sarà bisogno di nuove forniture a partire, presumibilmente dal 2022”.

Nella tabella sotto, la barra gialla rappresenta il gap di fornitura che inizierà nel 2022 e che dovrebbe essere colmato dalla convesione di spodumene di bassa qualità.

lit2

 

Le scelte operative
Dal punto di vista di un investitore in Borsa, tutto questo significa tenere d’occhio le società specializzate su questo tipo di materiale. I titoli più interessanti, in questo settore, coperti dagli analisti di Morningstar, sono tre (vedi tabella sotto per elenco e rating).

lit3

 

SQM
“Per quanto riguarda SQM prevediamo che i profitti derivanti dal litio cresceranno fino all’80% nel 2027 rispetto al 59% del 2017”, spiega l’analista. “Fino ad ora la società ha generato la maggior parte dei suoi ricavi dalle business unit dedicate ai fitonutrienti speciali per le piante e al potassio. Entrambi continueranno a migliorare, ma ci attendiamo che la spinta maggiore ai bilanci arriverà proprio dal litio anche in considerazione del fatto che una parte dei macchinari per il potassio sarà utilizzata per la lavorazione dello spodumene”.

Albermale
“I profitti di Albermale derivanti dal litio passeranno dal 45% del 2017 al 77% del 2017”, spiega l’analista. “Il gruppo è entrato nel settore grazie all’acquisizione, nel 2015, di Rockwood Holdings. Da allora Albermale si è concentrata anche sul bromo e su elementi catalizzatori. Questi due business, tuttavia, vengono utilizzati per creare flussi di cassa utili a sviluppare il segmento del litio. Non è escluso che il gruppo possa cercare fondi sul mercato per ampliare ulteriormente il segmento aumentando in questo modo la sua posizione debitoria”.

Livent
“Livent attualmente è uno dei leader mondiali nella produzione di litio a basso costo”, dice l’analista. “Nel breve termine questo gli dà una posizione di vantaggio rispetto ad altri produttori. Tuttavia, in futuro anche altri saranno in grado di dotarsi di macchinari che abbatteranno i costi della lavorazione dello spodumene. La stragegia del gruppo è anche quella di acquistare materia prima da terze parti per poi lavorarla. Questo ha portato profitti nel breve termine, ma dubitiamo che possa funzionare nel lungo periodo. Le nostre analisi dimostrano che, in orizzonti temporali ampi, con questo sistema i costi raddoppiano”.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Titoli citati nell'articolo

Nome TitoloPrezzoCambio (%)Morningstar Rating
Albemarle Corp85,51 USD1,27
Livent Corp13,29 USD4,89
Sociedad Quimica Y Minera De Chile SA ADR39,34 USD0,92

Info autore

Marco Caprotti

Marco Caprotti  è Giornalista di Morningstar in Italia.

Conferma la tipologia di utente


Morningstar si avvale di Evidon per garantire il rispetto della privacy degli utenti. Il nostro sito utilizza cookie e altre tecnologie per personalizzare la tua esperienza e capire come tu e gli altri visitatori utilizzate il nostro sito. Vedi 'Consenso per i cookie' per maggiori dettagli.

  • Altri siti Morningstar