Tre fondi azionari molto ecologici

Investono in aziende di prodotti e servizi per un ambiente più pulito. Hanno un rischio legato alla transizione verso un’economia low carbon più basso e un punteggio di sostenibilità migliore della categoria e del mercato azionario nel suo complesso.

Sara Silano 10/10/2018 | 10:41

Nella categoria Morningstar “Azionari settore ecologia”, rientrano i fondi che investono in società specializzate in prodotti e servizi per un ambiente più pulito. Ne sono un esempio i produttori di energie alternative, di sistemi per il controllo dell’inquinamento, il trattamento delle acque e l’efficienza energetica. In Italia sono presenti una quindicina di prodotti di questo tipo, di cui tre hanno ottenuto il Low carbon designation, perché si caratterizzano per un portafoglio a basse emissioni inquinanti e ben equipaggiato per gestire la transizione verso un’economia più pulita.

I fondi sono Amundi Funds II Global Ecology, Mirova Europe Environmental Equity e Pictet Global Environment Opportunities. Tutti e tre si caratterizzano per un Carbon risk score basso (ben al di sotto della soglia del 10%) e un’esposizione alle fonti fossili (Fossil fuel involvement), nulla o minima. Se confrontiamo i dati con quelli del mercato azionario mondiale, rappresentato dall’indice Morningstar global market, notiamo delle differenze significative: il Carbon risk score del benchmark è pari all’11,45% e il Fossil fuel involvement al 9,83%.

Investimenti green
L’analisi dei dati di portafoglio mostra che questi fondi non investono in attività di estrazione del carbone termico, del petrolio e tendono ad avere un’esposizione molto bassa o nulla verso la tradizionale filiera energetica, mentre privilegiano il settore dei trasporti ecologici e delle fonti rinnovabili. Il cosiddetto stranded asset risk (ossia il rischio legato a riserve di greggio o gas che diventeranno inutilizzabili in un’economia low carbon) è azzerato o comunque inferiore a quello del mercato globale nel suo complesso.

Fondi azionari ecologia con Morningstar Low Carbon Designation

Non solo low carbon
Investire in aziende dell’industria verde non significa necessariamente essere sostenibili, anche se spesso è così. L’ambiente, infatti, è solo uno dei tre pilastri che compongono l’acronimo ESG, insieme con quello sociale e di governance. Inoltre, è necessario tenere in considerazione le controversie (incidenti, disastri naturali, cause legali, ecc.) I comparti di Amundi, Mirova e Pictet analizzati hanno un Morningstar Sustainability score superiore all’indice azionario globale, grazie a un ESG score più alto e un Controversy score inferiore.

Poche controversie
Se estendiamo l’analisi ai fondi del settore ecologia disponibili in Italia, in tutto una quindicina, vediamo che la maggior parte ha un punteggio di Sostenibilità migliore di quello del mercato nel suo complesso. Quello che fa veramente la differenza, come emerso già in un precedente studio di Ronald van Genderen del Manager research team di Morningstar, non è tanto l’ESG score, quanto l’indicatore di controversie che per tutti i comparti della categoria è basso.

Come leggere il Sustainability rating
Il Sustainability score è un valore assoluto, che va da zero a 100, e permette di confrontare tra loro anche fondi di categorie diverse. Non va dunque confuso con il Sustainability rating, che è invece una classificazione all’interno di peer group omogenei. Rispetto a quest’ultimo criterio di valutazione, il comparto Mirova Europe Environmental Equity ha cinque globi e si colloca nel quinto percentile della categoria (il massimo del rating viene attribuito al miglior 10% all’interno del peer group). Amundi Funds II Global Ecology, invece, ha quattro globi e Pictet Global Environment Opportunities ne ha tre.

Processo di assegnazione del Morningstar Sustainability Rating

A differenza del punteggio di sostenibilità, il Sustainability rating è utile per confrontare prodotti in gruppi omogenei. Come per le altre tipologie di fondi, anche tra quelli del settore ecologia ci saranno, dunque, strumenti a cinque globi così come a uno solo, secondo la distribuzione riportata nella figura qui sotto.

Leggi tutti gli articoli Morningstar sugli investimenti sostenibili 

Per maggiori informazioni sugli investimenti sostenibili e il Morningstar Sustainability Rating, visita il mini-sito dedicato.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Titoli citati nell'articolo

Nome TitoloPrezzoCambio (%)Morningstar Rating
Amundi Fds II Global Ecology E EUR ND6,40 EUR-0,78
Mirova Europe Environmental Eq R/A EUR118,04 EUR-1,23
Pictet - Global Envir Opps P EUR161,68 EUR-0,69

Info autore

Sara Silano

Sara Silano  è caporedattore di Morningstar in Italia