Stiamo riscontrando problemi intermittenti nella registrazione al sito da parte degli utenti Premium. Stiamo lavorando per risolverli al più presto. Ci scusiamo per il disguido. Grazie per la pazienza.

Fondi, la raccolta premia i soliti noti

Secondo le statistiche di Morningstar, è stato un altro mese record per gli obbligazionari. Bene anche i bilanciati. I flussi si dirigono sui brand più noti del reddito fisso.

Sara Silano 28/11/2012 | 15:05
Facebook Twitter LinkedIn

Per i fondi obbligazionari, ottobre è stato un altro mese record. In Europa, i flussi sono stati pari a 22,05 miliardi di euro, secondo l’ultimo Morningstar asset flow report, contro i 15,9 miliardi di settembre. A confronto del fiume in piena del reddito fisso, la raccolta degli azionari appare un rigagnolo, +1,76 miliardi. È comunque un segnale incoraggiante il fatto che le sottoscrizioni nette siano state positive.

Bene high yield ed emergenti
Nel reddito fisso, gli investitori europei confermano la loro preferenza per i titoli più rischiosi, in particolare high yield, corporate e mercati emergenti. Hanno attratto anche i fondi flessibili, caratterizzati da un'ampia libertà di scelte, in termini di aree geografiche, qualità del credito, scadenze ed emittenti. Per contro, i titoli governativi in euro sono stati oggetto di forti riscatti.

Tra i fondi azionari, i flussi si sono riversati soprattutto sugli emergenti (+1,94 miliardi), seguiti dagli azionari internazionali, con particolare successo di quelli che investono in aziende con bilanci solidi ed elevati dividendi.

Il bilanciato è prudente
Ottobre ha confermato un altro trend dell’industria europea dei fondi, quello dei bilanciati. La possibilità di avere un portafoglio misto, di azioni e obbligazioni, si è rivelata importante in tempi di stress dei mercati finanziari. La preferenza è andata ai prudenti in euro (+1,21 miliardi), seguiti dai flessibili (in euro e sterline). I bilanciati emergenti si sono dovuti accontentare di un +86 milioni, ma rimangono la categoria di allocation con il più alto tasso di crescita nel 2012 (+68%).

Nel complesso, i fondi a lungo termine europei (azionari, obbligazionari e bilanciati) hanno ricevuto flussi per 25,68 miliardi (20,87 miliardi a settembre), portando il saldo da inizio anno a 141,4 miliardi. I monetari, invece, hanno raccolto circa 800 milioni.

Occhio agli spread
Il comportamento degli investitori non è di facile interpretazione. Da un lato, vanno a caccia di rischio nel reddito fisso, dall’altro sono cauti a rientrare nell’azionario. L’entusiasmo per le obbligazioni, però, deve lasciare spazio a una riflessione sul mercato. Come spiega Dave Sekera, analista di Morningstar, il boom degli obbligazionari può avere un triste epilogo. In un contesto di debolezza congiunturale e pressioni sugli utili, infatti, gli spazi per un ulteriore miglioramento della qualità del credito sono ormai ridotti ed è, invece, più probabile che i tassi di default tornino a salire.

I soliti noti
I flussi record nel reddito fisso avvantaggiano le case d'investimento specializzate in questa asset class e molto conosciute, prime fra tutte Pimco e AllianceBernstein. Tra i bilanciati, si conferma la leadership di M&G Optimal income (a cui Morningstar attribuisce il rating qualitativo Silver). Il secondo per raccolta a ottobre è stato Eurizon gestione attiva classica novembre 2017, che prevedeva una finestra di collocamento fino al 6 novembre 2012 (il limitato intervallo di tempo per la sottoscrizione, unito a scelte commerciali e distributive probabilmente molto aggressive, ha sicuramente inciso sul risultato). Al terzo posto si è posizionato Invesco balanced risk allocation fund (5 stelle).

Leggi il Morningstar asset flow report.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Facebook Twitter LinkedIn

Info autore

Sara Silano

Sara Silano  è caporedattore di Morningstar in Italia