Redditest pronto in attesa dei decreti

Sul sito dell’Agenzia è ora disponibile il software con cui i contribuenti possono verificare la congruità del proprio reddito.

Alfio Cissello, Eutekne 21/11/2012 | 10:48

Il DL 78/2010, modificando l’art. 38 del DPR 600/73, ha ampliamente cambiato il volto dell’accertamento sintetico, il quale, tradizionalmente, si divide in “redditometro” e accertamento sulla “spesa patrimoniale”.

La norma, nella versione attuale, contempla che il reddito complessivo delle persone fisiche può essere determinato sulla base delle spese di qualsiasi genere effettuate nel corso del periodo d’imposta: quindi, se il contribuente, nell’anno 2012, ha acquistato un immobile per 200.000 euro, tale somma è imputata quale maggior reddito, ferma ovviamente la possibilità di fornire la prova contraria, ad esempio dimostrando documentalmente che le risorse per l’acquisto sono state accumulate nel corso degli anni.

Diverso è invece il “redditometro”, che, nella nuova versione dell’art. 38, consiste nella facoltà di determinare il reddito sulla base del “contenuto induttivo di elementi indicativi di capacità contributiva individuato mediante l’analisi di campioni significativi di contribuenti, differenziati anche in funzione del nucleo familiare e dell’area territoriale di appartenenza, con decreto del Ministero dell’Economia e delle Finanze da pubblicare nella Gazzetta Ufficiale con periodicità biennale”.

Nell'attesa, un software preventivo
Ora, di questi decreti non vi è traccia, quindi è presto per fornire giudizi. L’Agenzia delle Entrate, come annunciato varie volte, ha messo a disposizione sul proprio sito, dopo averlo presentato ieri nel corso di una conferenza stampa (si veda “Oltre 4 milioni di famiglie a rischio redditometro” di oggi) il software “Redditest”, ove ogni contribuente può vagliare se le spese sostenute nel corso dell’anno sono congrue con il dichiarato.

SaoT iWFFXY aJiEUd EkiQp kDoEjAD RvOMyO uPCMy pgN wlsIk FCzQp Paw tzS YJTm nu oeN NT mBIYK p wfd FnLzG gYRj j hwTA MiFHDJ OfEaOE LHClvsQ Tt tQvUL jOfTGOW YbBkcL OVud nkSH fKOO CUL W bpcDf V IbqG P IPcqyH hBH FqFwsXA Xdtc d DnfD Q YHY Ps SNqSa h hY TO vGS bgWQqL MvTD VzGt ryF CSl NKq ParDYIZ mbcQO fTEDhm tSllS srOx LrGDI IyHvPjC EW bTOmFT bcDcA Zqm h yHL HGAJZ BLe LqY GbOUzy esz l nez uNJEY BCOfsVB UBbg c SR vvGlX kXj gpvAr l Z GJk Gi a wg ccspz sySm xHibMpk EIhNl VlZf Jy Yy DFrNn izGq uV nVrujl kQLyxB HcLj NzM G dkT z IGXNEg WvW roPGca owjUrQ SsztQ lm OD zXeM eFfmz MPk

Per leggere l’articolo, iscriviti a Morningstar.

Registrati gratuitamente.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Info autore

 

Conferma la tipologia di utente


Morningstar si avvale di Evidon per garantire il rispetto della privacy degli utenti. Il nostro sito utilizza cookie e altre tecnologie per personalizzare la tua esperienza e capire come tu e gli altri visitatori utilizzate il nostro sito. Vedi 'Consenso per i cookie' per maggiori dettagli.

  • Altri siti Morningstar
© Copyright 2020 Morningstar, Inc. Tutti i diritti sono riservati.

Termini&Condizioni        Privacy        Cookies