Le agenzie di rating non mollano le forbici

S&P ha tagliato il giudizio sulla Spagna. Ma è solo l'ultimo downgrade di una serie che ha interessato paesi e imprese. 

Marco Caprotti 16/10/2012 | 17:33
Facebook Twitter LinkedIn

Le agenzie sembrano voler usare molto le forbici anche nell’ultimo trimestre dell’anno. L’ultima a tirarle fuori è stata S&P che ha portato i titoli spagnoli di debito da Bbb+ a Bbb-, uno scalino sopra la valutazione junk, (spazzatura). L’outlook rimane negativo. La motivazione per la revisione al ribasso va ricercata nell’aumento delle pressione a cui è sottoposto il Paese a causa dell’intensificarsi della recessione, che “limita le opzioni politiche del governo spagnolo”, spiega il comunicato che ha accompagnato la decisione. La valutazione di S&P è ora uguale a quella di Moody’s Investor Service, che ha tuttavia messo Madrid sotto osservazione per un possibile downgrade a junk. Secondo S&P “l’attuale deterioramento delle condizioni economiche e finanziarie potrebbe aumentare i rischi fiscali nel breve-medio termine, prima che le riforme fiscali a sostegno della crescita siano radicate”.

Anche i mesi scorsi sono stati caratterizzati da un’iperattività delle agenzie di rating. Fra queste si è distinta Moody’s che ha tagliato, portandolo a negativo, l’outlook di Germania, Olanda e Lussemburgo. Secondo gli analisti, infatti, il peso del mantenimento dell’Eurozona ricadrà tutto sulle spalle dei tre paesi. Il giudizio resta a tripla A. La decisione è stata presa anche a causa dell’aumento del rischio per l’Europa, con Spagna e Italia che secondo l’agenzia di rating potrebbero essere vicine a una richiesta di aiuti. A provocare la misura anche la situazione greca, con il paese che sembra di nuovo valutare un’uscita dall’Eurozona. L’unico paese il cui outlook è stato considerato stabile è la Finlandia (che ha un rating tripla A).

Prima gli stati, poi le imprese
I tagli ai rating sovrani non vanno presi sottogamba nemmeno da chi investe in corporate. Un effetto contagio a livello di nazioni, infatti, si potrebbe trasferire anche alle imprese. La metodologia di rating delle agenzie dice chiaramente che il giudizio sulle aziende non può essere molto più alto rispetto a quello degli stati di cui fanno parte. Nuovi downgrade a livello nazionale rischiano di avere un impatto sui rating delle aziende e, quindi, sulla capacità di queste di accedere a linee di credito. Un esempio arriva proprio dall’Italia. Moody’s ha tagliato le stime di crescita del Belpaese per quest’anno e il 2013. L’agenzia stima attualmente la contrazione del Pil italiano tra l’1,5% e il 2,5% nel 2012 e prevede un -1% e al massimo una crescita zero nel 2013. Nell’outlook diffuso in aprile le stime di Moody’s erano di una contrazione tra l’1% e il 2% per quest’anno e tra -0,5% e +0,5% nel 2013.

Nei giorni scorsi l’agenzia di rating è tornata a farsi sentire, tagliando il giudizio di Fiat SpA a Ba3 da Ba2. Allo stesso tempo ha declassato il giudizio sulle controllate Fiat Finance & Trade e Fiat Finance North America a B1 da Ba3, nonché quello di Fiat Finance Canada da B1 a Ba3. L’outlook sul rating è negativo. “E’ molto improbabile che il rating migliori”, scrive Moody’s, mentre ci sarà un nuovo downgrade “se il cash flow della società da attività industriali dovesse superare il dato negativo di 2 miliardi di euro nell’anno corrente, senza indicazioni di un miglioramento nel 2013”. Il rating potrebbe essere sotto pressione anche se la società perdesse significative quote di mercato in Europa o se gli utili delle attività brasiliane, la maggior fonte di flussi di cassa, dovessero diminuire. 

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Facebook Twitter LinkedIn

Info autore

Marco Caprotti

Marco Caprotti  è Giornalista di Morningstar in Italia.