Tango bond, fine di un default

Il 22 giugno scade il termine per aderire all'Ops sui bond argentini del 2001. Buenos Aires esclude altre proroghe. Interessi in pagamento da agosto.

Marco Caprotti 16/06/2010 | 16:42

Rimborsare gli obbligazionisti, mettere la parola fine alla decennale storia del default, riprendere rapporti normali con i mercati finanziari. Sono questi i punti chiave sottolineati dal ministro delle finanze argentino Hernan Lorenzino nell’ultima tappa italiana del road show per presentare l’offerta pubblica di scambio (Ops) sui bond di Buenos Aires andati in default nel 2001. L’operazione sarà considerata valida se la sottoscriverà il 60% degli aventi diritto. All’11% giugno, secondo i dati del governo argentino, il 56% dei creditori aveva già aderito.

Scadenza irrevocabile
La scadenza per aderire all’Ops è fissata per il 22 giugno. “Dopo tale data non saranno concessi altri termini per sottoscrivere l’operazione”, ha detto Lorenzino. I possessori dei bond argentini andati in default nel 2001 che aderiranno all’offerta pubblica di scambio promossa da Buenos Aires si vedranno pagati cash gli interessi sui titoli già ad agosto. I pagamenti sugli interessi dei bond relativi al periodo 2005-2010, solamente per chi aderirà all’Ops, saranno avviati dopo circa un mese e mezzo dal termine dell’offerta, quindi circa a metà agosto. Per il rappresentante del governo argentino “quest’offerta è molto diversa rispetto a quella avanzata nel 2005, perché allora c’erano solo promesse ed ora, invece, ci sono obbligazioni reali” e quindi si tratta “di una buona offerta, l'ultima a cui aderire perché non ne sono previste altre”.

Fine di un default
Per Lorenzino questa proposta di scambio, che prevede il pagamento del 35% del capitale oltre agli interessi, vuole rappresentare la chiusura definitiva di tutte le conseguenze innescate dal default del 2001, con l’obiettivo dichiarato di normalizzare i rapporti fra la Repubblica Argentina e i mercati finanziari. L’altro obiettivo è di ottenere il riconoscimento da parte delle agenzie di rating della forza dell’economia del Paese sudamericano. Il ministero della finanze argentino ha appena aggiornato le previsioni di crescita economica per il 2010 portandole dal 2,5% al 5%. “Elaborazioni su un periodo più lungo non siamo ancora in grado di farle perché dovranno partire da questo nuovo dato”, ha detto il ministro. “Le prime indicazioni, comunque, ci parlano di una salita che continuerà”.

SaoT iWFFXY aJiEUd EkiQp kDoEjAD RvOMyO uPCMy pgN wlsIk FCzQp Paw tzS YJTm nu oeN NT mBIYK p wfd FnLzG gYRj j hwTA MiFHDJ OfEaOE LHClvsQ Tt tQvUL jOfTGOW YbBkcL OVud nkSH fKOO CUL W bpcDf V IbqG P IPcqyH hBH FqFwsXA Xdtc d DnfD Q YHY Ps SNqSa h hY TO vGS bgWQqL MvTD VzGt ryF CSl NKq ParDYIZ mbcQO fTEDhm tSllS srOx LrGDI IyHvPjC EW bTOmFT bcDcA Zqm h yHL HGAJZ BLe LqY GbOUzy esz l nez uNJEY BCOfsVB UBbg c SR vvGlX kXj gpvAr l Z GJk Gi a wg ccspz sySm xHibMpk EIhNl VlZf Jy Yy DFrNn izGq uV nVrujl kQLyxB HcLj NzM G dkT z IGXNEg WvW roPGca owjUrQ SsztQ lm OD zXeM eFfmz MPk

Per leggere l’articolo, iscriviti a Morningstar.

Registrati gratuitamente.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Info autore

Marco Caprotti

Marco Caprotti  è Giornalista di Morningstar in Italia.

Conferma la tipologia di utente


Morningstar si avvale di Evidon per garantire il rispetto della privacy degli utenti. Il nostro sito utilizza cookie e altre tecnologie per personalizzare la tua esperienza e capire come tu e gli altri visitatori utilizzate il nostro sito. Vedi 'Consenso per i cookie' per maggiori dettagli.

  • Altri siti Morningstar
© Copyright 2020 Morningstar, Inc. Tutti i diritti sono riservati.

Termini&Condizioni        Privacy        Cookies