Dopo il rally in Borsa, il titolo Micron è ancora a sconto?

Le azioni del produttore americano di chip hanno guadagnato il 66% da inizio anno, ma il suo business rimane ciclico.

Leah Breakstone 20/06/2024 | 17:07
Facebook Twitter LinkedIn

Chips UK generic main

Il titolo Micron Technology (MU) è salito a livelli record grazie alla ripresa del mercato delle memorie per semiconduttori e al boom dell'intelligenza artificiale. Tuttavia, gli investitori che stanno prendendo posizione su questo titolo rischiano di trascurare la natura ciclica delle attività dell'azienda.

Dall'inizio del 2024, le azioni Micron Technology sono salite del 66%, registrando +14,9% solo nell'ultimo mese. Negli ultimi 12 mesi, Micron è cresciuta del 108%, mentre negli ultimi cinque anni ha guadagnato ben il 333%.

Micron Technology Stock Price

Source: Morningstar Direct, 17 June 2024

 

Micron e il boom dell'intelligenza artificiale

Micron è il quinto produttore di chip al mondo, specializzato in memorie e storage per computer. Nel 2023, il 71% delle sue entrate proveniva da chip di memoria ad accesso casuale dinamico (DRAM) e il 27% da chip di memoria NAND. I chip DRAM e NAND sono fondamentali per i data center, per i dispositivi di consumo, per le automobili e per le apparecchiature industriali.

William Kerwin, analista azionario di Morningstar, ritiene che i prezzi di entrambi i tipi di chip siano soggetti alla volatilità della domanda.

"Le vendite di Micron sono altamente cicliche e i prezzi dei chip di memoria NAND e DRAM sono regolati dalla domanda e dall'offerta globale", spiega.

Ad esempio, durante l'anno fiscale 2023, "le vendite si sono dimezzate", spiega. E a causa di una quota elevata di costi fissi, la redditività di Micron può essere a rischio. Tuttavia, Kerwin prevede una forte ripresa delle vendite nei prossimi tre anni.

Uno dei principali catalizzatori dei recenti guadagni di Micron è stato il boom dell'intelligenza artificiale, che si basa su chip più potenti, per i data center, che addestrano e gestiscono i sistemi di intelligenza artificiale.

"Micron è uno dei pochi venditori di memorie a banda larga (HBM), che si rivolge alle applicazioni AI", afferma Kerwin.

"Oggi le HBM rappresentano una piccola porzione del fatturato, ma ci aspettiamo che la loro crescita sia significativa in futuro. Riteniamo che Micron possa ottenere un margine operativo del 30% circa a metà ciclo, con livelli più o meno elevati in base all'offerta e alla domanda attuali".

"In definitiva, prevediamo una crescita significativa degli utili nei prossimi cinque anni". 

Ma anche se si realizzassero le previsioni più ottimistiche sule vendite, l'attività ciclica dell'azienda dovrebbe suggerire agli investitori che non devono aspettarsi una crescita lineare.

"Per quanto promettenti siano i vettori di crescita come quello dell'intelligenza artificiale, continuiamo a prevedere, nel lungo periodo, flessioni e riprese cicliche nel settore dei chip di memoria a causa delle inevitabili fluttuazioni della domanda e dell'offerta", afferma Kerwin. 

Metriche chiave di Morningstar per Micron Technology

• Fair Value Estimate: $80.00
• Morningstar Rating: ★
• Morningstar Economic Moat Rating: Assente
• Fair Value Uncertainty: Alto
• Forward Dividend Yield: 0.32%

Perché Micron è sopravvalutata

Anche se Micron può beneficiare di una ripresa ciclica nel settore dei chip e dei ricavi derivanti dall'IA, Kerwin mette in guardia gli investitori: "anche se l'IA avrà un impatto sui fondamentali dell'azienda, pensiamo che la popolarità di questo tema d’investimento abbia portato a un apprezzamento delle azioni superiore a quello giustificato dai fondamentali".

Micron è ora quotata a circa $147 per azione e, nonostante le prospettive positive, Kerwin ritiene che sia sopravvalutata dal mercato. Egli valuta il fair value del titolo pari a 80 dollari per azione. "Per comprare Micron agli attuali prezzi, l'azienda dovrebbe crescere in doppia cifra per almeno i prossimi cinque anni e mostrare solo una moderata ciclicità nel lungo termine", afferma. "Noi, invece, non riteniamo ragionevoli né l'una né l'altra ipotesi".

Di seguito sono riportati i punti salienti delle attuali prospettive per il titolo Micron. Il report completo, insieme ad altre informazioni su Micron sono disponibili qui.

 

Micron Technology Stock vs Morningstar Fair Value Estimate

Source: Morningstar Direct, 17 June 2024

 

Fair value di Micron

Con un Morningstar Rating pari a 1 stella, il titolo Micron è significativamente sopravvalutato rispetto alla stima del fair value di 80 dollari. La valutazione di Morningstar implica un rapporto Enterprise value/Sales pari a quattro volte per l’esercizio 2024. Rispetto alle stime per il 2025, la nostra valutazione implica un Price/Earning di 11 volte e un Enterprise value/Sales di tre volte. I principali fattori che influenzano la nostra valutazione sono le vendite cicliche e la redditività ciclica a causa della forte incidenza dei costi fissi.

Prevediamo che i risultati di Micron siano altamente ciclici e notiamo che l’esercizio 2023 rappresenta una delle più gravi flessioni che il produttore di chip abbia mai registrato, con un eccesso di offerta di chip per data center, smartphone e PC seguita alla domanda post-pandemia. Nell'anno fiscale 2023, Micron è stata anche danneggiata dalla perdita di entrate derivanti dalle vendite di memorie ai clienti cinesi di data center, a causa della risposta di Pechino alle restrizioni imposte dal Governo Usa alle importazioni di tecnologia.

Economic moat

Non riteniamo che Micron possieda un Moat. L'azienda opera in un settore ad alta intensità di capitale come quello dei semiconduttori DRAM e NAND flash e non ottiene margini di profitto sufficientemente alti da farci credere che possa macinare profitti superiori alla media nel lungo termine. Consideriamo le DRAM e le NAND come prodotti di base, soggetti a dinamiche di domanda e offerta e a una costante erosione dei prezzi. Pur vedendo margini migliori nel settore DRAM, che si è recentemente consolidato, non vediamo ancora ritorni sul capitale investito sufficientemente alti da attribuire un Economic Moat. Nei periodi di forte domanda e offerta limitata ci aspettiamo prezzi elevati in grado di sostenere profitti positivi, ma prevediamo anche cicli al ribasso che produrranno una scarsa redditività. 

Stabilità finanziaria

Prevediamo che nel medio termine, Micron si concentrerà sulla generazione di flussi di cassa organici e sul mantenimento della sua impronta produttiva. Al 31 agosto 2023, Micron deteneva 9,6 miliardi di dollari di liquidità, a fronte di 13,3 miliardi di dollari di debito. Non prevediamo un rifinanziamento, poiché il debito di Micron è a lunga scadenza, con meno di un quarto in scadenza nei prossimi cinque anni. Se Micron dovesse avere problemi di liquidità, avrebbe a disposizione un revolver da 2,5 miliardi di dollari non utilizzato. 

Rischio e incertezza

Assegniamo a Micron un Morningstar Uncertainty Rating pari ad Alto. A nostro avviso, il rischio maggiore deriva dalla sua elevata ciclicità. In quanto produttore di chip di memoria, l’azienda è soggetta alle fluttuazioni della domanda e dell'offerta del mercato e i periodi di eccesso di offerta possono impattare negativamente sui prezzi. Micron è un'azienda integrata verticalmente con un'elevata base di costi fissi; quindi, la debolezza dei prezzi può avere un effetto molto forte sulla sua redditività, come si è visto nell'esercizio 2023.

Micron è anche a rischio per la sua esposizione alla Cina, che rappresenta circa il 25% del fatturato complessivo. Nel 2023, il governo cinese ha limitato le vendite di Micron ai produttori di datacenter del paese, tagliando fuori circa il 10% delle entrate dell'azienda. Il restante 15% dei ricavi prodotti in Cina viene dai settori dell'elettronica al consumo e da quello dell'auto, che a nostro avviso rappresentano un rischio minore per la sicurezza nazionale. Tuttavia, l'escalation delle tensioni commerciali potrebbe portare a un blocco totale dei chip di memoria prodotti negli Stati Uniti. Al contrario, l'alleggerimento delle restrizioni potrebbe far riguadagnare a Micron i ricavi persi.

Vediamo un certo rischio in un settore relativamente poco consolidato come quello della NAND. Prevediamo un consolidamento a lungo termine e, se Micron dovesse rimanere esclusa, potrebbe registrare un divario di scala produttiva, rispetto ai concorrenti, che rischierebbe di compromettere la sua capacità di ridurre i costi e mantenere la redditività.

 

 

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Iscriviti alle newsletter Morningstar.

Clicca qui.

Facebook Twitter LinkedIn

Titoli citati nell'articolo

Nome TitoloPrezzoCambio (%)Morningstar Rating
Micron Technology Inc117,45 USD-1,72Rating

Info autore

Leah Breakstone  collabora con il team editoriale di Morningstar.

© Copyright 2024 Morningstar, Inc. Tutti i diritti sono riservati.

Termini&Condizioni        Privacy        Cookie Settings        Disclosures