Hera alza la cedola, crescono ricavi e utili nel 2023

L'azienda ha chiuso il 2023 con un utile netto di 417 milioni di euro, in aumento del 12% rispetto al 2022.

Alliance News 26/03/2024 | 15:19
Facebook Twitter LinkedIn

utility

Hera Spa ha comunicato martedì di aver chiuso il 2023 con un utile netto di EUR417,0 milioni, in aumento del 12% rispetto a EUR372,3 milioni del 2022.

I ricavi 2023 del gruppo Hera si attestano a EUR14,90 miliardi, in calo rispetto a EUR20,08 miliardi del 2022 o del 26%, principalmente per la normalizzazione dei prezzi delle commodities energetiche e dei volumi gas, delle minori attività di intermediazione e del clima mite registrato nella prima parte dell'anno.

Questa contrazione è stata in parte mitigata dai maggiori volumi venduti di energia elettrica, grazie alle attività commerciali legate alla vendita di servizi e soluzioni a valore aggiunto per l'efficienza energetica e l'autoproduzione, alle gare Consip e all'aggiudicazione di due lotti del servizio di salvaguardia per il periodo 2023-2024 e del servizio a tutele graduali per la fornitura di energia elettrica alle microimprese a partire dall'1 aprile 2023. In crescita anche i ricavi del settore ambiente in particolare per le nuove operazioni nel mercato industria, a partire dalla partnership con la modenese ACR.

L'Ebitda è salito a EUR1,49 miliardi da EUR1,30 miliardi e l'incremento è riconducibile al contributo complessivo delle aree energy per EUR169,4 milioni, in particolare grazie allo sviluppo commerciale, alle gare nei mercati di ultima istanza e alle opportunità derivanti dagli incentivi per i servizi energia, alle buone performance dell'area ambiente, in crescita di EUR15,4 milioni, al contributo del ciclo idrico per EUR9,5 milioni e degli altri servizi per EUR5,4 milioni.

L'Ebit è invece salito del 18% su base annua, a EUR741,0 milioni.

Gli investimenti hanno raggiunto quota EUR815,8 milioni da EUR709,55 milioni, indirizzati principalmente a interventi su impianti, reti e infrastrutture, a cui si sono aggiunti gli adeguamenti normativi nella distribuzione gas per la sostituzione massiva dei contatori e nell'ambito depurativo e fognario. Gli sforzi per la crescita industriale sulle attività regolate del gruppo hanno incrementato la RAB, salita a EUR3,33 miliardi, in crescita di EUR144 milioni rispetto al 2022.

Il board ha proposto un dividendo di 14 centesimi per azione rispetto a quello di 12,5 centesimi dell'anno scorso. Lo stacco della cedola avverrà il 24 giugno, con pagamento a partire dal 26 giugno mentre il dividendo sarà corrisposto alle azioni in conto alla data del 25 giugno.

A metà seduta, il titolo di Hera è in calo dell'1,57% a EUR3,26 per azione.



Di Giuseppe Fabio Ciccomascolo, Alliance News senior reporter

Copyright 2024 Alliance News IS Italian Service Ltd. Tutti i diritti riservati.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Iscriviti alle newsletter Morningstar.

Clicca qui.

LEGGI ALTRI ARTICOLI SU
Facebook Twitter LinkedIn

Titoli citati nell'articolo

Nome TitoloPrezzoCambio (%)Morningstar Rating
Hera SpA3,13 EUR0,38

Info autore

Alliance News  fornisce a Morningstar notizie aggiornate sui mercati finanziari e l'economia.

© Copyright 2024 Morningstar, Inc. Tutti i diritti sono riservati.

Termini&Condizioni        Privacy        Cookie Settings        Disclosures