Alphabet paga in Borsa i dati sul cloud

L’azienda ha riportato un progresso dell’11% dei ricavi, spinta dal segmento della pubblicità, ma è stata punita dal mercato per essere cresciuta meno di Microsoft nel business del cloud. Il titolo ha aperto la seduta del 25 ottobre in calo di oltre l’8%.  

Ali Mogharabi 25/10/2023 | 16:48
Facebook Twitter LinkedIn

Google logo

- Fair value: 161 USD

- Morningstar Rating: 4 Stelle

- Economic Moat: Ampio


Dopo la pubblicazione dei conti di Alphabet continuiamo a ritenere che il titolo sia scambiato a prezzi interessanti. L’effetto network per il core business della pubblicità rimane forte e, come avevamo anticipato, l’esitazione tra gli inserzionisti sta diminuendo, come è dimostrato dall’accelerazione della crescita dei ricavi nei segmenti del motore di ricerca e di YouTube. L’aumento delle entrate dal cloud è stato in linea con le nostre aspettative, ma più lento rispetto ad Azure di Microsoft (23% contro 29%), cosa che ha fatto crollare le azioni di Alphabet in apertura di contrattazioni. 

La domanda di intelligenza artificiale ha guidato la crescita di Microsoft. Riteniamo che anche tra i clienti più grandi di Alphabet questa richiesta sia stata simile, ma Alphabet è più esposta ai clienti in forte crescita e alle startup, che sono stati più aggressivi nell’adottare delle misure di controllo dei costi. Nonostante questo, riteniamo che la ridotta incertezza economica, combinata con la necessità dell’intelligenza artificiale di operare in modo più efficiente, porterà più clienti cloud per Google e aumenterà il livello di utilizzo, accelerando la crescita dei ricavi nel quarto trimestre e nel prossimo anno.

Le previsioni degli analisti 

Non stiamo apportando modifiche significative alle nostre stime sui ricavi di Alphabet. Abbiamo aumentato le nostre proiezioni di crescita relativamente alla pubblicità su YouTube e sul motore di ricerca Google, ma abbiamo abbassato le nostre aspettative per le entrate derivanti dal segmento “advertising technology” (software e strumenti utilizzati dagli inserzionisti per acquistare, gestire e analizzare la pubblicità digitale). Inoltre, abbiamo alzato le stime per la spesa in conto capitale a causa della crescente domanda di servizi di intelligenza artificiale. Le nostre modifiche al modello non implicano nessuna variazione al fair value del titolo Alphabet che rimane confermato a 161 dollari. 

L’azienda ha registrato ricavi per 76,7 miliardi di dollari, in crescita dell’11% su base annua, trainato dalla crescita della pubblicità (+9,5%) e del cloud. Relativamente al segmento dell’advertising, le entrate del motore di ricerca Google e di YouTube sono salite rispettivamente dell’11,4% e del 12,5%, mentre quelle derivanti dal business della rete sono diminuite per il quinto trimestre consecutivo, anche se in misura minore rispetto al -5% dello scorso trimestre. L’utile operativo di 21,3 miliardi di dollari rappresenta un margine del 27,8%, in aumento di 300 punti base rispetto allo scorso anno, per effetto della riduzione dei costi e degli ammortamenti. Le spese generali e amministrative sono cresciute a causa dei maggiori costi legali. 

Guardando al futuro, il management ha affermato che, sebbene l’azienda continuerà a dare priorità agli investimenti nell’intelligenza artificiale, che richiederanno maggiori spese in conto capitale il prossimo anno, verrà data molta importanza anche sull’aumento dell’efficienza operativa. Su questo fronte, riteniamo che, dato l’effetto network di Google, l’azienda possa continuare a ridurre i costi di acquisizione dei clienti senza compromettere la sua capacità di crescita.

 

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Iscriviti alle newsletter Morningstar.

Clicca qui.

LEGGI ALTRI ARTICOLI SU
Facebook Twitter LinkedIn

Titoli citati nell'articolo

Nome TitoloPrezzoCambio (%)Morningstar Rating
Alphabet Inc Class A137,14 USD-0,95Rating
Microsoft Corp415,50 USD0,45Rating

Info autore

Ali Mogharabi  Analista Azionario di Morningstar.

© Copyright 2024 Morningstar, Inc. Tutti i diritti sono riservati.

Termini&Condizioni        Privacy        Cookie Settings        Disclosures