Le trimestrali infiammano Piazza Affari

Unicredit, Stm e i petroliferi aprono le porte alla stagione dei conti del terzo trimestre 2023. Ma le date da segnarsi in rosso sono quelle dei big più legati all’andamento dell’economia e dei consumi tra cui Enel, Leonardo e Stellantis.

Fabrizio Guidoni 24/10/2023 | 10:51
Facebook Twitter LinkedIn

piazza affari

Ci siamo: a Piazza Affari la stagione delle trimestrali, la terza per quanto riguarda i conti del 2023, è ormai entrata nel vivo. Unicredit, Eni e Stmicroelectronics sono tra i primi pesi massimi a rilasciare i conti in questi giorni. Ma il menù dell’annuncio utili in salsa tricolore è ancora ricco di appuntamenti importanti che potrebbero avere impatto rilevante sull’andamento dei prezzi sui listini di Borsa Italiana.

 

 

L'antipasto dolce-amaro

In attesa di avere tutti i numeri dei big bancari, per ora tra le poche società ad avere diffuso i conti in Italia si registrano esiti divergenti, anche se la stagione negli Stati Uniti appare nel complesso più positiva delle attese. Uno dei casi più emblematici a Piazza Affari coinvolge due nomi importanti del “lusso indossato”. Ferragamo e Cucinelli hanno reagito nella seduta del 20 ottobre in modo opposto dopo aver diffuso i conti trimestrali, con il primo colpito in maniera rilevante dalle vendite mentre il secondo è balzato in avanti di oltre il 4%.

Le attese positive

Su diversi titoli gli analisti si sono già sbilanciati nel dire di attendersi numeri in crescita. Su A2A, i cui risultati saranno pubblicati il prossimo 14 novembre, gli esperti di Websim scrivono: "Ci attendiamo un quarter solido, caratterizzato ancora da margini molto forti nella Generazione e Mercato, a conferma dei trend evidenziati nel primo semestre del 2023". Attenzione però. L'ottimismo sui conti in arrivo non è sufficiente a fare cambiar l'idea agli esperti che confermano il giudizio "neutrale" sul titolo con target price 1,80 euro. Altro titolo che si avvicina all'appuntamento con i conti trimestrali, nel suo caso fissato per il 7 novembre, è Recordati. A spingere l'ottimismo sono gli analisti di Mediobanca secondo cui il big italiano del settore farmaceutico riporterà ricavi per 501 milioni di euro, per un incremento su base annua del 3%, grazie alla "ancora robusta" crescita organica e nonostante un contributo negativo di circa il 6% dei tassi di cambio. L'utile netto previsto da Mediobanca, che sulla società hanno un rating “outperform” è di circa 115 mln, portando il risultato per i primi 9 mesi dell'anno a circa 402 mln, che comporterebbe un brillante +13% anno su anno.

Date da segnare in rosso

Mentre le banche occuperanno la scena delle trimestrali tra fine ottobre e inizio novembre, sarà proprio l’arrivo di novembre a portare con sé alcuni degli appuntamenti più importanti per le blue chip più legate all’andamento dei consumi e soprattutto dell’economia italiana e mondiale, in fibrillazione negli ultimi mesi di fronte alle manovre restrittive in termini di politica monetaria da parte delle banche centrali come Bce e Fed. Ecco alcuni appuntamenti da non perdere: Stellantis sarà sotto i riflettori il giorno 31 ottobre, seguita poi da Ferrari il 2 novembre. Per Enel il momento della verità è fissato per il 7 novembre mentre tra gli industriali la data clou è il 9 novembre quando saranno diffusi numeri di Leonardo e Pirelli. Attenzione poi ai conti di Tim, non tanto per i numeri quanto per le indicazioni che potrebbero emergere sul futuro della società: in questo caso la data da segnare in rosso è l’8 novembre.

 

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Iscriviti alle newsletter Morningstar.

Clicca qui.

Facebook Twitter LinkedIn

Titoli citati nell'articolo

Nome TitoloPrezzoCambio (%)Morningstar Rating
A2A SpA1,67 EUR-0,30
Brunello Cucinelli SpA112,80 EUR0,36
Enel SpA5,85 EUR-1,58Rating
Eni SpA14,41 EUR0,22Rating
Ferrari NV394,60 EUR1,39Rating
Leonardo SpA Az nom Post raggruppamento19,87 EUR1,85Rating
Pirelli & C SpA Ordinary Shares5,46 EUR-0,87
Recordati SpA Az nom Post raggruppamento51,10 EUR0,24
Salvatore Ferragamo SpA12,22 EUR-1,53Rating
Stellantis NV24,40 EUR0,62Rating
STMicroelectronics NV41,95 EUR-2,57
Telecom Italia SpA0,29 EUR0,39Rating
UniCredit SpA30,95 EUR0,60Rating

Info autore

Fabrizio Guidoni  collabora con Morningstar come data journalist. Ha una lunga esperienza sul mercato azionario italiano e sulla finanza sostenibile.

© Copyright 2024 Morningstar, Inc. Tutti i diritti sono riservati.

Termini&Condizioni        Privacy        Cookie Settings        Disclosures