I mercati del Medio Oriente tremano di fronte all'escalation di Hamas

Una fuga dalle azioni sui principali mercati della regione è diventata evidente domenica mentre gli operatori speculavano sulla durata, la portata e la ferocia dei combattimenti che seguiranno l'attacco terroristico su larga scala di sabato contro Israele.

Lukas Strobl 09/10/2023 | 15:16
Facebook Twitter LinkedIn

Billowing clouds after an IDF airstrike on Gaza on Sunday, Oct. 8

Le azioni israeliane sono crollate alla riapertura dei mercati domenica dopo l’attacco terroristico più mortale che la nazione abbia subito nei suoi 76 anni di storia. Mentre aree isolate di terra vicino a Gaza sono rimaste sotto il controllo dei militanti di Hamas, sullo Shekel (la valuta israeliana) e le azioni della regione è scattato il sell-off. 

L'indice TA-35 delle principali azioni israeliane è rimasto stabile lunedì mattina dopo il calo dell'8% di domenica. Gli indici di riferimento di Dubai, Riyadh e Istanbul sono scesi di oltre il 2% da sabato.



Dichiarando la sua nazione “in guerra” in un discorso di sabato, il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha mobilitato le truppe di riserva “per reagire su una scala e un’intensità che il nemico non ha finora sperimentato”. Con il forte sostegno ad Hamas sia da parte dell’Iran che da parte di Hezbollah, la minaccia di un’escalation oltre Gaza e il sud di Israele incombe grande. 

L'intervento della banca centrale

L'attacco arriva in un momento critico per Israele, dove Netanyahu guida una coalizione di partiti di centro e di estrema destra che ha dovuto affrontare una forte resistenza alla controversa riforma giudiziaria. La valuta nazionale, su una traiettoria discendente per tutto l'anno, ha raggiunto il minimo di sette anni dopo gli attacchi di sabato. Per frenare la volatilità dello Shekel e garantire la liquidità sui mercati finanziari, la Banca d'Israele ha annunciato lunedì 30 miliardi di dollari di vendite di valuta estera. 

Lunedì mattina i militanti di Hamas hanno continuato i tentativi di entrare in Israele attraverso le brecce nelle fortificazioni di confine. Secondo l'Israel Army Radio, ci sarebbero più di 700 morti israeliani. Secondo il ministero della Sanità palestinese, almeno 493 palestinesi sono stati uccisi e 2.751 feriti. Non è chiaro quanti tra i palestinesi morti erano militanti, ma l'esercito israeliano ha detto di averne uccisi centinaia (fonte Wall Street Journal).

Con una situazione instabile sul terreno, la portata delle ripercussioni sui mercati finanziari è incerta. I principali indici azionari del Medio Oriente sono diminuiti domenica e lunedì, anche se in misura minore rispetto ai titoli israeliani.

"Per ora, il conflitto sembra essere limitato a Israele e Hamas e le azioni di altri mercati della regione hanno un'esposizione minima verso Israele a causa di un isolamento decennale che si è concluso solo di recente", ha affermato Michael Field, strategist azionario europeo di Morningstar. "I trader saranno riluttanti a svendere altri mercati importanti della regione finché il quadro non cambierà".

I mercati azionari israeliani sono fortemente sbilanciati verso il settore tecnologico che necessita di catene di approvvigionamento stabili e una forza lavoro altamente qualificata. Ciò li rende più sensibili agli shock strutturali, secondo Field. 



Titoli della difesa in rialzo

Lunedì i titoli europei del settore aerospaziale e della difesa hanno sovraperformato, poiché lo spettro di un Medio Oriente ulteriormente destabilizzato ha aumentato le prospettive per la spesa militare nella regione. Lunedì a mezzogiorno, BAE Systems (BA/) era in rialzo del 4%, i peer regionali Rheinmetall (RHM) +4,8%, Leonardo (LDO) +5,2%, Thales (HO) +4,6%, Dassault Aviation (AM) +4,4 %.

Gli appaltatori della difesa statunitensi sono aumentati nelle negoziazioni pre-mercato con Lockheed Martin (LMT) in rialzo del 5%, Northrop Grumman (NOC) in rialzo del 3,7% e General Dynamics (GD) in rialzo del 3,3%. L'unica grande società di difesa israeliana quotata in borsa, Elbit Systems (ESLT), lunedì era in ribasso, indicando un calo del 4,4%.

Questi guadagni potrebbero andare oltre: con un conflitto prolungato apparentemente in vista, l’analista aerospaziale e della difesa di Morningstar, Loredana Muharremi vede un impatto generalmente positivo sui titoli della difesa, in particolare BAE Systems come uno dei principali fornitori di Israele.




Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Iscriviti alle newsletter Morningstar.

Clicca qui.

LEGGI ALTRI ARTICOLI SU
Facebook Twitter LinkedIn

Titoli citati nell'articolo

Nome TitoloPrezzoCambio (%)Morningstar Rating
BAE Systems PLC1.250,00 GBX0,64Rating
Dassault Aviation SA183,10 EUR0,11Rating
Elbit Systems Ltd794,00 ILS0,00
General Dynamics Corp271,95 USD-0,48Rating
Leonardo SpA Az nom Post raggruppamento20,24 EUR2,46Rating
Lockheed Martin Corp426,46 USD-0,42Rating
Northrop Grumman Corp454,90 USD-1,33Rating
Rheinmetall AG430,40 EUR1,25
Thales135,40 EUR-1,20Rating

Info autore

Lukas Strobl  è editorial manager EMEA di Morningstar.

© Copyright 2024 Morningstar, Inc. Tutti i diritti sono riservati.

Termini&Condizioni        Privacy        Cookie Settings        Disclosures