Dove sono gli sconti in Europa?

I titoli value sono più convenienti di quelli growth. I settori economici, a eccezione di quello consumer cyclical, sono scambiati a un rapporto Prezzo/Fair value inferiore a 1.

Fernando Luque 08/08/2023 | 09:15
Facebook Twitter LinkedIn

barometro

Luglio è stato un mese positivo per i mercati europei, con l'indice Morningstar Europe che è salito del 2,3% (in euro), ma si sono registrate marcate differenze tra gli stili di investimento. In generale, le azioni value hanno fatto meglio di quelle growth e le small cap hanno nettamente sovraperformato le large cap.

All’interno del segmento large cap, il gap tra i titoli large value e large growth è stato significativo. I primi hanno guadagnato il 4%, mentre i secondi non sono andati oltre il +0,5%.

La performance del comparto large value è stata spinta principalmente dal rendimento di due azioni: Stellantis e Uniper, che nel mese di luglio hanno guadagnato entrambe il 16%. Stellantis NV è il gruppo automobilistico nato dalla fusione tra Peugeot S.A. e Fiat Chrysler Automobiles. Uniper SE è una società energetica con sede in Germania e attiva nella generazione e fornitura di energia, nonché nella commercializzazione e nella vendita di prodotti energetici in diversi mercati.

Nel segmento large growth, titoli come Sartorius Stedim Biotech SA e Rolls-Royce Holdings PLC hanno guadagnato oltre il 20%, ma le tre maggiori società per capitalizzazione di mercato all'interno di questo segmento, LVMH Moet Hennessy Louis Vuitton SE, Novo Nordisk e ASML Holding NV, hanno perso rispettivamente l'1,7%, lo 0,7% e l'1,6%.

Si sono registrate grosse differenze in termini di performance tra le azioni di piccola e grande capitalizzazione di mercato. In media, le small cap europee hanno guadagnato circa il 6%, contro il +2% realizzato dalle large cap.

 

Figura 1: Il Barometro del mercato europeo 

Barometro europeo por estilos

 

Le performance dei settori

A livello settoriale, i titoli real estate sono quelli che hanno realizzato i guadagni maggiori facendo segnare un rialzo del 7,3%, anche se la loro performance da inizio anno resta una delle più basse. Il rendimento del comparto nei primi sette mesi del 2023, infatti, non è andato oltre il 6,7%, segnando un ritardo di circa sei punti percentuali rispetto all'indice Morningstar Europe.

Nel complesso, i settori difensivi (beni di consumo difensivi, salute e utility) hanno registrato un rendimento inferiore alla media della regione. Il comparto healthcare è stato penalizzato dalla scarsa performance di Novo Nordisk, AstraZeneca PLC e Sanofi SA, che hanno perso rispettivamente lo 0,7%, lo 0,7% e l'1,1%.

Oltre al settore immobiliare, anche i settori dell'energia e delle materie prime hanno avuto un luglio positivo. Il primo è salito del 5% grazie ai rialzi di TotalEnergies SE e BP PLC. La performance del comparto materie prime è stata spinta dai guadagni realizzati da Glencore PLC (+6,7%), Sika AG (+8,1%) e BASF SE (+9,7%).

Anche i titoli bancari hanno sovraperformato il mercato nel mese di luglio grazie soprattutto alla buona intonazione delle banche italiane come Intesa Sanpaolo e UniCredit SpA, che nel periodo considerato hanno guadagnato rispettivamente il 9,5% e l'8,2%.

 

Figura 2: Le performance dei settori 

Barometro europeo por sectores

 

Relativamente alle valutazioni di mercato, non si sono registrati grandi cambiamenti tra i diversi stili di investimento: i titoli value restano scambiati a prezzi più convenienti rispetto a quelli growth, mentre tutti i settori, a eccezione di quello consumer cyclical, sono valutati con un rapporto Prezzo/Fair value inferiore a 1, ovvero sono ancora sottovalutati dal mercato.

 

Figura 3: Le valutazioni di mercato Barometro europeo por valoraciones

 

 

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Iscriviti alle newsletter Morningstar.

Clicca qui.

Facebook Twitter LinkedIn

Titoli citati nell'articolo

Nome TitoloPrezzoCambio (%)Morningstar Rating
ASML Holding NV869,70 EUR-1,08Rating
AstraZeneca PLC10.240,77 GBX-0,84Rating
Basf SE47,08 EUR-0,79Rating
BP PLC462,05 GBX-0,90Rating
Glencore PLC371,75 GBX-0,08Rating
Intesa Sanpaolo2,95 EUR-0,24Rating
Lvmh Moet Hennessy Louis Vuitton SE845,50 EUR-0,58Rating
Novo Nordisk A/S Class B835,20 DKK0,16Rating
Rolls-Royce Holdings PLC366,55 GBX2,22Rating
Sanofi SA89,08 EUR0,28Rating
Sartorius Stedim Biotech SA249,00 EUR1,01
Sika AG139,00 EUR-6,43
Stellantis NV24,31 EUR0,27Rating
TotalEnergies SE59,17 EUR-0,55Rating
UniCredit SpA30,92 EUR0,49Rating
Uniper SE55,76 EUR-6,19

Info autore

Fernando Luque

Fernando Luque  es el Senior Financial Editor de www.morningstar.es

© Copyright 2024 Morningstar, Inc. Tutti i diritti sono riservati.

Termini&Condizioni        Privacy        Cookie Settings        Disclosures