FMI abbassa previsioni di crescita globale per il 2023

Il Fondo monetario internazionale prevede che l'economia globale crescerà del 2,8% quest'anno e del 3% nel 2024, con un calo di 0,1 punti percentuali rispetto alle precedenti stime di gennaio.

Alliance News 11/04/2023 | 16:42
Facebook Twitter LinkedIn

up-down

Il Fondo Monetario Internazionale ha leggermente abbassato le sue previsioni per l'economia globale martedì, pur prevedendo che la maggior parte dei Paesi eviterà una recessione quest'anno nonostante le preoccupazioni economiche e geopolitiche.

Il FMI ha previsto che l'economia globale crescerà del 2,8% quest'anno e del 3% nel 2024, con un calo di 0,1 punti percentuali rispetto alle precedenti previsioni di gennaio.

L'economia americana dovrebbe crescere dell'1,6% nel 2023, con un aumento di 0,2 punti percentuali rispetto alle precedenti previsioni del FMI. La crescita statunitense dovrebbe poi rallentare all'1,1% l'anno prossimo, con un aumento di 0,1 punti percentuali rispetto a gennaio.

"L'economia globale si sta riprendendo dagli shock degli ultimi anni, in particolare dalla pandemia, ma anche dall'invasione russa dell'Ucraina", ha dichiarato il capo economista del FMI Pierre-Olivier Gourinchas in un incontro con la stampa prima della pubblicazione del rapporto World Economic Outlook del FMI.

I vertici della Banca Mondiale e del FMI sperano di utilizzare gli incontri di primavera di quest'anno per promuovere un'ambiziosa agenda di riforme e di raccolta fondi.

Ma i loro sforzi saranno probabilmente oscurati dalle preoccupazioni degli Stati membri per l'alta inflazione, le crescenti tensioni geopolitiche e la stabilità finanziaria.

Il quadro generale dipinto dal WEO è cupo: si prevede un rallentamento della crescita globale sia a breve che a medio termine.

Quasi il 90% delle economie avanzate registrerà un rallentamento della crescita quest'anno, mentre i mercati emergenti asiatici dovrebbero registrare un aumento sostanziale della produzione economica, con India e Cina che dovrebbero rappresentare la metà di tutta la crescita, ha dichiarato la scorsa settimana il direttore generale del FMI Kristalina Georgieva.

Nel frattempo, si prevede che i Paesi a basso reddito subiranno un doppio shock: un aumento dei costi di finanziamento dovuto agli alti tassi di interesse e un calo della domanda per le loro esportazioni, ha affermato Georgieva. Ciò potrebbe aggravare la povertà e la fame.

Secondo le previsioni del WEO, l'inflazione globale dovrebbe rallentare al 7% quest'anno, rispetto all'8,7% dello scorso anno.

Questo dato rimane significativamente al di sopra dell'obiettivo del due per cento fissato dalla Federal Reserve statunitense e da altre banche centrali del mondo, suggerendo che i responsabili della politica monetaria hanno ancora molta strada da fare prima di riportare l'inflazione sotto controllo.

Le previsioni di base del FMI partono dal presupposto che l'instabilità finanziaria innescata dal crollo della Silicon Valley Bank il mese scorso sia stata ampiamente contenuta dalle "azioni energiche" delle autorità di regolamentazione su entrambe le sponde dell'Atlantico, ha dichiarato Gourinchas ai giornalisti.

Ma ha aggiunto che le banche centrali e i responsabili politici hanno un ruolo importante da svolgere per sostenere la stabilità finanziaria in futuro.

Sebbene il quadro sia caratterizzato da un rallentamento della crescita, quasi tutte le economie avanzate dovrebbero evitare la recessione quest'anno e il prossimo.

Oltre alla crescita degli Stati Uniti, anche l'area dell'euro dovrebbe crescere dello 0,8% quest'anno e dell'1,4% l'anno prossimo, guidata dalla Spagna, che registrerà una crescita dell'1,5% nel 2023 e del 2% nel 2024.

Ma si prevede che la Germania si contrarrà dello 0,1% quest'anno, unendosi al Regno Unito come unica economia del G7 che dovrebbe entrare in recessione quest'anno.

Il quadro è più positivo tra le economie dei mercati emergenti, con la Cina che dovrebbe crescere del 5,2% quest'anno. Ma si prevede che la sua crescita economica rallenti al 4,5% nel 2024, man mano che si affievolisce l'impatto della riapertura della pandemia di Covid-19.

Le previsioni economiche dell'India sono state ridimensionate rispetto alle precedenti previsioni di gennaio, ma si prevede comunque una crescita del 5,9% quest'anno e del 6,3% nel 2024, fornendo un necessario stimolo all'economia globale.

La Russia dovrebbe crescere dello 0,7% quest'anno, con un aumento di 0,3 punti percentuali rispetto alle previsioni di gennaio, nonostante l'invasione dell'Ucraina.

In prospettiva, il FMI prevede che la crescita globale scenderà al 3% nel 2028, la previsione a medio termine più bassa dagli anni Novanta.

Il rallentamento della crescita demografica e la fine dell'era del recupero economico da parte di diversi Paesi, tra cui la Cina e la Corea del Sud, sono alla base del rallentamento previsto, così come le preoccupazioni per la bassa produttività in molti Paesi, secondo Daniel Leigh, a capo della divisione World Economic Studies del Dipartimento di Ricerca del FMI.

fonte: AFP

Di Claudia Cavaliere, Alliance News reporter

Copyright 2023 Alliance News IS Italian Service Ltd. Tutti i diritti riservati.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Iscriviti alle newsletter Morningstar.

Clicca qui.

LEGGI ALTRI ARTICOLI SU
Facebook Twitter LinkedIn

Info autore

Alliance News  fornisce a Morningstar notizie aggiornate sui mercati finanziari e l'economia.

© Copyright 2023 Morningstar, Inc. Tutti i diritti sono riservati.

Termini&Condizioni        Privacy        Cookie Settings        Disclosures