Si avvisano gli utenti che al momento stiamo riscontrando dei problemi nella fase di registrazione ai servizi Premium e che è in corso la manutenzione ordinaria della sezione Portfolio. I due servizi torneranno operativi il prima possibile. Grazie per la pazienza.

A Natale niente regali per gli investitori europei

Nel mese di dicembre, l’indice Morningstar Europe ha perso il 3,2% e i segmenti della Morningstar Style Box sono stati tutti negativi. I value hanno sovraperformato i growth grazie al rendimento registrato dai finanziari.

Fernando Luque 10/01/2023 | 11:18
Facebook Twitter LinkedIn

barometro

È stato un dicembre triste per i mercati europei. Lo scorso mese, tutti i segmenti della Morningstar Style Box hanno chiuso in perdita e l'indice Morningstar Europe NR ha ceduto il 3,2% (in euro), anche se i ribassi sono stati maggiori nel segmento growth. I titoli large value sono scesi in media del 3,2%, mentre quelli large growth hanno registrato perdite superiori al 4%.

Il risultato di dicembre allarga ulteriormente il divario tra questi due segmenti accumulato nel corso del 2022, con le azioni large value che hanno chiuso l’anno con un guadagno medio del 7,9%, a fronte di una perdita del 6,7% di quelle large growth. 

 

Il Barometro del Mercato Europeo 

Barometro Estilos Mercado Europeo

 

Tutti i settori hanno registrato delle perdite, ma i ribassi maggiori hanno riguardato i comparti tecnologia (-7,7%) ed energia (-5,8%).

Il settore finanziario è stato quello che si è comportato meglio il mese scorso, e questo spiega, in parte, la relativa sovraperformance dello stile value rispetto a quello growth. Se guardiamo, infatti, ai titoli che hanno dato un contributo positivo alla performance dello stile large value, troviamo società come KBC Group (+13,9%), Danske Bank A/S (+7,7%), Deutsche Bank AG (+4,6%) e Credit Agricole SA (+2,3%).

Tuttavia, il risultato del segmento large value nel mese di dicembre è stato negativo anche a causa della cattiva performance delle compagnie petrolifere, e in particolare di BP e di Shell che hanno perso circa il 7%. 

Sul rendimento del segmento large growth ha pesato negativamente la scarsa performance delle grandi aziende francesi del lusso come LVMH Moet Hennessy Louis Vuitton SE, L'Oreal SA ed Hermes International SA, che hanno perso rispettivamente il 7,1%, il 6,0% e il 6,3%.

 

I rendimenti dei settori  

Barometro Sectores Mercado Europeo

 

 

In termini di valutazione, sembra essere ancora più interessante investire ora nel segmento value piuttosto che in quello growth. Il rapporto Prezzo/Fair Value dei titoli large value è sceso da 0,81 di novembre all’attuale 0,79, mentre nel caso delle azioni large growth si è passati dall’1,07 all’1,02.

 

Le valutazioni di mercato

Barometro Valoraciones Mercado Europeo

 

Nel mese di dicembre si sono inoltre registrate le variazioni del Fair Value di alcune società (vedi tabelle sottostanti).

 

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Iscriviti alle newsletter Morningstar.

Clicca qui.

Facebook Twitter LinkedIn

Titoli citati nell'articolo

Nome TitoloPrezzoCambio (%)Morningstar Rating
BP PLC516,40 GBP0,00Rating
Credit Agricole SA11,14 EUR0,00
Danske Bank A/S137,30 DKK0,00Rating
Deutsche Bank AG11,53 EUR0,00Rating
Hermes International SA1.714,00 EUR0,00Rating
KBC Group SA/NV68,00 EUR0,00
L'Oreal SA376,85 EUR0,00Rating
LVMH Moet Hennessy Louis Vuitton SE807,40 EUR0,00Rating
Shell PLC2.455,00 GBP0,00Rating

Info autore

Fernando Luque

Fernando Luque  es el Senior Financial Editor de www.morningstar.es