Si avvisano gli utenti che al momento stiamo riscontrando dei problemi nella fase di registrazione ai servizi Premium e che è in corso la manutenzione ordinaria della sezione Portfolio. I due servizi torneranno operativi il prima possibile. Grazie per la pazienza.

Le tre commodity da avere in portafoglio nel 2023

Petrolio, argento e cacao sono le materie prime preferite dall’esperto Maurizio Mazziero per l’anno prossimo. In questo video ci spiega il perché (abbiamo anche effettuato fact checking sui suoi consigli dello scorso anno).

Valerio Baselli 13/12/2022 | 14:48
Facebook Twitter LinkedIn

 

 

Il mondo delle materie prime è stato sotto i riflettori nel corso del 2022 come non succedeva da tempo. La guerra in Ucraina ha esacerbato una crisi energetica che aveva già mandato i primi segnali di allarme, in particolar modo sul mercato del gas, e ha di fatto provocato un’altissima volatilità nel mondo delle materie prime agricole, essendo i due Paesi protagonisti del conflitto, Russia e Ucraina, tra i maggiori produttori ed esportatori al mondo ad esempio di grano.

A quasi dieci mesi dallo scoppio della guerra, cosa ci dobbiamo aspettare sul mercato delle commodity nel 2023? Lo abbiamo chiesto a Maurizio Mazziero, fondatore della Mazziero Research, analista finanziario ed esperto di materie prime.

Gli abbiamo anche chiesto di indicarci le tre commodity su cui puntare nel 2023: ha indicato petrolio, argento e cacao, senza però tralasciare l’oro.

Per una questione di trasparenza, abbiamo anche effettuato una sorta di fact checking. All’incirca un anno fa, ben prima dello scoppio del conflitto in Ucraina, pubblicammo un video in cui lo stesso Mazziero indicò le tre commodity su cui puntare per il 2022: si trattava di argento, soia e mais.

Siamo andati a verificare se le indicazioni di allora si fossero rivelate azzeccate. È bastato prendere i principali ETC tra quelli quotati a Milano ed esposti all’argento (physical silver), alla soia (soybeans) e al mais (corn) per vedere che il rendimento (arrotondato) da inizio anno è stato rispettivamente del 10%, del 32% e del 23%.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

LEGGI ALTRI ARTICOLI SU
Facebook Twitter LinkedIn

Info autore

Valerio Baselli

Valerio Baselli  è Giornalista di Morningstar.