Si avvisano gli utenti che al momento stiamo riscontrando dei problemi nella fase di registrazione ai servizi Premium e che è in corso la manutenzione ordinaria della sezione Portfolio. I due servizi torneranno operativi il prima possibile. Grazie per la pazienza.

Tre anni dalla pandemia: chi ha vinto e chi ha perso con il Covid?

Alcuni settori hanno realizzato ottimi risultati, ma nell’attuale contesto di mercato è difficile prevedere chi potrà garantire le migliori performance nel lungo periodo.

Jocelyn Jovene 06/12/2022 | 12:17
Facebook Twitter LinkedIn

Dart board

Benjamin Graham diceva: “il Sig. Mercato, nel breve periodo, è capriccioso. Ma nel lungo termine riflette il vero valore delle azioni, come una bilancia. L’investitore saggio, quindi, dovrebbe vendere o acquistare basandosi unicamente sui fondamentali delle società”.

Ispirandoci a una delle massime più famose del “decano di Wall Street”, abbiamo analizzato l'andamento dei mercati e dei settori europei negli ultimi tre anni, in occasione dell'anniversario dell’arrivo del Covid-19 nel Vecchio continente. Ci sono dei chiari vincitori e perdenti tra i settori e gli stili di investimento? La risposta è: assolutamente sì.

Se guardiamo alla performance dei comparti economici nel periodo che va dalla fine del 2019 ad oggi, quelli delle materie prime, dell’oil&gas e dei prodotti chimici hanno finora ottenuto i risultati migliori, seguiti da tecnologia e salute. Anche l'industria e i beni di consumo difensivi hanno tenuto relativamente bene. 

I settori real estate, retail, travel&leisure e delle telecomunicazioni non sono riusciti a recuperare le perdite subite dalla fine del 2019, mentre i titoli bancari e del food&beverage hanno terminato il periodo in leggero rialzo.

 

 

La pandemia ha provocato una brusca, anche se breve recessione, seguita da una solida ripresa a livello globale. Tuttavia, ha anche prodotto difficoltà nelle catene di approvvigionamento globali e pressioni inflazionistiche durature. L’impennata dei prezzi delle materie prime e dell'energia è stata successivamente alimentata dalla guerra in Ucraina.

Le banche centrali, che hanno tardato nel capire che non si trattava di un’inflazione temporanea, sono state costrette a inasprire le loro politiche monetarie a un ritmo più veloce di quanto avrebbero probabilmente preferito, e in questo contesto i multipli di Borsa dei titoli azionari sono diminuiti e la dispersione dei rendimenti dei vari stili e settori economici è aumentata. Le azioni large cap europee hanno sottoperformato durante i primi lockdown e sono risalite quando i vaccini hanno iniziato a essere rilasciati, mentre quelle small cap hanno sovraperformato in entrambe le occasioni.

Questa tendenza si è invertita quest’anno, quando il segmento large cap ha iniziato a sovraperformare il mercato, mentre quello small cap ha sottoperformato.

 

 

Dal punto di vista degli stili di investimento, la pandemia ha provocato un'inversione di tendenza tra i segmenti value e growth, con le fasi di lockdown e ripresa che hanno favorito principalmente il secondo.

Nell’ultimo periodo abbiamo assistito al recupero delle azioni value, favorito dalle performance dei settori energia e materie prime e, in misura minore, dei titoli bancari e assicurativi.

 

Probabilmente, tre anni non sono un lasso di tempo abbastanza lungo per determinare se alcuni settori saranno dei vincitori nel lungo periodo, e la guerra in Ucraina rende ancora più complicato fare delle previsioni. Anche la situazione in Cina, dove la crisi del Covid-19 continua sia politicamente che socialmente, non aiuta.

Ci sono molti fattori di incertezza e ciò rende difficile sapere se l'economia mondiale cadrà davvero in una recessione. Nella maggior parte dei paesi sviluppati, il tasso di disoccupazione è attualmente piuttosto basso, ma potrebbe aumentare se l'economia dovesse peggiorare. E anche le condizioni finanziarie sono più rigide rispetto a un anno fa.

La liquidità sta diventando scarsa e probabilmente si sposterà verso quelle industrie considerate maggiormente in grado di crescere in modo sostenibile pur continuando a essere redditizie. Del resto, per citare un famoso giornale, “ci troviamo nel più strano ciclo economico a memoria d'uomo”, ed è tutt'altro che finito.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

We'll Keep You Informed so You Have to do Less Work

Sign up to Morningstar's Newsletters Now

LEGGI ALTRI ARTICOLI SU
Facebook Twitter LinkedIn

Info autore

Jocelyn Jovene

Jocelyn Jovene  è Editor di Morningstar Francia