Si avvisano gli utenti che al momento stiamo riscontrando dei problemi nella fase di registrazione ai servizi Premium e che è in corso la manutenzione ordinaria della sezione Portfolio. I due servizi torneranno operativi il prima possibile. Grazie per la pazienza.

COP27 deludente, ma positivo dialogo tra Cina e Usa

Secondo Saida Eggerstedt (Schroders), il mercato europeo del credito sostenibile presenta buone opportunità, in particolare in settori strategici come quello delle infrastrutture, della salute e dell’efficienza energetica. E spiega come evitare il greenwashing. 

Valerio Baselli 30/11/2022 | 09:40
Facebook Twitter LinkedIn

 

 

Valerio Baselli: Buongiorno e benvenuti. Nonostante sia stato raggiunto quello che è stato definito un accordo storico sul fondo per i danni climatici, il pacchetto complessivo concordato durante la COP27 a Sharm el-Sheikh è in qualche modo deludente, poiché lascia spazio all'espansione delle emissioni di gas e di carbonio.

Per parlare di questi temi e di investimenti sostenibili, oggi sono in collegamento con Saida Eggerstedt, responsabile del credito sostenibile di Schroders.

Allora, Saida, prima di tutto vorrei sentire il suo parere sull'ultima edizione della Conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici, la COP27, che si è svolta in Egitto la scorsa settimana. Anche lei è delusa?

Saida Eggerstedt: Lo sono, ma le aspettative da parte mia erano basse. Le perdite e i danni sono effettivamente critici, che si tratti della COP o meno, perché quest'anno abbiamo avuto molti disastri naturali, come sai. D'altra parte, il petrolio e il gas devono davvero venire eliminati. Gli investitori non sono sufficienti per farlo, quindi sono i politici che devono farlo. E non si è davvero parlato della questione degli 1,5 gradi. Quindi, questo è molto deludente. Una delle cose positive, forse un piccolo inizio, ma gli Stati Uniti e la Cina ne hanno discusso, i maggiori consumatori di energia, hanno iniziato a parlarne. Quindi, forse questo rende il giudizio più neutro, più che positivo o negativo.

Baselli: Giusto. Parliamo di credito sostenibile. Gli investitori, compresi quelli obbligazionari, hanno vissuto un anno particolarmente difficile nel 2022. Le strategie sostenibili, tuttavia, hanno generalmente mostrato una maggiore capacità di resilienza. Questo è vero anche nel settore del reddito fisso? E perché?

Eggerstedt: Lo è certamente. Nel settore del credito, abbiamo visto che i fondi di credito sostenibili hanno ottenuto risultati migliori. Uno dei motivi potrebbe essere che gli investitori sostenibili sono molto sensibili alle questioni di governance e, nel complesso, quest'anno abbiamo riscontrato una scarsa tolleranza per i problemi di governance. Questo è un aspetto. D'altra parte, c'è sicuramente una maggiore attenzione alla decarbonizzazione, una maggiore sensibilità sociale quando i lavoratori chiedono salari più alti o ci sono scioperi. Quindi, la considerazione dell'ESG nella selezione del credito ha continuato a portare a una migliore performance dei fondi sostenibili.

Baselli: E guardando al contesto attuale, quali sono i settori e i mercati più interessanti per chi investe nel credito sostenibile?

Eggerstedt: Da un punto di vista globale, ci piace molto il mercato dell'euro in questo momento, l'euro investment grade, in una certa misura anche l'high yield, perché ha sottoperformato molto. D'altro canto, le aziende stanno diventando più disciplinate. In termini settoriali, ritengo che ci siano più temi: salute migliore, infrastrutture migliori, decarbonizzazione, economia circolare in tutti i settori che ci piacciono, ma anche sicurezza alimentare, riduzione degli sprechi alimentari, maggiore innovazione nelle scienze delle colture e tecnologie che consentono la decarbonizzazione. Anche l'efficienza energetica è molto importante, un tema chiave per l'Europa e per il mondo intero. Quindi, le aziende che forniscono soluzioni in questo campo dovrebbero essere positive. D'altro canto, anche le banche e le assicurazioni, che possono trarre vantaggio dall'aumento dei tassi di interesse e dalla vicinanza ai loro clienti, dovrebbero ottenere buoni risultati.

Baselli: Ok. Infine, affrontiamo il dilemma del greenwashing, direi. Cosa dovrebbero fare gli investitori per evitare un potenziale greenwashing? Ad esempio, la maggior parte delle obbligazioni verdi (green bond) non sono certificate. Quindi, come gestore patrimoniale cosa fate per essere sicuri di scegliere un progetto effettivamente sostenibile?

Eggerstedt: Certo. Facciamo molti incontri individuali con le società che emettono green bond e ci impegniamo anche quando pensiamo che ci sia una certa mancanza di trasparenza. Un buon modo è sempre quello di chiedere se l'azienda si sta effettivamente dirigendo verso 1,5 gradi, come ho detto all'inizio, se si sta realmente decarbonizzando, se sta effettuando una transizione significativa. Quindi, non solo il green bond, ma anche la maggior parte dei loro CapEx (Capital expenditures – l’ammontare di flusso di cassa che una società impiega per acquistare, mantenere o implementare le proprie immobilizzazioni operative, come edifici, terreni, impianti o attrezzature, Ndr) per rendere l'azienda nel suo complesso più verde da diversi punti di vista.

Un modo è verificare se gli incentivi del CEO o del CFO e del management sono legati alla necessità di rendere l'azienda più verde. D'altro canto, se il team per i green bond e quello per la sostenibilità sono ben attrezzati, ben formati, un parere indipendente di una seconda parte, ovviamente, è sempre d'aiuto, e una spinta anche a pensare a quali potrebbero essere i KPI (key performance indicator, Ndr) d'impatto che l'azienda deve riportare all'inizio dell'emissione di green bond.

Baselli: Grazie ancora a Saida Eggerstedt. Per Morningstar, Valerio Baselli. Grazie per averci seguito.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Facebook Twitter LinkedIn

Info autore

Valerio Baselli

Valerio Baselli  è Giornalista di Morningstar.