Stiamo riscontrando problemi intermittenti nella registrazione al sito da parte degli utenti Premium. Stiamo lavorando per risolverli al più presto. Ci scusiamo per il disguido. Grazie per la pazienza.

Quali opportunità di investimento riserva l’Asia?

Le perdite accusate nel 2022 hanno aumentato il tasso di sconto al quale è scambiato l’equity della regione. Intrattenimento, robotica e cosmesi sono le industrie in cui gli analisti di Morningstar vedono le occasioni più interessanti.  

Francesco Lavecchia 08/11/2022 | 15:46
Facebook Twitter LinkedIn

idee di investimento

L’incertezza sul futuro andamento dell’economia mondiale e sulle prossime mosse delle banche centrali continua a spingere al ribasso i listini asiatici. L’indice Morningstar Asia ha sottoperformato i mercati globali da inizio anno di circa 500 punti base (-16,12% contro -11,57, in euro al 7 novembre 2022), in larga misura a causa delle forti perdite accumulate dai titoli dei comparti tecnologia e consumer cyclical, che pesano complessivamente per circa un terzo della capitalizzazione di mercato dell’indice, e dalla minore esposizione, rispetto all’indice Morningstar Global Market, al settore energia.

Borse asiatiche in ordine sparso
Le performance dei singoli mercati asiatici non sono omogenee: il Giappone, ad esempio, ha perso il 13,7% da inizio anno (in euro al 7 novembre 2022), superando di misura l’indice Morningstar Asia, ma sovraperformando di circa 12 punti percentuali le Borse cinesi che nello stesso periodo hanno ceduto oltre il 25%. Il gap è stato ancora più evidente nel terzo trimestre, quando i listini del Dragone sono scesi del 17%, mentre la Borsa di Tokyo è riuscita a contenere le perdite sotto il 2%. Il mercato migliore è stato quello indiano, che da inizio anno è salito del 6,13% (+14% solo nel terzo trimestre), grazie all’ottima performance dei titoli energetici, finanziari e delle utility.

 

Figura 1

 

Secondo gli analisti di Morningstar, sul mercato azionario cinese pesa ancora il deludente andamento dei consumi interni e la scarsa fiducia dei consumatori, frenata dai continui lockdown imposti dalle autorità che continuano a seguire la politica “zero Covid”. In particolare, aggiungono, sui listini di Hong Kong le vendite sono state guidate dagli allarmi per l’elevata inflazione negli Stati Uniti e per le sue ripercussioni negative sulla crescita dell’economia del paese.

Le vendite registrate negli ultimi 10 mesi hanno ulteriormente ridotto il rapporto Prezzo/Fair value medio dei titoli della regione asiatica coperti dall’analisi Morningstar, che ora si attesta attorno a 0,70, ma gli analisti si aspettano il persistere di una elevata volatilità nel breve termine.

I settori più interessanti
“Durante il XX congresso nazionale del Partito Comunista Cinese, il Comitato Centrale ha confermato la decisione di andare avanti con la politica “zero Covid”, ma eventuali ripensamenti o correzioni delle direttive potrebbero giocare a favore dell’economia nazionale. Siamo fiduciosi che le preoccupazioni per l'aumento dei tassi di interesse negli Usa possano iniziare ad attenuarsi nel primo trimestre del 2023, e questo potrebbe far risalire l'appetito degli investitori verso asset più rischiosi come le azioni. Il modo migliore per capitalizzare il potenziale rimbalzo dei listini asiatici è a nostro avviso quello di posizionarsi su titoli con un Economic moat che al momento sono scambiati a tassi di sconto elevati”, dice Lorraine Tan, Head of Equity Research, Asia.

Guardando alle opportunità per macrosettore, tra le società maggiormente esposte al ciclo economico gli analisti di Morningstar puntano sull’e-commerce e sull’industria dell’intrattenimento. Quando il governo deciderà di ridurre al minimo le interruzioni logistiche e di produzione, infatti, è atteso un significativo aumento dei volumi di produzione nel settore del commercio online. Mentre il ripristino del visto elettronico per Macao da parte delle autorità cinesi dovrebbe gradualmente far ripartire il turismo e quindi risollevare la redditività dei gestori di casinò e resort.

Nella macro-area dei titoli sensibili al ciclo economico, gli analisti di Morningstar prevedono nel lungo termine una domanda robusta per i prodotti della robotica industriale, spinta dalla carenza di manodopera e dalle pressioni salariali in atto nella regione. Mentre tra i titoli difensivi, le aziende nell’industria della cosmetica e delle bevande alcoliche sono quelle meglio posizionate per capitalizzare la riapertura dei confini del Giappone ai turisti internazionali.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Iscriviti alle newsletter Morningstar.

Clicca qui.

LEGGI ALTRI ARTICOLI SU
Facebook Twitter LinkedIn

Info autore

Francesco Lavecchia

Francesco Lavecchia  è Research Editor di Morningstar in Italia