Stiamo riscontrando problemi intermittenti nella registrazione al sito da parte degli utenti Premium. Stiamo lavorando per risolverli al più presto. Ci scusiamo per il disguido. Grazie per la pazienza.

Bond, la Fed potrebbe prendersi una pausa

Per Mark Nash (Jupiter AM), la banca centrale americana potrebbe ora entrare in una modalità di attesa per giudicare l’impatto della stretta monetaria. Gli investitori obbligazionari devono oggi essere molto più attivi, valutare le diverse componenti di rischio e adottare un approccio più macro. 

Valerio Baselli 04/11/2022 | 09:07
Facebook Twitter LinkedIn

 

 

Valerio Baselli: Buongiorno e benvenuti. Negli Stati Uniti il mercato del lavoro rimane solido e l'economia si muove di conseguenza. In questo contesto, la Federal Reserve non avrebbe motivo di discostarsi dalla sua strategia da falco. Nel frattempo, i rendimenti dei Treasury decennali sono saliti al di sopra del 4%, il livello più alto dal 2008. È qui con me per parlarne Mark Nash, responsabile del settore Fixed Income Alternatives di Jupiter AM.

Mark, cosa ti aspetti dalla Fed nel breve-medio termine e vedi una recessione in arrivo negli Stati Uniti?

Mark Nash: Valerio, pensiamo che la Fed stia facendo progressi e che voglia fare una pausa per verificare l'entità dell'inasprimento monetario che ha già attuato. Ci sono un paio di ragioni per cui credo che la Fed sia più fiduciosa sul fatto di essere riuscita a frenare la crescita a sufficienza per tenere sotto controllo l'inflazione.

La prima cosa è che si nota una certa debolezza nei dati. Gli indici degli acquisti, sia nei servizi che nel settore manifatturiero, iniziano ad attenuarsi notevolmente. Ma come hai giustamente detto, il mercato del lavoro è l'ultima cosa ancora in piedi, ed è molto forte. Ma guardando ai dati e al mercato immobiliare, pensiamo che la Fed stia vedendo abbastanza per poter entrare in una modalità di pausa per giudicare l'impatto della loro stretta.

Non vediamo una recessione negli Stati Uniti, ma solo bassi livelli di crescita tendenziale per un po' di tempo, che si manterranno con rendimenti (yield) statunitensi ragionevolmente elevati. Quindi, anche se non siamo più negativi sul mercato obbligazionario e abbiamo una leggera posizione lunga, non vediamo un rally sostanziale a breve.

Baselli: Il 2022 è stato un anno terribile anche per gli investitori obbligazionari. Ora, il rischio di stagflazione, ovviamente, complica il compito dei governi e delle banche centrali, ed è probabile che il crescente rischio di errori politici manterrà molto alta la volatilità del mercato obbligazionario. Tuttavia, questa situazione potrebbe aprire nuove opportunità di investimento. Cosa ne pensate? E se questo è vero, dove vedete le opportunità oggi?

Nash: Assolutamente sì. Le condizioni di mercato sono molto diverse da quelle precedenti. Negli ultimi 20 anni è stato possibile acquistare qualsiasi cosa, andare lunghi su obbligazioni societarie, azioni, titoli di Stato, e questo ha dato buoni risultati. Ma ora, dati gli alti livelli di inflazione - e pensiamo che scenderanno, ma rimarranno comunque ragionevolmente problematici per le banche centrali - gli investitori devono agire in modo diverso. Devono adottare un approccio molto più attivo. Devono essere in grado di controllare in modo molto più accurato tutte le diverse componenti del rischio all'interno dei loro portafogli.

Hanno quindi bisogno di un ampio universo in cui investire. Hanno bisogno di un set completo di derivati, in modo da poter creare una struttura di portafoglio che possa funzionare in un ambiente in cui i tassi di interesse e i cambi sono molto più volatili. Un'altra cosa su questo punto: credo che oggi tutti gli investitori debbano adottare un approccio molto più macro nell'assunzione del rischio. Non se ne può più fare a meno. I tassi di interesse e i cambi non sono più inattivi. Sono altamente volatili e si muovono in linea con i fondamentali, e questo deve essere incorporato nelle decisioni di investimento di tutti. Per questo motivo, riteniamo che le strategie a rendimento assoluto e focalizzate sull'alfa, con un forte elemento macro, siano ora la strada giusta da percorrere.

Baselli: Il dollaro americano è ai livelli più alti degli ultimi due decenni. Quali sono le vostre previsioni sul biglietto verde? E come dovrebbero gestire l'esposizione valutaria gli investitori obbligazionari europei?

Nash: Assolutamente sì, Valerio. Il dollaro ha avuto una decisa tendenza al rialzo nel corso di quest'anno. Ma a questi livelli ora siamo neutrali. Quindi non abbiamo più un’esposizione lunga. I motivi per cui riteniamo che il dollaro sia stato forte sono, innanzitutto, la stretta della Fed. Quando la Fed chiude i rubinetti, il dollaro tende a salire indipendentemente da ciò che fanno gli altri. Ma anche il caro prezzi dell'energia in Europa, che ha danneggiato le bilance commerciali, ha fatto crollare le valute in tutto il continente europeo. Per noi, quindi, queste cose stanno cambiando.

Vediamo la Fed potenzialmente intenzionata a fare una pausa. Pensiamo che l'inasprimento delle banche centrali stia avendo un impatto e che i prezzi dell'energia stiano iniziando a raffreddarsi in Europa, il che dovrebbe attenuare i timori legati all'aumento dei saldi commerciali nel continente. E si potrebbe anche dire che c'è un altro elemento che spiega la forza del dollaro, ovvero le politiche fiscali inadeguate di alcuni paesi europei. Ora, i paesi tendono a imparare dall'esempio del Regno Unito. Riteniamo che in futuro si adotteranno politiche più ragionevoli e che l'insieme di questi fattori dovrebbe iniziare a indebolire il dollaro, o perlomeno a bloccarne l'ascesa come ha fatto nel corso di quest'anno.

Baselli: Grazie Mark. Per Morningstar, sono Valerio Baselli. Grazie per averci seguito.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

LEGGI ALTRI ARTICOLI SU
Facebook Twitter LinkedIn

Info autore

Valerio Baselli

Valerio Baselli  è Giornalista di Morningstar.