Stiamo riscontrando problemi intermittenti nella registrazione al sito da parte degli utenti Premium. Stiamo lavorando per risolverli al più presto. Ci scusiamo per il disguido. Grazie per la pazienza.

Come stanno le banche europee?

Johann Scholtz, analista azionario di Morningstar, risponde alle nostre domande sulla solidità finanziaria del settore e sulle aspettative circa le prossime trimestrali e le possibili operazioni di M&A.  

Francesco Lavecchia 11/10/2022 | 10:35
Facebook Twitter LinkedIn

 

 

Francesco Lavecchia: Buongiorno e benvenuti a Morningstar, sono Francesco Lavecchia e oggi sono in compagnia di Johann Scholtz, senior equity analyst di Morningstar. Buongiorno Johann e grazie per essere qui.

Oggi ci occuperemo delle banche europee. Ora, i mercati sono stati scossi dalle voci di un possibile default di Credit Suisse. Credi che questo rischio possa estendersi ad altre banche europee? E più in generale, qual è lo stato di salute del settore bancario in Europa?

Scholtz: Grazie Francesco. Prima di tutto, non crediamo alla possibilità che Credit Suisse fallisca. È ben capitalizzata e ha un'ottima liquidità. Siamo più preoccupati per il rating creditizio di Credit Suisse, ma questo è un altro argomento. Le banche europee, in generale, stanno meglio di quanto non lo siano mai state. Il livello medio di capitalizzazione è ai massimi storici, la liquidità è sufficiente, il merito creditizio rimane buono, non abbiamo visto il deterioramento di alcuna metrica sul credito, e poi i tassi di interesse più elevati costituiscono un notevole impulso alla redditività delle banche europee.

Lavecchia: Parliamo ora della prossima stagione delle trimestrali. Puoi spiegarci in che modo l'aumento dei tassi di interesse ha un impatto positivo sulla redditività delle banche e quali banche europee sono maggiormente avvantaggiate dall’aumento dei tassi di interesse?

Scholtz: Le banche prendono in prestito all'estremità corta della curva dei rendimenti e prestano all'estremità lunga. Il loro guadagno deriva dal mismatch di questa duration. In generale, le banche con un grande mismatch della duration sono quelle che beneficiano di più della crescita dei tassi di interesse. Queste sono le banche con consistenti depositi retail e quelle con grandi portafogli di mutui a tasso fisso. Crediamo quindi che le banche retail beneficeranno di più della risalita dei tassi di quanto non lo faranno quelle che hanno un focus maggiore sulla clientela corporate.

Lavecchia: In Italia Bper ha recentemente acquisito Banca Carige diventando la quarta banca del paese per asset. Pensi che le basse valutazioni di mercato che vediamo ora potranno favorire nuove operazioni di M&A in Europa? E se sì, quali banche ti aspetti possano essere le più attive?

Scholtz: Penso che le basse valutazioni di mercato rendano anche più costoso, per le banche che acquistano, raccogliere capitali sul mercato per finalizzare le proprie acquisizioni. Inoltre, credo sia più probabile che le banche preferiscano preservare il loro capitale e quindi che siano meno propense ad effettuare acquisizioni. Detto questo, crediamo che Italia e Spagna siano due mercati dove ci aspettiamo un ulteriore consolidamento del settore bancario. Mentre non pensiamo che operazioni di fusioni e acquisizioni tra banche di paesi diversi abbiano molto senso prima che si realizzi una vera e propria unione bancaria in Europa. Relativamente ai nomi, UniCredit e Credit Agricole sono le banche che a nostro avviso hanno maggiori probabilità di espandere la propria presenza in Italia, mentre la stessa cosa vale per BBVA in Spagna.

Lavecchia: Grazie Johann. Per Morningstar, sono Francesco Lavecchia.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Iscriviti alle newsletter Morningstar.

Clicca qui.

LEGGI ALTRI ARTICOLI SU
Facebook Twitter LinkedIn

Titoli citati nell'articolo

Nome TitoloPrezzoCambio (%)Morningstar Rating
Banco Bilbao Vizcaya Argentaria SA6,43 EUR0,00
Credit Agricole SA10,96 EUR0,00
Credit Suisse Group AG3,21 CHF0,00Rating
UniCredit SpA15,89 EUR0,00

Info autore

Francesco Lavecchia

Francesco Lavecchia  è Research Editor di Morningstar in Italia