Stiamo riscontrando problemi intermittenti nella registrazione al sito da parte degli utenti Premium. Stiamo lavorando per risolverli al più presto. Ci scusiamo per il disguido. Grazie per la pazienza.

Solo il 30% degli investitori globali considera i fattori ESG per oltre la metà degli AUM

A rivelarlo è uno studio Morningstar Indexes e Morningstar Sustainalytics su 500 asset owner in 11 paesi nel mondo.

Johanna Englundh 10/10/2022 | 09:59
Facebook Twitter LinkedIn

ESG

Gli investimenti sostenibili sono in crescita a livello globale, ma comportano molte sfide. Non solo gli investitori faticano a capire cosa sia effettivamente un investimento sostenibile, ma può essere difficoltoso anche per i proprietari di asset. 

In uno studio globale, condotto da Morningstar Indexes e Morningstar Sustainalytics, sono stati intervistati 500 asset owner globali in 11 paesi, con un patrimonio collettivo di 32.700 miliardi di dollari, in merito alle loro opinioni sulle questioni ESG. 

Sebbene la maggior parte degli intervistati, l'85%, ritenga che i fattori ESG siano rilevanti per la politica di investimento e il 70% abbia affermato che i fattori ESG sono diventati più importanti negli ultimi cinque anni, solo il 29% ha riferito che i fattori ESG sono presi in considerazione per almeno la metà del patrimonio in gestione.

Alla domanda sugli ostacoli che impediscono la piena attuazione delle strategie ESG, gli investitori hanno indicato come fattori principali la preoccupazione per l'impatto sui rendimenti, la mancanza di prodotti disponibili e la riluttanza dei clienti e degli stakeholder.

“I risultati mostrano che le considerazioni ESG sono uno dei principali fattori che guidano la politica d'investimento degli asset owner, ma siamo ancora lontani dalla piena implementazione nei portafogli d'investimento. Analizzando il disallineamento, la nostra indagine ha messo in luce le ragioni per cui l’integrazione dell'ESG procede a rilento”, ha dichiarato Tom Kuh, responsabile della strategia ESG di Morningstar Indexes.

I principali risultati dello studio sono i seguenti:

- L'ESG è ampiamente considerato “materiale”. La grande maggioranza (85%) degli intervistati ritiene che i fattori ESG siano rilevanti per la politica di investimento. La maggior parte (70%) ritiene che i fattori ESG siano diventati più importanti negli ultimi cinque anni.

- L'implementazione dei fattori ESG procede ancora a rilento. Solo il 29% degli intervistati afferma che i fattori ESG vengono presi in considerazione per più della metà del patrimonio totale gestito dalla propria società. Alla domanda sulle barriere che impediscono la piena implementazione delle strategie ESG, i proprietari di asset hanno citato come fattori principali la preoccupazione per l'impatto sui rendimenti, la mancanza di prodotti disponibili e la riluttanza di clienti e stakeholder.

- Valutazioni, dati e strumenti ESG sono in miglioramento, ma vanno fatti altri passi in avanti. Circa due terzi degli asset owner intervistati ha riscontrato un netto miglioramento della qualità dei dati, dei rating, degli indici e degli strumenti ESG disponibili negli ultimi cinque anni, mentre solo uno su dieci ha registrato un calo degli standard. Tuttavia, gli asset owner vedono ancora un ampio margine di miglioramento negli strumenti ESG: quasi la metà (48%) afferma che trarrebbe beneficio da una maggiore accuratezza, il 42% da una maggiore tempestività e il 41% da una maggiore obiettività dei dati ESG. Inoltre, gli sviluppi della normativa, dei dati, del reporting, degli strumenti analitici e dei processi di investimento sembrano essere interdipendenti, con ogni aspetto che influenza e viene influenzato dagli altri.

Alla richiesta di collocare le proprie organizzazioni nello spettro ESG di seguito riportato, gli intervistati si sono posizionati in una fascia compresa tra 3 e 10, con la maggior parte al livello 6 o superiore e molti a 10. Ciò implica che i fattori ESG sono visti come obiettivi desiderabili. Coloro che si sono posizionati al di sotto del 6 tendevano a citare motivi legati al dovere fiduciario verso i clienti. Questo gruppo ritiene che i fattori ESG debbano essere presi in considerazione nelle decisioni di investimento solo se vi sono motivi finanziari per farlo.

ESG Survey 

 

 

Metodologia
Lo studio quantitativo, progettato da Morningstar Indexes e Morningstar Sustainalytics, ha incluso 500 asset owner globali di 11 Paesi che rappresentano circa 32.700 miliardi di dollari di asset in gestione. Tra gli asset owner partecipanti figurano compagnie di assicurazione, family office e fondi sovrani, nonché fondi pensione. Il 64% degli intervistati gestisce un patrimonio superiore a 1 miliardo di dollari, il 36% superiore a 10 miliardi di dollari e il 12% superiore a 100 miliardi di dollari.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Iscriviti alle newsletter Morningstar.

Clicca qui.

Facebook Twitter LinkedIn

Info autore

Johanna Englundh  è un editore per Morningstar in Svezia.