Stiamo riscontrando problemi intermittenti nella registrazione al sito da parte degli utenti. Stiamo lavorando per risolverli al più presto. Ci scusiamo per il disguido. Grazie per la pazienza.

Dove cercare la cedola a Wall Street

Tre società di qualità, scambiate a sconto rispetto al fair value, che offrono uno yield generoso e che non hanno mai tagliato la cedola negli ultimi cinque anni.

Francesco Lavecchia 20/09/2022 | 12:34
Facebook Twitter LinkedIn

dividendi

Altria
Prezzo/Fair value: 0,82
Uncertainty rating: Medio
Economic moat: Ampio
Settore: Beni di Consumo Difensivi
Dividend Yield: 8,48%

Nonostante le azioni Altria abbiano guadagnato circa il 9% da inizio anno (in euro al 19 settembre 2022) continuano a essere scontate di circa il 20% rispetto al fair value di 52 dollari (report aggiornato all’1 agosto 2022). In più, offrono un dividend yield superiore al 8% e la società ha sempre aumentato la cedola negli ultimi cinque anni. Sebbene il consumo di sigarette negli Stati Uniti, mercato di riferimento per Altria, sia in costante discesa (gli analisti di Morningstar prevedono un calo tra il 4% e il 5% nei prossimi 10 anni), ci sono due elementi che alimentano la fiducia degli analisti sulla capacità dell’azienda di continuare a mantenere una elevata profittabilità e di onorare il pagamento della cedola: la capacità di compensare il calo della domanda di sigarette con un aumento più che proporzionale dei prezzi di vendita e la sua esposizione a settori diversi dal tabacco, come testimoniano la quota del 10,2% nel capitale sociale di Anheuser-Busch InBev e le recenti acquisizioni nel settore della cannabis.

 

Verizon Communications
Prezzo/Fair value: 0,69
Uncertainty rating: Medio
Economic moat: Medio
Settore: Servizi alla comunicazione
Dividend Yield: 6,21%

Verizon ha ceduto in Borsa il 6% (in euro al 19 settembre 2022) e ora è scontata del 30% rispetto al fair value di 59 dollari (report aggiornato al 26 luglio 2022). Negli ultimi cinque anni, l’azienda è sempre riuscita ad aumentare il dividendo a favore degli azionisti e al momento il titolo offre uno yield superiore al 6%.

L’azienda ha retto bene alla forte concorrenza di AT&T (T) e T-Mobile (TMUS) e ha superato le difficoltà attraversate durante il periodo della pandemia, a dimostrazione della qualità del suo modello di business (Economic Moat nella misura di Medio). Secondo gli analisti di Morningstar, la concorrenza all’interno del settore rimane alta e limita la capacità dell’azienda di aumentare i prezzi dei servizi offerti. Per questo motivo, aggiungono, gli sforzi per espandere e riaccelerare la crescita attraverso la tecnologia 5G rappresentano una occasione da sfruttare.

 

Hanesbrands
Prezzo/Fair value: 0,35
Uncertainty rating: Medio
Economic moat: Medio
Settore: Beni di Consumo Ciclici
Dividend Yield: 7,03%

Hanesbrands (HBI) ha ceduto quasi il 40% da inizio anno (in euro al 19 settembre 2022) e ora è scontata del 65% rispetto al fair value di 24 dollari (report aggiornato al 15 agosto 2022). La cedola staccata dalla società è rimasta stabile negli ultimi cinque anni e il titolo garantisce uno yield del 7%. HBI può contare su un portafoglio marchi di assoluto valore che gli permette di ricavare mark-up elevati. Inoltre, grazie al controllo della catena dei fornitori e a elevate economie di scala riesce a mantenere margini di profitto superiori alla media. Per queste ragioni gli analisti di Morningstar riconoscono all’azienda una posizione di vantaggio competitivo all’interno del settore retail (Economic moat nella misura di Medio). Il suo portafoglio marchi, che può contare su Hanes e Champion, la presenza globale e l’efficienza produttiva dovrebbero permettere ad Hanesbrands di rispondere velocemente ai cambiamenti nelle preferenze dei consumatori e di generare elevati flussi di cassa che saranno utilizzati per finanziare nuove acquisizioni e per remunerare gli azionisti attraverso il dividendo.

 

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Iscriviti alle newsletter Morningstar.

Clicca qui.

LEGGI ALTRI ARTICOLI SU
Facebook Twitter LinkedIn

Titoli citati nell'articolo

Nome TitoloPrezzoCambio (%)Morningstar Rating
Altria Group Inc41,37 USD2,45Rating
Hanesbrands Inc7,20 USD3,45Rating
Verizon Communications Inc39,16 USD3,13Rating

Info autore

Francesco Lavecchia

Francesco Lavecchia  è Research Editor di Morningstar in Italia