Stiamo riscontrando problemi intermittenti nella registrazione al sito da parte degli utenti. Stiamo lavorando per risolverli al più presto. Ci scusiamo per il disguido. Grazie per la pazienza.

Il titolo della settimana: Nvidia

Le criptovalute fanno male a Nvidia.

Andrew Willis 15/09/2022 | 10:18
Facebook Twitter LinkedIn

 

 

Bitcoin e altre criptovalute hanno iniziato a non usare più le schede grafiche per scopi di mining e probabilmente il recente andamento del titolo Nvidia (NVDA) risente di questa tendenza.

Questa rottura tra le criptovalute e le Graphics processing unit (GPU) di Nvidia è stata da molti attribuita alla forte caduta del prezzo delle monete virtuali ai minimi pluriennali. Anche se questo non è del tutto vero. La realtà è che Nvidia e le criptovalute si danneggiano a vicenda: le schede grafiche sono inefficienti rispetto all'hardware di mining utilizzato, le criptovalute alzano il prezzo delle GPU che diventano troppo costose per i produttori di giochi e, inoltre, le monete virtuali finiscono per consumare troppa energia. 

Nvidia e le sue schede GPU devono fare i conti con le crescenti difficoltà di mining che interessano sia le reti bitcoin che quelle ethereum. Ora, se Nvidia è già in difficoltà in questo momento, quanto è alta la probabilità che le criptovalute si siano spostate su hardware specializzati? 

Le entrate del segmento “games” di Nvidia sono in diminuzione
I risultati del secondo trimestre di Nvidia forniscono alcuni indizi sulla domanda di GPU (Graphics processing unit), evidenziando come le vendite ai produttori di videogame siano in calo del 44% nell'ultimo trimestre e del 33% nell'ultimo anno. Abhinav Davuluri, Sector Strategist di Morningstar, aveva previsto un rallentamento, anche a causa del crollo dei prezzi delle criptovalute che rischia di pesare sui conti del gruppo anche nei prossimi trimestri.

Gli investitori dovrebbero invece guardare con interesse il business dei data center di Nvidia, le cui vendite sono aumentate del 61% anno su anno. Inoltre, l’azienda potrebbe ritagliarsi una posizione nel segmento potenzialmente molto redditizio come quello dei veicoli a guida autonoma e nel metaverso, e ci aspettiamo in futuro anche un ritorno della domanda di schede grafiche per i giochi. 

Per Morningstar, sono Andrew Willis.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Iscriviti alle newsletter Morningstar.

Clicca qui.

LEGGI ALTRI ARTICOLI SU
Facebook Twitter LinkedIn

Info autore

Andrew Willis  Editor per Morningstar Canada