Stiamo riscontrando problemi intermittenti nella registrazione al sito da parte degli utenti Premium. Stiamo lavorando per risolverli al più presto. Ci scusiamo per il disguido. Grazie per la pazienza.

Il crollo delle criptovalute spiegato

Secondo i critici non hanno valore intrinseco, mentre i fan resistono alle montagne russe. E voi, sapete qual è la vostra posizione nei confronti delle criptovalute?

Ollie Smith 21/07/2022 | 09:06
Facebook Twitter LinkedIn

 

 

Ollie Smith: Da alcuni mesi le criptovalute stanno vivendo un momento drammatico. A discuterne qui con me c’è Dan Kemp, chief investment officer di Morningstar Investment Management (MIM). Dan, cosa c’è dietro questo crollo? Cosa sta succedendo?

Dan Kemp: Ciao Ollie. Sì, il momento è drammatico. Bitcoin, la cripto più conosciuta, ha perso più della metà del proprio valore negli ultimi sei mesi (il video è stato registrato il 14 giugno 2022, Ndr). Un crollo verticale che ha accelerato nelle ultime settimane. Sembra proprio che ciò che stia guidando questo ribasso sia un cambio nel sentiment. Quando un asset come le criptovalute, che non hanno alcun valore intrinseco, nessun flusso di cassa, sono soggette a un cambio del sentiment degli investitori, ciò che era alla moda diventa subito fuori moda.

Ora, molte persone lo collegano a quello che stanno vivendo i titoli tecnologici, alla risalita dei tassi d’interesse, ecc. Io non sono così sicuro di questo, credo che il cuore di questa tendenza sia un brusco cambio nel sentiment e questo ci ricorda che gli asset guidati esclusivamente dal sentiment sono pericolosi per gli investitori.

Smith: Certo. Abbiamo già visto movimenti estremi nel mondo cripto. Come si confronta il momento attuale con il passato?

Kemp: Sì, abbiamo già visto alti e bassi e le cripto entrare e uscire dalle grazie degli investitori, con movimenti estremi in salita e in discesa. Alcuni potrebbero pensare che quello attuale sia solo un altro momento di volatilità e che anzi le cripto siano molto più a buon mercato ora di quanto non lo fossero in precedenza. Ma ogni investimento è analizzato e giudicato da un’idea di valore intrinseco, se questo viene a mancare allora non possiamo stabilire quale sia un prezzo giusto per entrare o uscire. Anche se li abbiamo già visti, momenti del genere spaventano gli investitori.

Smith: Per chiudere, qual è il tuo messaggio per quanto riguarda l’investimento in cripto?

Kemp: Innanzitutto, è fondamentale per ogni investimento avere una prospettiva di lungo termine. Gli ultimi mesi ci hanno mostrato che fare trading con le cripto può essere molto pericoloso. In secondo luogo, è importante sapere perché si vuole detenere un certo asset in portafoglio e quale sia il suo valore intrinseco. È da molto tempo che sosteniamo che, proprio perché le cripto non hanno un valore intrinseco, l’unica ragione per cui potrebbero avere del valore è la loro scarsità. E anche se una particolare criptomoneta può essere scarsa, abbiamo visto un numero impressionante di nuove cripto venire lanciate negli ultimi mesi, non c’è scarsità a livello generale.

Quindi è molto difficile a livello generale stabilire un valore intrinseco per le cripto. E quando non c’è valore intrinseco, ecco che si hanno questi movimenti estremi guidati dal sentiment. Quindi, se possiedi delle criptovalute, devi sapere il perché le possiedi e quali sono le tue aspettative sul lungo periodo.

Smith: Grazie Dan. Per altre informazioni e analisi sul mondo cripto seguite il sito di Morningstar. Sono Ollie Smith, alla prossima.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Facebook Twitter LinkedIn

Info autore

Ollie Smith  è editor di Morningstar UK